29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/12/2013, 00.00

    INDIA

    Corte Suprema: omosessualità è un reato. Arcivescovo di Mumbai: I gay non sono criminali

    Nirmala Carvalho

    Il più alto tribunale indiano ha ribaltato una sentenza del 2009 dell'Alta corte di Mumbai, che aveva decriminalizzato gli atti omosessuali. Associazioni Lgbt protestano e accusano le organizzazioni religiose islamiche e cristiane di aver fatto pressioni per reintrodurre il divieto. Il card. Oswald Gracias: "No ai matrimoni gay, ma la comunità cristiana è contraria a ogni forma di discriminazione. Gli omosessuali hanno la stessa dignità di ogni altro essere umano".

    Mumbai (AsiaNews) - La Corte suprema dell'India ha ripristinato la legge che vieta l'omosessualità in quanto "reato contro natura". Il primo tribunale del Paese ribalta così una sentenza pronunciata nel 2009 dall'Alta corte di Delhi, che aveva decriminalizzato gli atti omosessuali. Immediate le reazioni da parte di attivisti per i diritti gay, secondo i quali le associazioni religiose islamiche, cristiane e indù avrebbero fatto pressioni per reintrodurre la norma. Tuttavia, ad AsiaNews il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Conferenza episcopale indiana, sottolinea che "la Chiesa cattolica non è mai stata contraria alla decriminalizzazione dell'omosessualità, perché non abbiamo mai considerato i gay dei criminali".

    Il 2 luglio del 2009 l'Alta corte di Delhi aveva sconfessato la sez. 377 (reati contro natura) del Codice penale indiano - una legge risalente al periodo coloniale britannico - stabilendo che il sesso che avviene nella sfera privata tra due adulti consenzienti non era un reato. Fino ad allora, due omosessuali potevano essere condannati a 10 anni di prigione, o al carcere a vita in casi ritenuti di particolare gravità.

    A riaprire la questione è stato BP Singhal, anziano leader del Bharatiya Janata Party (Bjp, partito ultranazionalista indù), che ha presentato ricorso alla Corte suprema contro il verdetto, dichiarando che "simili atti sono illegali, immorali e contrari all'ethos della cultura indiana".

    "In quanto cristiani - ribadisce il card. Gracias ad AsiaNews - esprimiamo il nostro pieno rispetto agli omosessuali. La Chiesa cattolica si oppone alla legalizzazione dei matrimoni gay, ma insegna che gli omosessuali hanno la stessa dignità di ogni essere umano e condanna ogni forma di ingiusta discriminazione, persecuzione o abuso".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/08/2011 INDIA
    Giovani indiani alla Gmg: ambasciatori del pluralismo, della pace e dell’armonia
    È l’esortazione del card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai. La delegazione indiana accoglie più di mille ragazzi, di cui 110 del Kerala e 240 dell’arcidiocesi di Mumbai. Per il porporato i ragazzi sono la risorsa e la speranza “più grandi” dell’India.

    28/08/2010 INDIA
    È morto mons. Joji Marampudi, arcivescovo di Hyderabad
    Il prelato, 68 anni, è stato il primo arcivescovo Dalit dell’India, ed era da tempo malato. Convertitosi grazie ai missionari del Pime, per 30 anni è stato fra le più grandi figure della Chiesa cattolica indiana per l’impegno in difesa dei Dalit. I funerali saranno celebrati il prossimo 30 agosto.

    14/05/2010 INDIA
    Gujarat: ragazza di 13 anni stuprata costretta ad abortire su consiglio della Corte
    I giudici hanno accolto la richiesta di interruzione di gravidanza fatta dalla madre ribaltando il giudizio negativo del tribunale locale. Essi giudicano la nascita del bambino un pericolo per la salute mentale della ragazza e un problema economico e sociale per la famiglia. Mons. Agnelo Gracias, presidente della Commissione per la famiglia e per la Vita della Conferenza episcopale indiana: “La giustizia dovrebbe punire il criminale e non l’innocente”.

    09/12/2015 INDIA
    Arcivescovo di Gandhinagar: Il Giubileo della Misericordia e la legge anti-conversione
    Una legge approvata nel 2003 dal governo del chief minister Narendra Modi vieta le conversioni dall’induismo alle altre religioni senza il permesso di un giudice. Mons. Thomas Ignatius Macwan: “Siamo liberi di celebrare i riti; i problemi sorgono con i battesimi”. Nell’Anno della Misericordia siamo “spinti ad andare tra i poveri, i bisognosi, i malati”. L’esperienza personale al Congresso eucaristico di Mumbai.

    14/09/2011 INDIA
    Ashraya, un rifugio per centinaia di ragazze madri nella caotica Mumbai
    Fondato nel 1992, il centro di accoglienza è gestito dai gesuiti e dalle Suore adoratrici di Mumbai. Dal 2006 oltre 600 le donne assistite da volontari religiosi e laici. Suor Jane: “Aiutiamo le donne a guardare la propria vita con occhi diversi e a sentirsi amate”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®