11/12/2013, 00.00
INDIA

Corte Suprema: omosessualità è un reato. Arcivescovo di Mumbai: I gay non sono criminali

Nirmala Carvalho
Il più alto tribunale indiano ha ribaltato una sentenza del 2009 dell'Alta corte di Mumbai, che aveva decriminalizzato gli atti omosessuali. Associazioni Lgbt protestano e accusano le organizzazioni religiose islamiche e cristiane di aver fatto pressioni per reintrodurre il divieto. Il card. Oswald Gracias: "No ai matrimoni gay, ma la comunità cristiana è contraria a ogni forma di discriminazione. Gli omosessuali hanno la stessa dignità di ogni altro essere umano".

Mumbai (AsiaNews) - La Corte suprema dell'India ha ripristinato la legge che vieta l'omosessualità in quanto "reato contro natura". Il primo tribunale del Paese ribalta così una sentenza pronunciata nel 2009 dall'Alta corte di Delhi, che aveva decriminalizzato gli atti omosessuali. Immediate le reazioni da parte di attivisti per i diritti gay, secondo i quali le associazioni religiose islamiche, cristiane e indù avrebbero fatto pressioni per reintrodurre la norma. Tuttavia, ad AsiaNews il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Conferenza episcopale indiana, sottolinea che "la Chiesa cattolica non è mai stata contraria alla decriminalizzazione dell'omosessualità, perché non abbiamo mai considerato i gay dei criminali".

Il 2 luglio del 2009 l'Alta corte di Delhi aveva sconfessato la sez. 377 (reati contro natura) del Codice penale indiano - una legge risalente al periodo coloniale britannico - stabilendo che il sesso che avviene nella sfera privata tra due adulti consenzienti non era un reato. Fino ad allora, due omosessuali potevano essere condannati a 10 anni di prigione, o al carcere a vita in casi ritenuti di particolare gravità.

A riaprire la questione è stato BP Singhal, anziano leader del Bharatiya Janata Party (Bjp, partito ultranazionalista indù), che ha presentato ricorso alla Corte suprema contro il verdetto, dichiarando che "simili atti sono illegali, immorali e contrari all'ethos della cultura indiana".

"In quanto cristiani - ribadisce il card. Gracias ad AsiaNews - esprimiamo il nostro pieno rispetto agli omosessuali. La Chiesa cattolica si oppone alla legalizzazione dei matrimoni gay, ma insegna che gli omosessuali hanno la stessa dignità di ogni essere umano e condanna ogni forma di ingiusta discriminazione, persecuzione o abuso".

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
È morto mons. Joji Marampudi, arcivescovo di Hyderabad
28/08/2010
Giovani indiani alla Gmg: ambasciatori del pluralismo, della pace e dell’armonia
01/08/2011
Gujarat: ragazza di 13 anni stuprata costretta ad abortire su consiglio della Corte
14/05/2010
Ashraya, un rifugio per centinaia di ragazze madri nella caotica Mumbai
14/09/2011
Mons. Dominic Savio: Con la grazia di Dio servirò Mumbai come nuovo ausiliare
16/05/2013