4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2006
Corea del sud – corea del nord – giappone
Crisi coreana, pronta per l'Onu la bozza cinese senza sanzioni contro Pyongyang

Bloccato il testo giapponese, che prevedeva sanzioni, dall'opposizione di Pechino, Seoul e Mosca. Il governo sudcoreano accusa il Giappone di voler intensificare la crisi tramite una "retorica fatta di provocazioni". La diplomazia cinese è nella capitale nordcoreana.



Seoul (AsiaNews) – Il governo cinese ha preparato una bozza di dichiarazione sulla Corea del Nord da presentare al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che prende il posto della proposta giapponese in cui il riferimento alla violazione della pace e della sicurezza internazionale da parte di Pyongyang avrebbe aperto la strada all'introduzione di sanzioni economiche.

La proposta cinese chiede alla Corea del Nord di "cessare lo sviluppo, il test, il dispiegamento e la proliferazione di missili balistici e di tornare a rispettare la moratoria sul lancio di missili", ma a differenza del testo nipponico non accenna ad alcuna sanzione nei confronti del regime guidato da Kim Jong-il per i sette missili lanciati la settimana scorsa ed esplosi, o caduti, sopra il Mare del Giappone.

Il testo giapponese doveva essere votato ieri sera, ma le critiche mosse da Cina, Russia e Corea del Sud hanno convinto i negoziatori a ritardare la questione. Il governo sudcoreano ha dichiarato di "non avere alcuna intenzione di sostenere la risoluzione delle Nazione Unite proposta dal Consiglio di Sicurezza, che comprende Stati Uniti, Francia e Giappone" e Lee Kyu-hyung, vice ministro sudocoreano degli Esteri, ha chiamato Shotaro Oshima, ambasciatore giapponese in Corea, per informarlo della decisione. "In nessun  caso – ha detto ai media Choo Kyu-ho, portavoce del ministero – potremmo salire sulla stessa barca del Giappone". Seoul ha accusato inoltre Tokyo di "voler intensificare la crisi con la parte nord della penisola" utilizzando la minaccia di un attacco preventivo, "una retorica fatta di provocazioni".

"La Corea del Sud – ha detto oggi Jung Tae-ho, portavoce dell'ufficio presidenziale – reagirà con forza all'arroganza dei leader politici giapponesi". Jung ha poi aggiunto che il vero interesse del Giappone "è quello di poter tornare una potenza in campo militare"

Una linea comune sulla gestione della crisi missilistica innescata dai test effettuati da Pyongyang la scorsa settimana sembra comunque irraggiungibile. Cristopher Hill, capo dei negoziatori americani al tavolo del disarmo nucleare, è tornato a Seoul per "sottolineare con urgenza" l'importanza di "parlare al regime di Kim Jong-il con una voce sola", ma il suo appello non ha provocato effetti.

Intanto, al Consiglio di Sicurezza Onu i lavoro sono fermi. Il voto sulla risoluzione congiunta - e sulle sanzioni invocate da Washington – previsto per ieri sera, è stato rimandato per permettere alla diplomazia cinese di fare nuovi sforzi e convincere Pyongyang ad abbandonare i suoi propositi di nuovi lanci.

Una delegazione di altissimo livello, guidata dal vice premier cinese Hui Liangyu, si è mossa verso la capitale nordcoreana, dove dovrebbe rimanere sei giorni. "Il voto all'Onu è stato bloccato – dice l'ambasciatore statunitense presso le Nazioni Unite, John Bolton – ma questa fase non è infinita. Lasciamo tempo alla diplomazia cinese ma continuiamo ad osservarla, giorno per giorno".

Seoul teme che l'ampio raggio di interpretazione delle risoluzioni Onu che comprendono sanzioni possa bloccare ogni forma di cooperazione economica con l'altra parte della penisola. "Se dovesse comprendere delle sanzioni – ha detto un rappresentante del governo – la risoluzione ucciderebbe il complesso industriale di Kaesong, dove collaboriamo con il Nord, e può impedirci di inviare aiuti umanitari alla popolazione. In altre parole, la scelta di Tokyo e Washington di continuare a voler punire duramente il Nord vuole essere una forma di pressione durissima anche sul nostro governo", da molti accusato di essere troppo indulgente nei confronti del regime guidato da Kim.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/07/2006 Giappone – Corea del Nord
Truppe giapponesi in massima allerta dopo i test missilistici di Pyongyang
06/07/2006 Corea del nord – corea del sud
La Corea del Nord è pronta a lanciare nuovi missili
20/07/2006 Corea del Nord – Corea del Sud
Pyongyang interrompe gli incontri di riunificazione familiare
12/07/2006 Cina – corea del nord
Pechino, Hu Jintao invita la Corea del Nord a non aggravare la crisi diplomatica
13/07/2006 COREA DEL NORD – CINA –USA
Sulla questione dei missili, la Cina "non ha ottenuto nulla" da Pyongyang

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate