05/06/2018, 09.00
INDIA
Invia ad un amico

Arcivescovo di Goa, lettera pastorale sul problema della povertà

di Nirmala Carvalho

Mons. Filipe Neri Ferrao divulga le linee-guida dell’arcidiocesi per il 2018-2019. I media indiani paragonano il documento alla lettera dell’arcivescovo di Delhi, che ha suscitato un mare di polemiche tra i nazionalisti indù. L’arcivescovo sottolinea che il testo “verte su come alleviare la povertà nelle sue varie forme, tanto economiche quanto delle emozioni”.

Mumbai (AsiaNews) – Il problema della povertà nelle sue diverse sfaccettature. È il focus principale della lettera pastorale di mons. Filipe Neri Ferrao, arcivescovo di Goa e Daman. I principali giornali indiani però hanno ripreso soprattutto l’allarme del prelato sul presunto pericolo che corre la Costituzione indiana e l’invito ai cattolici e rendersi più protagonisti in politica in vista delle elezioni generali del 2019.

Ad AsiaNews p. Loila Pereira, segretario dell’arcivecovo, afferma: “La lettera pastorale, di 15 pagine di lunghezza, viene redatta ogni anno dall’arcivescovo. Il tema principale di tale lettera è la povertà, nelle sue differenti forme. All’interno di queste 15 pagine, una sola dichiarazione sulla Costituzione non fa la lettera pastorale”. I media infatti stanno paragonando l’iniziativa pastorale dell’arcivescovo di Goa a quella dell’arcivescovo di Delhi, in cui invita a digiunare e pregare per le elezioni generali del prossimo anno

Il documento dell’arcivescovo Ferrao è stato divulgato il 3 giugno durante una messa presieduta dallo stesso prelato e in cui egli ha confermato nella fede 156 cattolici. Il testo si concentra sulle condizioni di povertà in cui versa il mondo, il Paese e in particolare l’arcidiocesi di Goa e Daman. La lettera tenta di suggerire modi e mezzi con cui contrastarla a livello personale, spirituale e nella società. Parla inoltre delle iniziative da attuare a livello parrocchiale e tra i giovani. Tutti questi propositi, sottolinea il prelato, devono rendere visibile "l'amore preferenziale di Gesù per i poveri".

La lettera è rivolta “a sacerdoti, religiosi, laici e persone di buona volontà” che vivono nell’arcidiocesi. Essa è stata resa pubblica durante una cerimonia organizzata nella chiesa di Nostra Signora Madre dei poveri a Tilamola. Nella sua introduzione, l’arcivescovo ricorda che nel precedente documento pastorale per il periodo 2017-2018, egli invitava “i cattolici e tutte le persone di buona fede a importanti responsabilità sociali” ed esprimeva soddisfazione per il modo in cui la Chiesa di Goa aveva affrontato molte di esse. “Questa lettera pastorale [del 2018-2019] verte su come alleviare la povertà nelle sue varie forme, tanto economiche quanto spirituali, che si producono dal rifiuto, dall’umiliazione e dall’abuso, non dimenticando coloro che sono ostracizzati dalla società per varie ragioni, quali la mancanza d’istruzione, la vecchiaia, la malattia, la disoccupazione, il carcere o altri tipi di discriminazione sociale”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nazionalisti indù contro il Vaticano: ‘istiga la Chiesa indiana contro Modi’
08/06/2018 10:27
Radicali indù contro l’arcivescovo di Goa: ‘Non faccia politica’ (Video)
06/06/2018 11:29
Gesuita indiano: la Chiesa ha diritto ad intervenire nella società
14/06/2018 10:57
Superiori maggiori dell’India: lavoriamo per il Paese, nonostante le critiche
31/05/2018 11:24
Ministro dell’Interno risponde all’arcivescovo di Delhi: le minoranze non sono discriminate
23/05/2018 10:15