27 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2010, 00.00

    INDIA

    Attivista indiano: sulla libertà religiosa ha ragione il Papa

    Lenin Raghuvanshi

    Lenin Raghuvanshi, impegnato nel campo dei diritti umani commenta ad AsiaNews il messaggio lanciato da Benedetto XVI per la Giornata mondiale della pace: “la libertà religiosa è la via verso la pace”. Riportando il caso dell’India, prigioniera del nazionalismo fondamentalista indù.
    New Delhi (AsiaNews) – “Sua Santità il Papa ha piena ragione quando dichiara che la libertà religiosa è la via verso la pace”. Dove non è rispettato questo diritto, vi sono le basi del fascismo. Lenin Raghuvanshi, direttore esecutivo del “Comitato di vigilanza del popolo sui diritti umani”, parla ad AsiaNews della necessità di rispettare la libertà religiosa per costruire una convivenza davvero giusta e pacifica. Il dott. Raghuvanshi ha vinto il premio Weimar per i Diritti umani 2010 e il Premio Gwanju per i Diritti Umani nel 2007.

    Se la società desidera una pace sostenibile, ci deve essere libertà religiosa e libertà di coscienza: la mancanza della libertà religiosa conduce all’intolleranza, a ostilità e tensioni.

    La libertà religiosa presuppone che lo Stato non intervenga nella sfera della religione, e che non eserciti un controllo sulle coscienze: tutte le democrazie del mondo devono assicurare e garantire la libertà di religione. Il progresso e lo sviluppo di una democrazia saranno il risultato di una società pacifica e tollerante.

    Quando tutta la popolazione, comprese le minoranze linguistiche e i gruppi etnici, hanno la libertà di praticare la propria fede, i riti e le espressioni religiose, questo conduce a una società armoniosa e unita, che crea un ambiente favorevole per il progresso e la prosperità della nazione.

    Ogni società che non garantisce la libertà religiosa produce e stimola un fascismo comune. Il nazionalismo in politica è preliminare al fascismo. Nel fascismo nazionalista c’è l’abuso della filosofia fondamentalista religiosa nel nome del bene politico, per usurpare il potere politico e tentare di stabilire una supremazia nella società.

    Per esempio in India le forze fasciste indù abusano della loro religione per portare il voto a politici. Ma il Bharatiya Janata Party (Bjp – il partito nazionalista indù) e il resto del Sangh Parivar non sono intimoriti dalla spaventosa prospettiva. Mentre non c’è alcuno sforzo per risolvere i principali problemi sociali come la povertà, la disoccupazione, la sanità e la giustizia.

    In India, oggi, non si tratta solo di nazionalismo in politica, ma piuttosto di fascismo di Stato sotto le brigate Hindutva [la destra nazional-religiosa indù, ndR]. Il Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss) è una forza fascista indù nata nel 1925. Il suo fondatore Guru Golwalker, che aveva massima stima di Hitler e Mussolini, descriveva l’India come un Paese di puri indù, e gli islamici come cittadini di seconda classe. Il massacro del Gujarat del 2002 e il massacro del Kandhamal in Orissa nel 2008 sono stati una realizzazione di questo male. Dove ogni cosa è stata polarizzata e i sostenitori sono solo un esempio delle forze nazionaliste fasciste.

    In India distruggere la democrazia laica significa distruggere la sua unità e integrità. Per questo è tanto attuale quello che Sua Santità il Papa - che è il più rispettato leader spirituale, e un ardente difensore della pace e dei diritti umani nel mondo – ha detto nella sua profetica invocazione nella Giornata mondiale della pace: che la libertà religiosa è la via verso la pace.

    Il pericolo posto dalla dittatura di casta ha creato un nuovo legame tra nazionalismo fascista e indù, e una struttura basata sull’esclusione. Fino a quando tutte le forze progressiste collaborano per eliminare il bramanesimo dalle loro radici, la dittatura patriarcale dei Manu non rimarrà tale e si svilupperà. Anche se ben poco può essere fatto in così breve tempo, il fascismo nazionalista non è stato cacciato. Il pericolo del fascismo nazionalista indiano per il mondo intero è che una persona ogni cinque al mondo sia indiana.

    Lo stesso può dirsi delle forze fasciste nazionaliste in Pakistan, dove la maggioranza vuole usurpare il potere politico e discriminare le minoranze, colpendole con violenze e soggiogandole a uno status di cittadini di seconda classe.

    Per questo la libertà religiosa è la base della democrazia. Le forze politiche usano la mancanza di libertà religiosa per emarginare le minoranze. La politicizzazione della religione è causata dalla mancanza di libertà religiosa in una società.

    È urgente che i leader mondiali prendano in seria considerazione il messaggio del Santo Padre – che la libertà religiosa è la via verso la pace – se vogliono promuovere una pace sostenibile in tutto il mondo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/01/2011 INDIA
    Attivista indiano: Libertà religiosa, base per la vita umana e la democrazia
    Lenin Raghuvanshi commenta per AsiaNews il discorso di Benedetto XVI al corpo diplomatico. La vita e la dignità umane sono connesse alla libertà religiosa, valore fondamentale di ogni società che si definisce democratica. Se essa viene negata, lo Stato viene spinto verso il fascismo.

    30/12/2010 INDIA
    Card. Gracias : la libertà religiosa è la via della pace anche per l'India
    L’arcivescovo di Mumbai offre una sua riflessione sul Messaggio del Papa per la Giornata mondiale della pace. Egli chede che i leader spirituali indiani promuovano tolleranza e pace verso gli altri credenti. “E’ estremamente penoso vedere che la libertà religiosa è negata in particolare nel nostro continente, che è la culla delle grandi religioni del mondo”.

    27/10/2011 VATICANO
    Il Papa parte in treno dalla stazione vaticana per Assisi 2011
    Inizia la Giornata “pellegrini della verità, pellegrini della pace”. Insieme al pontefice, 300 delegati da oltre 50 Paesi del mondo. Almeno 100 vengono dall’Asia; le presenze musulmane sono in crescita. A differenza dall’Assisi 1986, questa volta vi sono anche rappresentanti non appartenenti a nessuna religione, ma “alla ricerca della verità”. Nessuna preghiera comune. L’arrivo ad Assisi previsto per le 9.45.

    16/12/2010 PACE 2011
    Fondamentalismo e relativismo, nemici della libertà religiosa e della pace
    Nel suo Messaggio per la Giornata mondiale della pace 2011, Benedetto XVI mostra solidarietà ai tanti cristiani perseguitati (Iraq, Terra Santa,…), ma mette in luce anche che la persecuzione viene non solo dal terrorismo islamico, ma anche dalle società secolarizzate occidentali che soffocando la dimensione religiosa, eliminano un elemento importante per la vita dell’uomo e la convivenza fra i popoli.

    04/01/2011 INDIA
    Orissa: diacono il figlio di un martire dei pogrom, dono di Dio per la Chiesa perseguitata
    Karunanakar Digal è stato ordinato insieme ad altri 4 seminaristi, tra cui che hanno ricevuto il sacerdozio. La cerimonia si è tenuta oggi nella cattedrale di San Vincenzo a Bhubaneswar (Kandhamal) davanti a oltre 500 fedeli. Sacerdote:“I pogrom hanno fatto sì che il nostro popolo esprima ora la fede con coraggio e convinzione”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®