24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/11/2016, 08.32

    INDONESIA

    Bomba contro una chiesa a Samarinda. Quattro feriti

    Mathias Hariyadi

    Fra i feriti vi è anche un bambino. Fonti di AsiaNews: l’autore è stato fermato e arrestato dalla folla. Una strategia della tensione che parte dall’accusa di blasfemia al governatore di Jakarta. Il vero obbiettivo: far cadere il presidente Joko Widodo.

    Jakarta (AsiaNews) – Una bomba artigianale è scoppiata davanti alla chiesa Oikumene a Sengkotek (Samarinda), nella provincia di East Kalimantan. Quattro persone, fra cui un bambino, sono state ferite e vi sono stati danni ai motocicli lì parcheggiati. E’ la prima volta che avviene un incidente di questo tipo nella capitale provinciale dell’East Kalimantan.

    Il capo della polizia gen. Safarudin, confermando l’incidente, ha parlato di bomba molotov ad opera di ignoti, scoppiata alle 10.30 ore locali (9.30 ora di Jakarta).

    Una fonte locale ha comunicato ad AsiaNews  che alcune persone presenti sulla scena del crimine hanno detto che l’autore è stato fermato e arrestato dalla folla dopo aver tentato di fuggire gettandosi nel vicino fiume.

    Non si conosce il motivo dell’attacco. L’autore è un residente di Bogor, della provincia di West Java.

    La situazione politica

    È probabile che l’attentato sia frutto della tensione che in questi giorni caratterizza soprattutto Jakarta. La società è divisa in due campi differenti. Uno è quello di coloro che credono alle accuse di “blasfemia” ad opera del governatore di Jakarta Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, un cristiano. In questo gruppo vi sono musulmani radicali e altri gruppi, fra cui il Consiglio degli ulema indonesiani (Mui).

    L’altro campo difende Ahok. Fra questi vi sono accademici, religiosi musulmani, le due organizzazioni islamiche più numerose del Paese - la Nahdlatul Ulama e la Muhammadiyah – e altri gruppi della società civile. Questi affermano che Ahok è stato preso di mira apposta da parte di alcune frange radicali, manipolando un apparente caso di “blasfemia religiosa” per destabilizzare l’amministrazione del presidente Joko Widodo.

    I gruppi radicali hanno già inscenato manifestazioni e scontri lo scorso 4 novembre e ne preparano altre per il prossimo 25 novembre. Il loro disegno è costringere Widodo a dare le dimissioni dopo aver organizzato un caos diffuso. Un fatto simile è avvenuto nel 1998, quando una specie di “guerra civile” scoppiata fra diversi settori della società, costrinse l’allora presidente Suharto a lasciare il potere.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2016 12:17:00 INDONESIA
    Musulmani di Jakarta difendono il governatore cristiano contro gli islamici radicali

    Gruppi radicali promuovono una marcia il prossimo 4 novembre contro il governatore cristiano della città, accusato di blasfemia. In realtà, “il vero obiettivo è scatenare la divisione nel Paese e indebolire i movimenti moderati”. Nella protesta ci sono infiltrazioni di gruppi estremisti, forse legati allo Stato islamico.



    16/11/2016 08:56:00 INDONESIA
    Jakarta, il governatore cristiano Ahok andrà a processo per blasfemia

    Gli investigatori hanno inserito il suo nome nell’elenco ufficiale dei sospettati. È la prima svolta legale nel caso che va avanti da settimane. Il politico non è stato arrestato ma non può lasciare il Paese. Le udienze saranno trasmesse in diretta TV. Ahok rischia fino a cinque anni di carcere.



    05/11/2016 11:14:00 INDONESIA
    Presidente Widodo: Le manifestazioni di ieri, infiltrate da agitatori politici

    Incontro di emergenza sicurezza al palazzo presidenziale dopo alcuni scontri di folla con la polizia. Timori fra i gruppi di etnia cinese. Il caso di “blasfemia” del governatore di Jakarta sarà giudicato nelle prossime settimane “in modo trasparente, veloce e chiaro”. Fra i manifestanti, il vice-presidente del parlamento, Fahri Hamzah, che vuole far dimettere il presidente Widodo.



    19/05/2017 15:29:00 INDONESIA
    Card. Darmaatmaja: Perdonare per interrompere le spirali di vendetta in Indonesia

    In Indonesia crescono le ostilità e l’intolleranza verso minoranze religiose. “Siamo tenuti a perdonare anche i gruppi radicali e intolleranti”. “L’amore per Dio manifestato attraverso l’amore verso il prossimo”. Estremisti dal Medio oriente accolti in Indonesia. Per il prof. Syafi'I Maarif questa ospitalità “non ha senso”.



    15/10/2016 09:09:00 INDONESIA
    Jakarta, migliaia di fondamentalisti islamici in piazza contro il governatore cristiano

    La manifestazione è stata organizzata dal Fronte di difesa islamico: “Il Corano chiede che tutti i leader del Paese siano musulmani”. Basuki Tjahaja Purnama detto “Ahok” è accusato di blasfemia per aver citato il testo sacro durante un comizio. Musulmani moderati prendono le distanze: “Iniziativa che non condividiamo. Il governatore si è scusato”.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®