25 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/02/2015, 00.00

    ISRAELE - PALESTINA

    Betlemme, estremisti israeliani incendiano e profanano una moschea



    L’attacco rientra negli atti di vandalismo commessi dai giovani coloni contro musulmani (e cristiani) secondo la logica del “price tag”, il "prezzo da pagare per la terra occupata". Graffiti ebrei sui muri del luogo di culto. La polizia apre un’inchiesta. Nuovi particolari sulla morte ieri del giovane palestinese: secondo un medico legale è stata una “esecuzione”.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Nella notte un gruppo di estremisti israeliani avrebbe incendiato una moschea palestinese nel villaggio di Jab'awas, nei pressi di Betlemme, in Cisgiordania, lasciando anche scritte ingiuriose e blasfeme (nella foto) nell'area teatro dell'attacco. Dietro il raid vi sarebbero i coloni israeliani, che hanno colpito un nuovo luogo di culto musulmano - nel mirino vi sono anche chiese e cimiteri cristiani - secondo la logica del "price tag". Il "prezzo da pagare" è un motto utilizzato dagli estremisti israeliani, che minacciano cristiani e musulmani per aver "sottratto loro la terra". Un tempo il fenomeno era diffuso solo nelle aree al confine con la Cisgiordania e a Gerusalemme, ma oggi si è esteso in gran parte del territorio.

    Jibreen al-Bakri, governatore della regione di Betlemme, riferisce che il rogo della moschea è avvenuto all'alba di oggi; le fiamme hanno causato gravi danni alle pareti e ai pavimenti, ricoperti di moquette. La tv israeliana ha mostrato inoltre alcune immagini che ritraevano graffiti in ebraico sui muri del luogo di culto musulmano. Alcuni degli slogan recitavano "Vogliamo la redenzione di Sion" e "Vendetta", assieme alla stella di Davide. 

    La polizia israeliana ha aperto un'indagine sulla vicenda ma, come è avvenuto diverse volte in passato nei casi di attacchi a luoghi di culto cristiani, appare poco probabile che i responsabili vengano consegnati alla giustizia. Gli ignoti assalitori hanno anche danneggiato alcune auto parcheggiate nei pressi della moschea.

    Micky Rosenfeld, portavoce della polizia israeliana, sottolinea che "i crimini commessi per motivi legati al nazionalismo sono di particolare gravità" e destano grande preoccupazione fra le autorità. I giovani estremisti compiono questi attacchi per protestare contro le azioni del governo israeliano, che secondo loro vogliono "ontenere l'attività dei coloni" e l'espansione degli insediamenti nei territori occupati. 

    Intanto emergono nuovi dettagli nello scontro avvenuto nella notte fra il 23 e il 24 febbraio al campo profughi di Dheisheh, poco distante da Betlemme, in cui è morto un giovane palestinese. L'autopsia effettuata sul corpo di ihad al-Jafari, un sostenitore del movimento Fatah, legato al presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas, mostra che egli è stato ucciso da un colpo esploso a breve distanza. Sabri al-Aloul, esperto di medicina legale, afferma che "si è trattato di una sorta di esecuzione". Una ricostruzione che smentisce la versione fornita dall'esercito israeliano, secondo cui i soldati sotto attacco avrebbero aperto il fuoco a distanza e il giovane - che si trovava sul tetto della sua abitazione - è rimasto colpito da un proiettile.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/02/2015 ISRAELE - PALESTINA
    Betlemme: l’esercito israeliano spara contro i manifestanti, muore un giovane palestinese
    La vittima è il 19enne Jihad al-Jafari, simpatizzante del movimento Fatah. L’incidente è avvenuto nel campo profughi di Dheisheh, poco distante dalla città. I soldati sarebbero stati attaccati con pietre e hanno risposto aprendo il fuoco contro i dimostranti. Portavoce esercito israeliano conferma: “I nostri soldati si sentivano in pericolo e hanno sparato”.

    09/12/2004 PALESTINA
    La maggioranza dei palestinesi contraria alla violenza contro gli israeliani


    09/03/2016 08:58:00 ISRAELE - PALESTINA
    Intifada dei coltelli, un morto e 12 feriti. Israeliani: gli insediamenti non aiutano la sicurezza

    Un cittadino americano è rimasto ucciso durante un assalto sferrato da un 21enne palestinese. Dopo aver colpito in quattro punti di Tel Aviv, il giovane è stato ucciso dalla polizia. Biden incontra Netanyahu e Abbas. Secondo un sondaggio il 30% degli israeliani pensa che le colonie siano una minaccia alla sicurezza. E i musulmani sono discriminati rispetto agli ebrei. 



    05/11/2004 palestina
    Preoccupazione e confusione in Palestina per il "dopo Arafat"


    07/01/2005 PALESTINA
    Palestinesi alle urne fra speranze e insicurezza

    Domenica 9 gennaio i palestinesi sceglieranno il successore di Arafat: Abu Mazen favorito per la vittoria abbassa i toni contro Israele e promette un “cessate il fuoco” dopo le elezioni.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®