01 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/05/2012, 00.00

    CINA

    Chen Xitong: Il massacro di Tiananmen poteva essere evitato



    In un libro che sta per essere diffuso, l'ex sindaco di Pechino accusa le lotte interne di potere come la causa del massacro di migliaia di studenti. La sua carriera è stata fermata da Jiang Zemin nel 1998, per la lotta fra "la cricca di Shanghai" e quella "di Pechino". Un destino simile a quello di Bo Xilai e di Chen Liangyu.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - Chen Xitong, sindaco di Pechino durante il massacro del 4 giugno 1989 in piazza Tiananmen, afferma che esso è stato "una spiacevole tragedia che poteva essere evitata" e sottolinea di non avere molte responsabilità nel permettere ai militari dell'esercito di "ripulire" la piazza con uccisioni e carri armati contro il movimento pro-democrazia.

    Questa ed altre affermazioni che gettano maggior luce sul sanguinoso episodio sono presenti in un libro che sta per essere diffuso ad Hong Kong dalla New Century Media, dal titolo "Conversazioni con Chen Xitong", scritto dallo studioso Yao Jianfu.

    In un'anteprima del testo da parte del South China Morning Post, si citano le parole dell'ex sindaco di Pechino, di solito considerato come un duro che ha spinto Deng Xiaoping a mandare i carri armati contro gli studenti.

    "Nessuno sarebbe morto se si fosse operato con cura", egli dice. "Diverse centinaia di persone sono morte quel giorno. Come sindaco, mi spiace molto. Speravo che avremmo potuto risolvere il caso in modo pacifico". Secondo Chen, il massacro del 4 giugno "emerge da una lotta interna per il potere al massimo livello e ha portato a una tragedia che nessuno voleva vedere".

    Chen afferma di non avere avuto particolari responsabilità nel massacro e che ha solo ubbidito agli ordini datigli dall'alto.

    Dopo il massacro Chen è stato promosso a segretario del Partito di Pechino e inserito nel Politburo. Il 30 giugno dell'89 egli ha svolto una relazione ufficiale sull'incidente, condannando le dimostrazioni come "rivolta contro-rivoluzionaria". Ma egli dice di non aver scritto nemmeno una parola di quel rapporto: "ho fedelmente letto il testo che essi hanno preparato per me, fino all'ultimo segno di punteggiatura".

    La carriera di Chen Xitong è finita nel 1998, quando è stato accusato di corruzione e rinchiuso per 16 anni nella prigione di Qingcheng, la stessa in cui molti leader di Tiananmen erano imprigionati. Nel 2006 è stato liberato a causa delle sue condizioni fisiche, essendo affetto da un cancro al colon. Secondo Chen, la sua caduta è dovuta all'ex presidente Jiang Zemin e alla "cricca di Shanghai", schierata contro "la cricca di Pechino".

    Nel libro - costituito da otto interviste registrate l'anno scorso - Chen paragona la  sua sorte a quella di Bo Xilai e di Chen Liangyu. Il primo, segretario del Partito a Chongqing, in marzo è stato allontanato dal potere insieme alla moglie con l'accusa di corruzione e sospetto di assassinio; il secondo, già segretario del Partito a Shanghai, è stato accusato di corruzione nel 2006, espulso dal Partito nel 2007 e condannato nel 2008.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/06/2013 HONG KONG - CINA
    In 150mila sotto una pioggia torrenziale alla veglia per Tiananmen
    Per alcuni black-out si è dovuto cancellare alcune testimonianze video di Li Wangling e di Wang Dan. Lee Cheuk-yan: Abbiamo mostrato a Pechino la nostra perseveranza. Presenti anche persone della Cina popolare, che ringraziano Hong Kong per il ricordo del massacro, un diritto negato in patria. Nel giorno dell'anniversario si diffonde la voce che Chen Xitong è morto. Chen era sindaco di Pechino nell'89. Il suo appoggio alla repressione gli ha aperto una carriera sfolgorante nel Politburo, finita poi miseramente.

    14/02/2013 CINA
    Il Partito denuncia la festa di san Valentino e la decadenza dei capi corrotti
    Bo Xilai, ex capo di Chongqing; Liu Zhijun, ex ministro delle ferrovie; Chen Liangyu, ex segretario del Partito a Shanghai citati come esempio di persone trascinate alla corruzione dalle relazioni amorose celebrate con san Valentino. Internauti suggeriscono non di abolire la festa, ma di attuare riforme politiche.

    13/05/2009 CINA
    Nuovi arresti per corruzione contro i dirigenti della sicurezza nel Guangdong
    Colpiti capi della polizia e dell’ispettorato. Molti ritengono sia in atto una più diffusa epurazione dei funzionari fedeli all’ex capo del Partito di Shanghai, Chen Liangyu.

    27/09/2006 cina
    A ottobre il Plenum del Partito: inizia l'era della "società armonica" di Hu Jintao

    Le dimissioni del segretario del Pcc a Shanghai e l'annuncio del Plenum per varare il programma di Hu sono il segno che il potere è ormai nelle mani di Hu e Wen e che la "cricca di Shanghai" è alle strette.



    14/03/2005 CINA
    Pechino vara la legge anti-secessione contro Taiwan
    Con 2896 voti favorevoli e 0 contrari, il parlamento cinese autorizza l'uso di "mezzi non pacifici" per contrastare l'indipendenza di Taiwan. L'assemblea ha inoltre eletto il presidente Hu capo di tutte le forze militari.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®