18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/04/2012, 00.00

    BANGLADESH

    Bangladesh: Musulmane per nascita, cristiane per amore a Cristo (più che al marito)

    Maria Gomes

    Maria e Teresa si sono convertite al cristianesimo per sposarsi. I matrimoni si rivelano fallimentari: il marito della prima beve ed è un violento; il secondo non vuole lavorare. Entrambe però, scelgono di restare fedeli ai loro uomini e a Cristo. “Un amore diverso”, dice Maria, “che mi rende felice”.

    Dhaka (AsiaNews) - Musulmane per nascita, cristiane per amore. Accade spesso in Bangladesh di imbattersi in equazioni simili. Il matrimonio infatti è una delle ragioni principali per cui avvengono le conversioni nel Paese. In questi casi, può sembrare difficile parlare di conversione "genuina", dettata da un'autentica ricerca di Dio. Tuttavia, non è raro trovare donne che vivono una fede piena e matura, anche quando l'unione sentimentale, invece, vacilla.

    È il caso, per esempio, di Maria. "Da ragazza - racconta ad AsiaNews - mi sono innamorata di questo giovane. Volevamo sposarci, ma lui era cristiano, così ho deciso di lasciare l'islam e farmi anch'io cristiana. Dopo il matrimonio però, è cambiato tutto: ho scoperto che è un ubriacone, e quando beve diventa violento". L'amore dei primi tempi cede il passo alle botte e alle offese. Eppure, la donna non ha mai pensato di abiurare il cristianesimo e tornare musulmana: "Mio marito si è rivelato un'altra persona. Con lui però ho trovato Gesù, che è un amore diverso, ma sono felice così".

    La situazione di Teresa è ancora più difficile. È giovane e anche lei viene da una famiglia islamica. I genitori non la ostacolano quando decide di convertirsi al cristianesimo per sposare il suo attuale marito, cattolico. Pur con dispiacere, la accompagnano e la sostengono in questa sua scelta di fede. Ma anche per Teresa il matrimonio si rivela qualcosa di diverso da quello che aveva immaginato. Il marito è uno sfaticato, con poca voglia di lavorare. In più, è malato di cuore: ha bisogno di cure e visite mediche continue. La loro unione però porta anche due bambini. All'improvviso, tutto ricade sulle spalle di Teresa, che fatica a mantenere i figli, occuparsi della casa e sopportare i capricci del marito.

    A un certo punto, la sua famiglia d'origine interviene: "Lascia quell'uomo, torna con noi insieme ai bambini". "No - risponde Teresa - mi sono fatta cristiana, mi piace la messa. Il parroco mi dà una mano. Ho promesso fedeltà a quest'uomo. Resto". Anche un sacerdote suo amico, che l'ha seguita e sostenuta nel suo cammino di fede, è stupito dalla forza e dalla convinzione mostrate dalla giovane sposa: "Anche se con dispiacere, non mi sarei stupito se avesse deciso di separarsi e tornare con i suoi. È costretta a subire di tutto dal marito, con in più la preoccupazione e la difficoltà di pensare da sola ai suoi bambini. Invece, ha una grande fedeltà anche alla dimensione religiosa che ha scelto. È cristiana perché ha deciso di accogliere Cristo".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2007 ISLAM - EGITTO
    Il caso Hegazi: un disegno mondiale di conversione all’Islam?
    Alcune teorie sulla conversione del mondo all’Islam sono un mito. Ma la propaganda costante e una specie di colonizzazione sociale e culturale dell’Islam in occidente è vera. L’Arabia Saudita dà il sostegno finanziario; la scristianizzazione dà il motivo religioso; l’ignoranza e l’impaccio dei governi in occidente fa il resto. La Terza (e ultima) parte di un’analisi di p. Samir Khalil Samir, gesuita egiziano, esperto di Islam.

    15/09/2017 09:00:00 TUNISIA-ISLAM
    Tunisi: le donne musulmane sono libere di sposare non musulmani

    Prima dovevano presentare un certificato che documentava la conversione all'islam del loro promesso sposo. La Tunisia all’avanguardia nei diritti umani: libertà di coscienza e maggiore tutela per le donne. 



    14/10/2014 BANGLADESH
    Allo studio una legge per le "spose bambine", per compiacere l'islam conservatore
    Il governo vorrebbe abbassare l'età minima per sposarsi: da 18 a 16 anni per le donne, da 21 a 18 per gli uomini. Ancora oggi l'80% delle ragazze si sposa prima di raggiungere la maggiore età.

    29/08/2007 ISLAM - EGITTO
    Il caso Hegazi: l’ossessione dell’Islam per le conversioni
    Il caso di Mohammad Hegazi, giovane egiziano convertito al cristianesimo, che vuole essere riconosciuto tale anche dal punto di vista legale, ha aperto nel mondo islamico un nuovo dibattito sulle conversioni, viste spesso come un’azione di apostasia che merita la morte. È emersa anche una vera e propria ossessione dell’Islam per le conversioni personali, essendo questa religione ridotta più a una sottomissione di tipo etnico e sociologico. Vi è chi parla perfino di un disegno per convertire all’Islam l’Europa e il mondo, al quale i governi europei danno una mano. La Prima parte di un’analisi di p. Samir Khalil Samir, gesuita egiziano, esperto di Islam.

    30/03/2016 12:58:00 MALAYSIA
    Sarawak: convertito con la forza all’islam da bambino, può tornare al cristianesimo

    Una sentenza dell’Alta corte Kuching del Sarawak approva la conversione di Roneey Anak Rebit, registrato all’anagrafe come musulmano. Il giudice ha citato l’articolo 11 della Costituzione, che garantisce la libertà religiosa. Sacerdote cattolico: “La conversione è stata possibile perché l’uomo non aveva mai vissuto da musulmano, ma per altri è quasi impossibile”.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®