2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/09/2012
LIBIA - ISLAM
Arresti a Bengasi per l'attacco al consolato Usa. Il mondo islamico si infiamma contro il film su Maometto
Ancora non sicuri i mandanti: qualcuno ipotizza l'influenza di al Qaeda, altri quella di gruppi ancora fedeli a Gheddafi. Gli arrestato sono stati interrogati, ma per ora senza risultato. In molti Paesi islamici dimostrazioni davanti alle ambasciate Usa per criticare il film blasfemo. Oggi, venerdì', giorno di preghiera, si attende una nuova ondata di manifestazioni. Ieri in Egitto vi sono stati 224 feriti e 23 arresti. In Yemen quattro persone sono state uccise e 34 ferite. In Afghanistan, Pakistan, Indonesia bloccato Youtube. I leader musulmani condannano il film e le violenze anti-Usa.

Bengasi (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità libiche hanno arrestato diverse persone sospettate di aver istigato e partecipato all'assalto e all'incendio del consolato Usa. Nell'attacco sono stati uccisi l'ambasciatore statunitense Christopher Stevens e tre persone del suo staff, oltre a 10 guardie libiche. Intanto in tutto il mondo islamico si susseguono manifestazioni contro il film blasfemo su Maometto. I governi chiedono il blocco della pellicola, ma condannano anche le violenze contro gli obbiettivi Usa.

Il primo ministro libico Mustafa Abu Shaqur ha dichiarato che l'inchiesta sull'attacco al consolato sta facendo progressi. Gli arrestati sono stati interrogati. L'ipotesi più probabile è che la manifestazione contro il film sia stata architettata apposta per preparare l'attacco. Si pensa che gli autori siano militanti ben armati, anche se finora nessuno ha rivendicato in modo ufficiale l'atto terrorista. Alcuni esperti suppongono che i terroristi siano legati ad al Qaeda in Pakistan o in Nord Africa. Altri ipotizzano la mano di alcuni fedeli a Gheddafi.

In tutto il mondo le ambasciate americane sono state messe sotto stretto controllo, dopo che in Egitto e Yemen migliaia di manifestanti sono riusciti ad assaltare le mura e bruciare la bandiera americana.

A Sanaa (Yemen), negli scontri con le forze dell'ordine vi sono stati quattro morti e 34 feriti.

In Egitto da tre giorni una folla di migliaia di persone staziona lungo la strada che porta all'ambasciata e ieri si è scontrata con le forze dell'ordine. Almeno 224 persone sono rimaste ferite negli scontri, alcune camionette della polizia sono state date alle fiamme e 23 dimostranti sono stati arrestati.

In Iran la guida suprema Ali Khamenei ha accusato americani e sionisti di aver realizzato il film anti-islam "folle e odioso" e un gruppo di studenti ha manifestato davanti all'ambasciata svizzera, che cura anche gli interessi Usa in Iran.

In Iraq, migliaia di sostenitori del leader sciita Moqtada al Sadr hanno sfilato a Baghdad, Najaf e Kirkuk, minacciando di mettere in pericolo gli interessi americani nel Paese.

In Kuwait almeno 200 persone hanno manifestato davanti all'ambasciata Usa portando striscioni con scritte del tipo: "Usa, fermate la m..... Rispettateci" (v. foto).

In Nigeria la polizia ha messo in stato di allerta la polizia e ha rafforzato le misure di sicurezza attorno alle ambasciate straniere. In Bangladesh migliaia di persone volevano arrivare all'ambasciata americana, ma sono state fermate dall'esercito.

A Gaza, migliaia di palestinesi hanno marciato esigendo le scuse degli Stati Uniti per l'offesa a Maometto.

In Afghanistan, Pakistan, Indonesia i governi hanno chiesto a Google di bloccare la visione degli spezzoni del film postato su Youtube.

In tutti i Paesi islamici si attende una nuova ondata di manifestazioni per oggi, giornata di preghiera nelle moschee.

Diversi governi, mentre condannano la provocazione del film, condannano pure le violenze islamiste. L'Arabia saudita ha condannato come "irresponsabile" la produzione del film da parte di un ebreo americano, ma ha anche deplorato "le reazioni violente in vari Paesi contro gli interessi americani".

Anche il presidente egiziano Mohammed Morsi, in questi giorni a Bruxelles, ha rifiutato "le aggressioni o l'insulto contro il nostro profeta", ma ha anche condannato senza riserve gli attacchi violenti. I Fratelli Musulmani hanno lanciato per oggi una manifestazione non violenta davanti a tutte le grandi moschee dell'Egitto, invitando anche i cristiani copti.

In Libia, ieri sono avvenute manifestazioni di persone che condannavano l'attacco violento al consolato Usa.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/09/2012 LIBIA - USA
Navi da guerra e marines a Tripoli, per la "guerra" del film anti-Islam
24/09/2012 PAKISTAN – STATI UNITI
Chiesa colpita nelle proteste contro il film anti-islam. La condanna di leader cristiani e musulmani
28/09/2012 USA - ISLAM
Arrestato l'uomo che ha prodotto il film anti-islam
12/09/2012 LIBIA-EGITTO-USA
Attacchi al consolato Usa a Bengasi e all'ambasciata al Cairo. Un morto
17/09/2012 PAKISTAN
Cristiani e musulmani pakistani condannano il film blasfemo su Maometto
di Shafique Khokhar

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate