26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/03/2007
CINA
Bao Tong: “La legge sulla proprietà privata segna la fine del maoismo”
Il politico, amico personale e segretario dell’ex segretario comunista Zhao Ziyang, critica anche le dichiarazioni di Wen Jiabao secondo cui la democrazia non può esistere prima di un’economia che garantisca ricchezza a tutti.

Pechino (AsiaNews) – La legge sulla proprietà privata “rappresenta l’ultimo atto dell’abolizione del comunismo cinese ideato da Mao Zedong: dopo giravolte e ripensamenti durati oltre 50 anni, la Cina ha chiuso il cerchio ed è tornata lì dove era partita”.
 
E’ il giudizio espresso da Bao Tong, ex membro del comitato centrale comunista e segretario personale ed amico di Zhao Zhiyang, sulla legge che tutela la proprietà privata, approvata dall’Assemblea nazionale del popolo lo scorso 16 marzo.
 
Bao, 74 anni, era uno dei principali consiglieri dell’ex capo del Partito comunista e il più importante funzionario arrestato per le proteste del 4 giugno 1989, perché insieme a Zhao si era opposto all’intervento dell’esercito con carri armati. Prima di cadere in disgrazia, e passare 7 anni in prigione, aveva lavorato a stretto contatto con l’attuale premier, Wen Jiabao.
 
Il politico, controllato dalla polizia 24 ore su 24, spiega a Radio Free Asia: “Con questa nuova legge, muoiono del tutto le teorie e le politiche lanciate da Mao nel 1953. Ora, la storia della Cina contemporanea dovrà essere riscritta, perché il Partito comunista ha rinnegato uno dei suoi capisaldi, l’abolizione della proprietà privata”.
 
In quest’ottica, i 40 milioni di morti durante la guerra civile, gli altri 40 milioni deceduti a causa della carestia provocata dal Grande balzo in avanti del 1958 e la violenza della Rivoluzione culturale “sono stati una tassa pesante, pagata con il sangue, per arrivare ad imparare questa lezione”.
 
Al momento, aggiunge, “è troppo presto per giudicare l’impatto della nuova legge sulla corruzione rampante in tutto il Paese. Proteggere i diritti dei singoli contro requisizioni di terre ed altri abusi è un passo ma non sono d’accordo con chi dice che avere una legge qualunque è meglio che non averla del tutto. Tuttavia, non voglio parlare troppo presto”.
 
In un’altra intervista, rilasciata al quotidiano di Hong Kong South China Morning Post, Bao ha poi criticato la teoria espressa dal suo ex collega Wen Jiabao, secondo cui “prima della democrazia viene l’economia”. Il premier “ha espresso questo concetto dopo attenta analisi e seria riflessione, ma non è ragionevole pensare di poter rinviare la democrazia a causa della povertà dei cittadini cinesi”.
 
In realtà, questa “è solo una scusa: perché non vengono approvate delle riforme democratiche in quelle grandi e ricche città della nazione come Pechino, Shanghai o Hong Kong, dove la vita è economicamente migliore?”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/03/2007 CINA
Anp: alla fine in Cina arrivò la proprietà privata
11/07/2005 CINA
Cina, presentata la prima legge che riconosce e tutela la proprietà privata
14/03/2004 cina - anp
Proprietà privata e diritti umani iscritti nella costituzione
05/03/2004 cina
Cambia la Costituzione su proprietà e diritti umani. Davvero?
di Bernardo Cervellera
05/03/2009 CINA
Bao Tong: Il potere assoluto del Partito soffocherà il popolo e l’economia
di Bao Tong
Articoli del dossier
CINA
Alla fine dell’Anp, Wen Jiabao tranquillizza, ma i problemi restano
CINA
Conferenza consultiva: “Il governo fermi la legge del figlio unico”
CINA
Pechino: la minaccia delle bolle speculative e dell'inflazione
CINA
La guerra alla corruzione “è lontana dall’essere vinta”
CINA
Anp: alla fine in Cina arrivò la proprietà privata
CINA
Pechino vuole una scuola "più funzionale" al mondo del lavoro
CINA
Anp: i dubbi sulle belle promesse di Wen Jiabao
CINA
Anp: crescono le spese per esercito, istruzione e sanità
CINA
Anp: le ferite della “società armoniosa”, senza democrazia

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate