16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2006, 00.00

    LAOS - THAILANDIA

    Continua la “guerra” del popolo Hmong, 30 anni dopo la pace



    Ieri oltre 400 Hmong si sono arresi all’esercito laotiano, dopo avere proseguito la guerra nascosti nella foresta dal 1975. Il dramma di un gruppo dimenticato da tutti e che Vientiane considera “banditi”. La Thailandia pronta a rimandare indietro centinaia di rifugiati Hmong.

    Vientiane (AsiaNews/Agenzie) – Oltre 400 membri dell'etnia Hmong si sono “arresi” ieri in Laos, dopo avere proseguito per più di 30 anni una guerra già finita. Intanto la Thailandia vuole rimpatriare 152 rifugiati della stessa etnia .

     

    Il comandante del gruppo ha accompagnato 405 persone (tra cui molti bambini) al villaggio di Ban Ha, nella centrale provincia di Xieng Khouang; poi è tornato nella foresta con pochi compagni. La notizia proviene dalla statunitense Fact Finding Commission, che è in contatto con molti gruppi Hmong tramite il telefono satellitare. Il capo villaggio ha servito loro un pasto di riso e maiale. Soldati dell’esercito li hanno poi presi in consegna, ma si ignora dove siano stati condotti.

     

    Nel Laos decine di migliaia di Hmong durante la guerra civile ( 1969-1975) si sono schierati con il governo filo statunitense, che nel 1975 è stato sconfitto dai comunisti del Pathet Lao. Dopo la pace circa 300mila laotiani (soprattutto Hmong) sono emigrati, ma migliaia di loro sono fuggiti nelle foreste, per timore di ritorsioni o perché non hanno accettato la pace, e da allora si battono contro l’esercito di Vientiane. Sempre più isolati e provati dalla fame, molti di loro cercano di fuggire in Thailandia. Amnesty International ha più volte accusato il governo laotiano di gravi violazioni dei diritti umani contro i Hmong. Ma Vientiane nega qualsiasi violazione di diritti e li considera solo “banditi”.

     

    Secondo la Fact Finding Commission un gruppo di 170 persone si è arreso nel giugno 2005, ma non è stato permesso a diplomatici stranieri e ong umanitarie di incontrarli. Molti sarebbero fuggiti in Thailandia per le misere condizioni di vita in cui sono stati tenuti. Ma la Thailandia non li vuole.

     

    In questi giorni Bangkok vuole rimandare in Laos con la forza 152 Hmong: ad almeno 104 l’Alto Commissario per i rifugiati dell’Onu ha riconosciuto lo status di rifugiati e per gli altri è in corso l’iter. Ci sono 77 bambini e 8 neonati. Tutti dicono di essere fuggiti per timore di persecuzioni da parte delle autorità del Laos che li sospettano di sostenere i gruppi di guerriglieri Hmong.

     

    Sono stati arrestati il 17 novembre dopo che erano fuggiti dal ricovero di Ban Huay Nam Khao nella provincia di Phetchabun e sono stati portati al Centro detentivo per l’immigrazione di Bangkok. Il 7 dicembre sono stati trasferiti a un centro di detenzione nella provincia di Nong Khai, vicino al confine con il Laos. Secondo Human Rights Watch, Bangkok è pronta a deportarli e attende solo la conferma dal Laos sulla loro nazionalità.

     

    Brad Adams, direttore per l’Asia di Hrw, osserva che “la Thailandia non deve rimpatriare con la forza i Hmong che potrebbero subire persecuzioni nel Laos”.

    Già nel dicembre 2005 l’allora premier Thaksin Shinawatra ha rimpatriato con la forza 27 Hmong richiedenti asilo, soprattutto bambini separati dai genitori. Lo scorso 15 novembre l’attuale premier thai Surayud ha pure deportato 53 rifugiati Hmong. DI tutti si ignora la sorte, poiché alle ong per i diritti umani non è permesso incontrarli. Secondo notizie ufficiali i rimpatriati sono ora sottoposti a “rieducazione” e Hrw teme che nei campi di rieducazione avvengano maltrattamenti e detenzioni arbitrarie. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/12/2009 THAILANDIA – LAOS
    Thailandia, inizia oggi il rimpatrio forzato dei hmong in Laos
    Conosciuti come “l’alleato dimenticato” degli Stati Uniti, i membri dell’etnia si schierarono con Washington durante la guerra del Vietnam. Da allora vivono come esuli in Thailandia, che ha deciso però di rimandarli a casa.

    07/07/2005 THAILANDIA - LAOS
    Thailandia, rimpatrio forzato per oltre 6 mila profughi Hmong del Laos


    31/01/2007 THAILANDIA - LAOS
    Bangkok blocca il rimpatrio forzato di 153 Hmong
    I profughi dovevano fare ritorno in Laos, ma oltre 50 di loro hanno minacciato di suicidarsi piuttosto che partire; dopo che alcuni Paesi occidentali offrono di accogliergli, il premier thailandese cancella i rimpatri.

    27/03/2010 LAOS – STATI UNITI
    Washington guarda al Laos per contenere l’espansione della Cina
    La piccola nazione asiatica al centro degli interessi delle due superpotenze mondiali. Gli Stati Uniti intendono rafforzare programmi di sviluppo nel settore ambientale, umanitario, commerciale e militare. Le dighe cinesi sul Mekong minacciaNo l’ecosistema di tutto il Sud-est asiatico.

    03/05/2017 12:02:00 CINA
    Avvocati internazionali per il rilascio di Xie Yang, detenuto da Pechino

    La International Commission of Jurists (Icj) ha diffuso un comunicato. Sam Zarifi: “Avvocati come lui indispensabili per garantire diritti umani e stato di diritto in Cina”. Durante la detenzione inflitte gravi torture e maltrattamenti. Chen Guiqiu, moglie dell’avvocato: “Avevano promesso la sua liberazione entro aprile”. La promessa di scarcerazione legata alla registrazione di una “video-confessione”.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®