09/09/2013, 00.00
SIRIA-USA-VATICANO
Invia ad un amico

Bashar Assad: Non ho usato armi chimiche. L'intelligence Usa gli dà ragione

In un'intervista a Cbs il presidente siriano denuncia la mancanza di prove. Fonti Usa dell'intelligence parlano di "prove manipolate". Il giudizio di papa Francesco sulle armi chimiche e l'impegno della Santa Sede per una conferenza di pace. Fra le priorità: garantire l'unità del Paese, uguale cittadinanza a cristiani e musulmani, denunciare i legami dei ribelli con Al- Qaeda.

Washington (AsiaNews) - Bashar Assad nega di aver usato armi chimiche contro il suo popolo. E lo fa in un'intervista alla televisione Cbs, che sarà diffusa oggi. Il presidente siriano afferma pure che non vi è "alcuna prova" che il suo governo abbia usato tali armi. Le sue dichiarazione fanno a pugni con quelle di Barack Obama e del segretario di Stato Usa John Kerry, che stanno lavorando per accrescere l'appoggio internazionale per un attacco contro la Siria, rea di aver usato le armi chimiche.

Nei giorni scorsi Kerry è stato a Parigi e a Londra per spingere i membri dell'Unione europea  ad attaccare. Egli ha affermato che "le prove parlano da sé" e che il legame fra le armi chimiche e il governo di Assad sono "innegabili".

In realtà, fonti dell'intelligence Usa, citate dal Washington Blog, dicono che le cosiddette "prove innegabili" sono state manipolate per giungere alla conclusione voluta, cioè l'attacco militare contro la Siria.

Le fonti dell'intelligence, parlano di una telefonata intercettata dall'Unità 8200 di Israele in cui il ministero degli esteri siriano domanda spiegazioni all'esercito se vi era stato un attacco con armi chimiche non autorizzato. Dal tono della conversazione, era chiaro che il membro del ministero "era fuori di sé per il panico". Secondo la trascrizione originale dell'Unità 8200, il militare interrogato "ha negato con forza l'uso di qualunque missile" e ha invitato i membro del ministero a verificare di persona che tutte le armi [chimiche] erano presenti. Alla fine, il militare ha concluso "tutte le armi erano sotto controllo".

Nelle descrizioni di Kerry e dell'amministrazione Usa si tace questo ultimo importante particolare.

In realtà, molti osservatori e analisti temono che i ribelli siano in possesso di armi chimiche e che le abbiano usate contro la loro gente per spingere la comunità internazionale a colpire Assad e favorire il loro campo.

Intanto negli Usa, continua la campagna di Obama per vincere l'opinione pubblica e strappare un voto al Senato e al Congresso, che riprendono oggi i lavori dopo la pausa estiva.

Obama darà quattro interviste a canali televisivi nazionali e con il suo staff sta contattando uno ad uno senatori e parlamentari. Ma finora sembra che egli possa contare solo su un terzo dei politici. L'opinione pubblica Usa è al 60% contraria all'attacco contro la Siria.

Alcuni commentatori mettono a confronto lo scandalo di Obama per l'uso di armi chimiche e l'uccisione di diverse centinaia di morti,  e il suo silenzio davanti agli oltre 100mila morti siriani in questi due anni e più di guerra civile. Ezra Klein, su Bloomberg, nota con ironia che "l'intervento americano incoraggerà i futuri dittatori a uccidere con armi da fuoco, piuttosto che col sarin".

Ieri papa Francesco ha esortato ancora i cristiani a pregare per la Siria e il Medio oriente, ringraziando cattolici, cristiani di altre confessioni, membri di altre religioni per aver partecipato alla veglia di preghiera per la pace organizzata il 7 settembre sera in piazza san Pietro. Indicendo la veglia, all'Angelus del 1° settembre, il papa aveva detto: ""Con particolare fermezza - ha proseguito - condanno l'uso delle armi chimiche: ho ancora fisse nella mente e nel cuore le terribili immagini dei giorni scorsi". "C'è un giudizio di Dio e anche un giudizio della storia a cui non si può sfuggire".

È chiaro che ciò che - rispetto alle armi chimiche - è più urgente impegnarsi per una conferenza di pace.

Il 5 settembre, mons. Dominique Mamberti, segretario per i rapporti con gli Stati, ha espresso a tutti gli ambasciatori presso la Santa Sede le preoccupazioni del Vaticano per la Siria:

"È innanzitutto indispensabile  - ha detto - adoperarsi per il ripristino del dialogo fra le parti e per la riconciliazione del popolo siriano.  Occorre poi preservare l'unità del Paese, evitando la costituzione di zone diverse per le varie componenti della società.  Infine, occorre garantire, accanto all'unità del Paese anche la sua integrità territoriale.

Sarà importante chiedere a tutti i gruppi - in particolare a quelli che mirano a ricoprire posti di responsabilità nel Paese - di offrire garanzie che nella Siria di domani ci sarà posto per tutti, anche e in particolare per le minoranze, inclusi i cristiani. L'applicazione concreta di detto principio potrà assumere varie forme, ma in ogni caso non può essere dimenticata l'importanza del rispetto dei diritti umani e, in particolare, di quello della libertà religiosa. Parimenti, è importante tenere come riferimento il concetto di cittadinanza, in base al quale tutti, indipendentemente dall'appartenenza etnica e religiosa, sono alla stessa stregua cittadini di pari dignità, con eguali diritti e doveri, liberi «di professare pubblicamente la propria religione e di contribuire al bene comune» (cfr. Benedetto XVI, Discorso al Corpo Diplomatico, 7 gennaio 2013). Infine, è causa di particolare preoccupazione la presenza crescente in Siria di gruppi estremisti, spesso provenienti da altri Paesi. Da qui la rilevanza di esortare la popolazione e anche i gruppi di opposizione a prendere le distanze da tali estremisti, di isolarli e di opporsi apertamente e chiaramente al terrorismo".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovi Usa a Obama: No all'attacco militare in Siria
05/09/2013
La giornata di preghiera e digiuno per la pace in Siria
07/09/2013
Il papa e le Chiese del Medio oriente a Bari per la pace
26/04/2018 08:47
Washington: lo Stato islamico "produce e usa armi chimiche" in Siria e Iraq
11/09/2015
Assad ribadisce la sua innocenza. Un anno e un miliardo di dollari per distruggere le armi chimiche
19/09/2013