20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/08/2017, 12.10

    INDONESIA

    Asian Youth Day, la Laudato Si’ ha cambiato la vita dei giovani cattolici

    Mathias Hariyadi

    Jonathan Cho era un ragazzo solitario e sedentario, ora è molto impegnato in iniziative per la salvaguardia dell’ambiente. Sumbal Tariq: “Ispirata dall’enciclica, sono impegnata nel piantare alberi e proteggere le sorgenti d'acqua”. Mons. Pius Riana Prapdi, vescovo della diocesi di Ketapang: “I due ragazzi hanno saputo portare nelle loro vite lo spirito dell’enciclica e diventare valido esempio per gli altri”. P. Yohanes “Santo” Dwi Harsanto: “Imparare il coraggio di diffondere i valori sociali della dottrina e gli insegnamenti della Chiesa cattolica.

    Yogyakarta (AsiaNews) – Laudato si’, l’enciclica scritta da papa Francesco sul tema della tutela ed il rispetto dell’ambiente, ha ispirato e cambiato la vita di due giovani cattolici asiatici.

    Jonathan Cho, originario di Hong Kong, e Sumbal Tariq, studentessa di Islamabad (Pakistan), hanno raccontato la propria esperienza ai ragazzi che lo scorso 3 agosto hanno preso parte ad uno degli incontri organizzati nella seconda giornata dell’Asian Youth Day a Yogyakarta (foto 1 e 2).

    Durante il dibattito sono intervenuti anche mons. Pius Riana Prapdi, vescovo della diocesi di Ketapang, provincia di West Kalimantan (Indonesia) e p. Yohanes “Santo” Dwi Harsanto, sacerdote diocesano di Semarang, diocesi ospitante la manifestazione cattolica giovanile, e membro del Comitato organizzativo.

    Jonathan Cho era un ragazzo solitario e sedentario, che fuggiva le occasioni di socializzazione, in favore dei suoi gadget tecnologici. Tuttavia, grazie ad un gruppo di studio biblico, egli ha potuto leggere ed apprezzare l’enciclica del papa. Questo lo ha cambiato in maniera profonda e radicale, trasformando uno stile di vita “concentrato su sé stesso” ad uno “finalizzato al sociale”. Da allora Jonathan è diventato un vero amante della natura ed è molto impegnato in iniziative per la salvaguardia dell’ambiente. “L'ecologia e l'ambiente non sono argomenti significativi ad Hong Kong. La nostra vita quotidiana è più focalizzata su questioni economiche, come gli investimenti finanziari”.

    Sumbal Tariq ha spiegato ai presenti quanto l’acqua e la sua conservazione siano temi di cruciale importanza nella sua città. “Ispirata dalla Laudato si’ – ha raccontato la giovane – ho cominciato a impegnarmi nel piantare alberi e proteggere le sorgenti d'acqua come i fiumi, cercando di impedire che vi si gettino i rifiuti”.

    Mons. Prapdi ha ribadito come i due ragazzi, seppur provenienti da contesti sociali e ambientali così diversi, rappresentino entrambi un modello di giovani cattolici che hanno saputo portare nelle loro vite lo spirito dell’enciclica e diventare valido esempio per gli altri. Il vescovo ha poi raccontato le serie sfide ambientali che ogni giorno si trova ad affrontare nella sua diocesi, che si estende su un vasto e remoto territorio. I numerosi impianti di estrazione mineraria, legali e non, e la deforestazione per le piantagioni intensive di palma sono solo due delle minacce all’equilibrio dell’eco-sistema del West Kalimantan.

    P. Yohanes “Santo” Dwi Harsanto ha infine invitato tutti i presenti a trarre insegnamento dalle testimonianze di Jonathan e Sumbal, dai quali tutti i ragazzi dell’Ayd possono imparare il coraggio di diffondere i valori sociali della dottrina e gli insegnamenti della Chiesa cattolica.

    Nella stessa giornata, durante la sessione plenaria dal tema “Apprezzare e celebrare la nostra diversità”, mons. Prapdi ha accompagnato sul palco p. Dominicus Bambang Sutrisno (foto 3). Egli è un prete diocesano della diocesi di Semarang che assiste centinaia di anziani nella Domus Pacis di Yogyakarta, una casa di riposo per sacerdoti. Fin da bambino, p. Sutrisno è affetto da una disabilità ad un piede, che ora lo costringe su una sedia a rotelle e condiziona la sua opera pastorale. L’anziano prete ha raccontato ai giovani presenti la sua personale “battaglia spirituale” per combattere la frustrazione dovuta alla sua infermità, prima di trovare conforto nella presenza di Dio che gli ha consentito di socializzare con il prossimo. Nel suo appello a non preoccuparsi per le disabilità fisiche, p. Sutrisno ha dichiarato: “Se non si ha più coraggio, allora non si è più giovani”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/08/2017 15:59:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, hanno collaborato più di 100 ragazzi e ragazze musulmane

    L’organizzazione dell’Asian Youth Day (Ayd) in Indonesia rappresentava una grande sfida. Negli ultimi mesi, la nazione ha registrato un forte aumento degli episodi di intolleranza verso le minoranze religiose. Un giovane musulmano: “L’Indonesia ed i suoi musulmani hanno la responsabilità della riuscita di questo evento”. L’esperienza di dialogo tra i giovani cattolici asiatici e i coetanei musulmani della terza giornata dell’Ayd. “Quest’incontro fa sì che la nostra tolleranza non sia una tolleranza silenziosa”.



    07/08/2017 13:11:00 INDONESIA
    Si conclude l’Asian Youth Day. Il messaggio di papa Francesco

    Il pontefice invita i giovani asiatici a guardare alla Madre del Signore. Il papa esprime l’augurio che i ragazzi sappiano “ascoltare con maggiore attenzione la chiamata di Dio e che rispondano alla loro vocazione, con fede e coraggio”. Più di 20mila cattolici delle comunità cattoliche dell’isola di Java, insieme ai delegati, hanno assistito alla cerimonia di chiusura dell’Asian Youth Day. Nel 2020 sarà l’India il Paese ospitante l’ottava edizione della manifestazione giovanile.



    04/08/2017 16:59:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, cardinali e vescovi insieme ai leader musulmani in nome del dialogo

    La manifestazione giovanile di Yogyakarta ha un forte risvolto interreligioso. Nella giornata di oggi, dal tema “L’unità nella diversità culturale”, si è svolto un incontroa sulla coesistenza. I leader islamici: “Radicalismo e terrorismo sfide da vincere insieme”. Il card. Patrick D’Rozario di Dhaka: “Intolleranza e terrorismo non sono espressione dei valori autentici della cultura asiatica”. Il prof. Syafi’i Maarif, ex presidente di Muhammadiyah: “Corruzione, ingiustizie sociali e ‘arabizzazione’ sono le cause del settarismo in Indonesia”. 



    03/08/2017 12:01:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, ministro indonesiano: ‘chiamati a promuovere tolleranza e solidarietà’

    Lukman Hakim Saifuddin, ministro per gli Affari religiosi: “Allora non ci saranno più pregiudizi basati sull'etnia e sulla religione”. Presente alla cerimonia d’apertura della manifestazione anche Hamengku Buwono X, sultano e governatore di Yogyakarta. Mons. Robertus Rubyatamoko, arcivescovo di Semarang e presidente del Comitato organizzatore: “Sperimentare la vera ‘identità sociale’ delle nazioni asiatiche: la diversità e la società pluralistica”.



    02/08/2017 15:25:00 INDONESIA
    Asian Youth Day: la missione dei giovani nella compassione e la collaborazione

    L’importanza della manifestazione di Yogyakarta in previsione del sinodo dedicato ai giovani del 2018. Il card. Patrick D’Rosario: “La Chiesa d’Asia affronta  molti problemi sociali, soprattutto la povertà. I giovani cattolici partecipino alla sua missione”. I ‘frutti spirituali’ dell’Ayd devono trovare applicazione nella vita reale dei giovani cattolici.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®