23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/02/2017, 12.37

    ASIA – MEDIO ORIENTE

    Commercio mondiale di armi: il 43% va in Asia e Medio Oriente



    Fra il 2012 e il 2016, l’India è stato il Paese che ha importato più armi al mondo (destinatario del 13% delle esportazioni mondiali). Nello stesso periodo, l’Arabia Saudita si è classificata al secondo posto. A soddisfare la domanda: Stati Uniti, Russia, Cina ed Europa.

    Stoccolma (AsiaNews/Sipri) – Nei periodi 2007-2011 e 2012-2016, il commercio di armi negli Stati dell’Asia e dell'Oceania è cresciuto del 7,7%.  Oggi, Paesi come India, Vietnam, Arabia Saudita, Qatar rappresentano il 43% dell'importazione globale di armi.

    Tra il 2007-2011 e il 2012-2016, negli Stati mediorientali, le importazioni di armi sono aumentate dell’86% (il 29% delle importazioni globali tra 2012 e 2016). Tra il 2012 e il 2016 l’Arabia Saudita è stato il secondo maggiore importatore di armi al mondo. Dal periodo 2007-2012, il suo volume di import di armi straniere è cresciuto del 212%. Rispetto allo stesso periodo, le importazioni del Qatar sono aumentate del 245%. Sebbene con percentuali minori, anche le importazioni degli Stati limitrofi sono aumentate negli ultimi anni.

    “Negli ultimi cinque anni – afferma Pieter Wezeman, ricercatore per il Programma sulle spese militari del Sipri – la maggior parte degli Stati mediorientali si sono rivolti agli Stati Uniti e all’Europa (Francia e Germania) per perseguire la loro ricerca accelerata di dotazioni militari avanzate. Nonostante i bassi prezzi del petrolio, i Paesi di quest’area hanno continuato a comprare sempre più armi, ritenendole risorse cruciali per gestire i conflitti e le tensioni regionali”.

    Fra il 2012 e il 2016, l’India è stato il Paese che ha importato più armi al mondo (destinatario del 13% delle esportazioni mondiali). Tra i periodi 2007-2011 e 2012-2016 ha aumentato il volume delle proprie importazioni di armi del 43%, sorpassando di gran lunga i Paesi rivali Cina e Pakistan.

    Nel periodo 2012-2016, la Russia ha esportato una quantità d’armi pari al 23% del volume mondiale. Il 70% dei suoi armamenti destinati al libero mercato, sono andati a quattro Paesi: India, Vietnam, Cina e Algeria. Il Vietnam, al 29mo posto nella classifica dei Paesi che hanno importato più armi tra il 2007 e 2011, ha aumentato il volume delle proprie importazioni del 202% tra il 2012 e il 2016.

    La Cina, uno dei maggiori Paesi nelle forniture internazionali di equipaggiamento e arsenale bellico,  tra il periodo 2007-2011 e 2012-2016 ha aumentato il suo volume di export su scala mondiale dal 3,8% al 6,2%.

    Oggi i maggiori Paesi esportatori di armi sono Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Germania. Essi rappresentano il 74% del volume totale di esportazioni nel mondo. Con un terzo del volume mondiale nell’esportazione di armi, gli Stati Uniti sono stati in vetta alla classifica nel periodo 2012-2016 e il loro volume di transazioni con l’estero in armamenti è salito del 21% in confronto al periodo 2007-2011. Almeno la metà dei loro prodotti bellici sono stati destinati ai Paesi del Medio Oriente.  Secondo Aude Fleurant, direttore del Programma sulle spese militari del Sipri “L’America vende la maggior parte delle armi ad almeno 100 Paesi – molto più di qualunque altra nazione. La maggior parte dei loro prodotti includono cacciabombardieri, missili teleguidati e sistemi missilistici di ultima generazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa

    TAGs











    Vedi anche

    22/09/2004 MEDIO ORIENTE
    In calo il mercato delle armi nella regione che ne compra di più

    Ma il Medio Oriente resta il maggior mercato del mondo: in 8 anni acquisti per 59 miliardi di dollari



    13/02/2007 RUSSIA - MEDIO ORIENTE
    Putin ad Amman parla di pace e cerca di rimescolare le alleanze
    Accolto come grande statista in Giordania, Arabia Saudita e Qatar, Putin vuole proporsi come alternativa agli Stati Uniti, tradizionale alleato dei tre Stati. Si discute di pace in Medio Oriente ma anche di energia e si fanno accordi commerciali. Da tempo l’Arabia Saudita guarda ad Oriente.

    24/10/2014 MEDIO ORIENTE - USA
    Lo Stato Islamico "è il gruppo terrorista più ricco del mondo"
    Secondo il governo Usa i fondamentalisti islamici "guadagnano circa un milione di dollari al giorno soltanto con la vendita del petrolio". Vanno poi aggiunti i ricchi cespiti che derivano dai rapimenti - soprattutto di occidentali - e dal racket messo in piedi nelle città sotto il loro controllo. Gli Usa "vogliono più collaborazione" da Kuwait e Qatar, ma dimenticano che è un'azienda americana a vendere armi nell'area.

    23/02/2016 10:42:00 ASIA
    Asia e Medio oriente, la Mecca delle importazioni di armi

    Nel rapporto 2015 del Sipri (Stockholm International Peace Research Institute) stupisce l’incremento di importazioni di armi in Vietnam (699%), in Arabia saudita (275%) e in Qatar (279%). La Cina conquista il terzo posto come esportatore, dopo Stati Uniti e Russia, aumentando dell’88% le sue esportazioni, anche in Africa. Cinque Paesi dell’Europa occidentale (Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Italia) garantiscono il 21% delle esportazioni di armi al mondo.



    30/06/2010 MEDIO ORIENTE – USA
    Obama e re Abdullah: due popoli, due Stati, per la pace in Medio oriente
    Il re saudita e il presidente americano affermano che è la sola soluzione che potrà portare la pace, garantendo allo stesso tempo una patria per i palestinesi e un rafforzamento e la sicurezza di Israele.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®