28/05/2013, 00.00
CINA

Cattolico sotterraneo perde tutto in un campo di lavoro, ma guadagna la fede

La storia di Li JF, ex giudice e difensore dei più deboli, scarcerato dopo 11 anni di detenzione per la sua appartenenza alla Chiesa sotterranea. “Ho perso tutto, ma non Dio”.

Pechino (AsiaNews/Ans) - Un tempo giudice presidente di tribunale in una città cinese della costa orientale; poi imprigionato per 11 anni in un campo di lavoro a causa della sua appartenenza alla Chiesa sotterranea. È la storia di fratello Li JF, cattolico della Chiesa sotterranea cinese, appena scarcerato, così come la racconta Bob Fu, fondatore e presidente dell'associazione ChinaAid. "Li è stato imprigionato non per corruzione o attività criminali, ma perché dava consulenza legale gratuita ai più deboli e vulnerabili", spiega Fu.

"Avrebbe facilmente fatto fortuna se avesse scelto di continuare semplicemente la sua carriera legale - aggiunge - avrebbe evitato l'arresto, le botte, e le torture rimanendo in silenzio davanti alle ingiustizie". "Ma ha scelto una via diversa perché ha sentito la Voce nelle sue orecchie che diceva: 'Questa è la strada, percorretela'" (Isaia 30:21).

In una lettera a Fu dopo il suo rilascio ad aprile, Li ha scritto: "Ho perso tutto, ma ho guadagnato la fede in Dio"!". Nella missiva descrive come la sua salute sia peggiorata durante la detenzione, sua moglie ha chiesto il divorzio dopo minacce da parte delle autorità, e sua figlia è scomparsa.

Il fratello minore di Li è emigrato in Thailandia nel 2010, anche lui sotto pressione da parte delle autorità, dopo aver passato due anni in carcere. Mentre Li era detenuto, il governo si è impossessato della sua vecchia casa. Nonostante ciò, "fratello Li ancora dice di avere guadagnato dalla sua incarcerazione, perché non ha perso la sua fede in Dio", fa notare Fu.

Nel campo di lavoro, Li lavorava 14 ore al giorno e doveva subire tre ore giornaliere di "rieducazione". 

 

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Scomparsi da luglio, nove leader protestanti “riappaiono” nei lager
08/10/2007
Nuova ondata di arresti contro il movimento Falun Gong
26/04/2005
Pechino incarcera chi osa chiedere al governo di fare giustizia
07/03/2008
Guangzhou, entro la fine dell'anno i lager di Stato verranno chiusi
10/09/2013
Chongqing, il governo apre i laogai agli avvocati
04/04/2007