30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/07/2012, 00.00

    SIRIA

    Ban Ki-moon alla ricerca di una soluzione politica per la crisi siriana



    Il segretario dell'Onu propone di sostituire la missione degli osservatori militari con una "civile". Per la Clinton Cina e Russia "pagheranno un prezzo" per il loro appoggio ad Assad, che subisce un duro colpo con l'abbandono di un generale della fedelissima Guardia repubblicana.

    Beirut (AsiaNews) - Sostituire la missione degli osservatori militari in Siria - mirante a monitorare un inesistente cessate il fuoco - con una civile dall'obiettivo di trovare una soluzione politica al conflitto e occuparsi di questioni come i diritti umani. E' la proposta che il segretario generale dell'Ponu, Ban Ki-moon, ha avanzato ieri sera al Consiglio di sicurezza, che ne dovrebbe discutere mercoledì prossimo e dovrebbe votarla il 18.

    La proposta di Ban Ki-moon da un lato è l'ammissione formale dell'inutilità della missione dei 300 osservatori militari - il dispiegamento dei quali era parte del piano di pacificazione elaborato da Kofi Annan - dall'altro appare destinato a trovare concreta impossibilità di funzionamento nei prevedibili veti degli opposti schieramenti interni e internazionali.

    Ancora ieri, infatti, la rinione a Parigi degli "Amici della Siria" (nella foto, l'incontro di tunisi) ha visto l'approvazione da parte di più di 100 Stati di una mozione che chiede alle Nazioni Unite nuove sanzioni contro il governo di Damasco, esclude la possibilità che il presidente Assad sia parte della transizione verso la pace, ma  esclude l'uso della forza e anche la minaccia di usarla.

    A margine di questo incontro, il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, ha affermato che Cina e Russia "pagheranno un prezzo" per la difesa ad ogni costo che stanno facendo del regime di Damasco. Frase definita "scorretta" dal viceministro degli Esteri russo, Gennady Gatilov.

    Sul fronte interno, si dà grande significato alla defezione di Manaf Tlas, generale della Guardia repubblicana - considerata fedelissima di Assad - e amico personale del presidente siriano. Per il ministro deggli Esteri francese Lauren Fabius l'accaduto indica che anche nel circolo più ristretto di Assad ci si sta rendendo connto che "non si può sostenere un macellaio". (PD)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/12/2011 SIRIA
    La Siria accetta gli “osservatori” della Lega Araba
    L’accordo firmato ieri, nel giorno nel quale l’assemblea dell’Onu approva una risoluzione di condanna contro Damasco, con l’astensione della Russia che presenta una sua mozione in Consiglio di sicurezza. Ieri ci sono stati 108 morti: tra loro 60 soldati che stavano cercando di lasciare il loro campo per unirsi agli oppositori.

    20/04/2012 SIRIA
    Onu: "molto fragile" il cessate il fuoco in Siria
    La Cina offre appoggio alla missione degli osservatori prevista dall'accordo tra Damasco e le Nazioni Unite. Anche oggi notizie di manifestazioni e bombardamenti. Gli Usa per un ulteriore inasprimento delle sanzioni, che comprenda l'embargo delle armi.

    30/04/2012 SIRIA
    A Damasco il capo degli osservatori Onu: possiamo fare la differenza, se tutti collaborano
    Ma tra la notte e stamattina ancora violenze con morti e feriti. Secondo l'opposizione, la presenza dei primi osservatori è già servita a far diminuire le violenze a Homs, da dove però si è allontanato il 90% dei cristiani. La difficile situazione di una comunità stretta tra la dittatura del regime e un futuro segnato dall'islamismo.

    03/05/2014 UCRAINA - RUSSIA
    Ucraina, rilasciati gli osservatori Osce: stanno tutti bene
    Il gruppo - composto da 7 stranieri e 5 ucraini - era da una settimana nelle mani di milizie separatiste filo-russe nella parte orientale del Paese. Il rilascio è avvenuto "senza condizioni": gli osservatori sono in buone condizioni. Mosca accusa Kiev per le violenze di Odessa, che hanno provocato circa 40 morti, e annuncia: "Non abbiamo più alcuna influenza sui separatisti".

    08/03/2007 LIBANO
    Sfeir: serve una “soluzione libanese” ad una crisi che dura da troppo tempo
    Dai vescovi maroniti la “costatazione” che “rimangono lontani” i punti di vista di Damasco e Beirut. Sarebbe una dimostrazione di incapacità nazionale se il tribunale internazionale dovesse essere imposto dalle Nazioni Unite.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®