13/11/2016, 08.32
INDONESIA

Bomba contro una chiesa a Samarinda. Quattro feriti

Mathias Hariyadi

Fra i feriti vi è anche un bambino. Fonti di AsiaNews: l’autore è stato fermato e arrestato dalla folla. Una strategia della tensione che parte dall’accusa di blasfemia al governatore di Jakarta. Il vero obbiettivo: far cadere il presidente Joko Widodo.

Jakarta (AsiaNews) – Una bomba artigianale è scoppiata davanti alla chiesa Oikumene a Sengkotek (Samarinda), nella provincia di East Kalimantan. Quattro persone, fra cui un bambino, sono state ferite e vi sono stati danni ai motocicli lì parcheggiati. E’ la prima volta che avviene un incidente di questo tipo nella capitale provinciale dell’East Kalimantan.

Il capo della polizia gen. Safarudin, confermando l’incidente, ha parlato di bomba molotov ad opera di ignoti, scoppiata alle 10.30 ore locali (9.30 ora di Jakarta).

Una fonte locale ha comunicato ad AsiaNews  che alcune persone presenti sulla scena del crimine hanno detto che l’autore è stato fermato e arrestato dalla folla dopo aver tentato di fuggire gettandosi nel vicino fiume.

Non si conosce il motivo dell’attacco. L’autore è un residente di Bogor, della provincia di West Java.

La situazione politica

È probabile che l’attentato sia frutto della tensione che in questi giorni caratterizza soprattutto Jakarta. La società è divisa in due campi differenti. Uno è quello di coloro che credono alle accuse di “blasfemia” ad opera del governatore di Jakarta Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, un cristiano. In questo gruppo vi sono musulmani radicali e altri gruppi, fra cui il Consiglio degli ulema indonesiani (Mui).

L’altro campo difende Ahok. Fra questi vi sono accademici, religiosi musulmani, le due organizzazioni islamiche più numerose del Paese - la Nahdlatul Ulama e la Muhammadiyah – e altri gruppi della società civile. Questi affermano che Ahok è stato preso di mira apposta da parte di alcune frange radicali, manipolando un apparente caso di “blasfemia religiosa” per destabilizzare l’amministrazione del presidente Joko Widodo.

I gruppi radicali hanno già inscenato manifestazioni e scontri lo scorso 4 novembre e ne preparano altre per il prossimo 25 novembre. Il loro disegno è costringere Widodo a dare le dimissioni dopo aver organizzato un caos diffuso. Un fatto simile è avvenuto nel 1998, quando una specie di “guerra civile” scoppiata fra diversi settori della società, costrinse l’allora presidente Suharto a lasciare il potere.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Musulmani di Jakarta difendono il governatore cristiano contro gli islamici radicali
31/10/2016 12:17
‘Persecuzione online’ contro i critici dell’islamista Rizieq
02/06/2017 08:50
Jakarta, il governatore cristiano Ahok andrà a processo per blasfemia
16/11/2016 08:56
Jakarta, approvata la legge che vieta i gruppi islamisti radicali
12/07/2017 11:13
Presidente Widodo: Le manifestazioni di ieri, infiltrate da agitatori politici
05/11/2016 11:14