26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/12/2004, 00.00

    VATICANO - asia

    Appello del Papa per le popolazioni dell'Asia



    Cor Unum ha inviato aiuti ed apre una sottoscrizione.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Il clima natalizio di questi giorni spinga i fedeli e "tutti gli uomini di buona volontà" a contribuire generosamente all'opera di solidarietà verso le popolazioni asiatiche, così duramente colpite. E' l'appello lanciato oggi da Giovanni Paolo II, tornato a chiedere l'aiuto di tutti per le vittime del terremoto e dello tsunami.

    "Le notizie che continuano a giungere dall'Asia - ha detto nel corso dell'udienza generale - mostrano sempre più la vastità dell'immane catastrofe, che ha colpito in particolare l'India, l'Indonesia, lo Sri Lanka e la Thailandia. La comunità internazionale e molte organizzazioni umanitarie si sono rapidamente mobilitate per i soccorsi. Così stanno facendo anche numerose istituzioni caritative della Chiesa".

    "Nel clima natalizio di questi giorni - ha proseguito il Papa - invito tutti i credenti e gli uomini di buona volontà a contribuire generosamente a questa grande opera di solidarietà verso popolazioni già duramente provate ed esposte ora al rischio di epidemie. Io resto loro molto vicino con l'affetto e la preghiera, specialmente a quanti sono feriti e senzatetto, mentre affido alla misericordia divina le innumerevoli persone che hanno perso la vita. Per tutti preghiamo''.

    Ieri 'Cor Unum', il Pontificio consiglio che porta nel mondo la carità del Papa, aveva fatto sapere che soccorsi da esso coordinati sono già giunti in Sri Lanka, India, Thailandia, Indonesia e Somalia. Cor Unum aggiungeva che "quanti vogliono affidare al Santo Padre il loro gesto d'amore per gli sventurati fratelli asiatici possono farlo tramite versamento su conto corrente postale n. 603035 intestato a Pontificio consiglio Cor Unum, 00120 Città del Vaticano, indicando la motivazione 'emergenza Asia'''.

    Cor Unum ricorda inoltre che alcune Caritas hanno già inviato sul posto esperti al fine di sostenere l'opera delle varie Caritas nazionali e che i "Jesuit Refugees services" stanno appoggiando l'azione delle Chiese locali. (FP)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2005 PAKISTAN
    Pakistan, gara di solidarietà per le vittime dello tsunami

    Cristiani e musulmani marciano insieme per chiedere fondi casa per casa, da devolvere a chi ha perso tutto.



    11/01/2005 THAILANDIA
    Case, barche, scuole e borse di studio per le vittime dello tsunami

    La Chiesa thai lancia un progetto in 5 punti per ricostruire la vita nelle zone colpite dal maremoto. La solidarietà fra cristiani e musulmani.



    29/12/2004 FILIPPINE
    Filippine, la solidarietà della Chiesa cattolica alle vittime del maremoto

    I vescovi chiedono preghiere per le vittime e aiuti per i sopravvissuti anche a chi, nelle Filippine, è stato colpito da frane e tifoni.



    29/12/2004 asia
    Il soccorso cattolico d’Asia alle vittime del terremoto
    Solidarietà e aiuti da tutta la Chiesa in Asia. Per la prima volta cattolici cinesi inviano denaro all’estero per aiuti.

    26/01/2005 asia
    Un mese dopo lo tsunami, i cristiani in prima linea negli aiuti e nel ricostruire




    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®