4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/05/2012
CINA
Chen Xitong: Il massacro di Tiananmen poteva essere evitato
In un libro che sta per essere diffuso, l'ex sindaco di Pechino accusa le lotte interne di potere come la causa del massacro di migliaia di studenti. La sua carriera è stata fermata da Jiang Zemin nel 1998, per la lotta fra "la cricca di Shanghai" e quella "di Pechino". Un destino simile a quello di Bo Xilai e di Chen Liangyu.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - Chen Xitong, sindaco di Pechino durante il massacro del 4 giugno 1989 in piazza Tiananmen, afferma che esso è stato "una spiacevole tragedia che poteva essere evitata" e sottolinea di non avere molte responsabilità nel permettere ai militari dell'esercito di "ripulire" la piazza con uccisioni e carri armati contro il movimento pro-democrazia.

Questa ed altre affermazioni che gettano maggior luce sul sanguinoso episodio sono presenti in un libro che sta per essere diffuso ad Hong Kong dalla New Century Media, dal titolo "Conversazioni con Chen Xitong", scritto dallo studioso Yao Jianfu.

In un'anteprima del testo da parte del South China Morning Post, si citano le parole dell'ex sindaco di Pechino, di solito considerato come un duro che ha spinto Deng Xiaoping a mandare i carri armati contro gli studenti.

"Nessuno sarebbe morto se si fosse operato con cura", egli dice. "Diverse centinaia di persone sono morte quel giorno. Come sindaco, mi spiace molto. Speravo che avremmo potuto risolvere il caso in modo pacifico". Secondo Chen, il massacro del 4 giugno "emerge da una lotta interna per il potere al massimo livello e ha portato a una tragedia che nessuno voleva vedere".

Chen afferma di non avere avuto particolari responsabilità nel massacro e che ha solo ubbidito agli ordini datigli dall'alto.

Dopo il massacro Chen è stato promosso a segretario del Partito di Pechino e inserito nel Politburo. Il 30 giugno dell'89 egli ha svolto una relazione ufficiale sull'incidente, condannando le dimostrazioni come "rivolta contro-rivoluzionaria". Ma egli dice di non aver scritto nemmeno una parola di quel rapporto: "ho fedelmente letto il testo che essi hanno preparato per me, fino all'ultimo segno di punteggiatura".

La carriera di Chen Xitong è finita nel 1998, quando è stato accusato di corruzione e rinchiuso per 16 anni nella prigione di Qingcheng, la stessa in cui molti leader di Tiananmen erano imprigionati. Nel 2006 è stato liberato a causa delle sue condizioni fisiche, essendo affetto da un cancro al colon. Secondo Chen, la sua caduta è dovuta all'ex presidente Jiang Zemin e alla "cricca di Shanghai", schierata contro "la cricca di Pechino".

Nel libro - costituito da otto interviste registrate l'anno scorso - Chen paragona la  sua sorte a quella di Bo Xilai e di Chen Liangyu. Il primo, segretario del Partito a Chongqing, in marzo è stato allontanato dal potere insieme alla moglie con l'accusa di corruzione e sospetto di assassinio; il secondo, già segretario del Partito a Shanghai, è stato accusato di corruzione nel 2006, espulso dal Partito nel 2007 e condannato nel 2008.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/06/2013 HONG KONG - CINA
In 150mila sotto una pioggia torrenziale alla veglia per Tiananmen
14/02/2013 CINA
Il Partito denuncia la festa di san Valentino e la decadenza dei capi corrotti
13/05/2009 CINA
Nuovi arresti per corruzione contro i dirigenti della sicurezza nel Guangdong
27/09/2006 cina
A ottobre il Plenum del Partito: inizia l'era della "società armonica" di Hu Jintao
14/03/2005 CINA
Pechino vara la legge anti-secessione contro Taiwan

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate