21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/05/2010, 00.00

    INDIA – THAILANDIA

    Crisi politica thai: appello per una “soluzione pacifica” di 43 Ong asiatiche

    Nirmala Carvalho

    I manifestanti chiedono l’incriminazione del vice-premier, presunto responsabile delle violenze del 10 aprile. Il governo replica: condizioni “non chiare”. Un gruppo di Ong dell’Asia invia una lettera al Ministero thai degli esteri in cui esprime “preoccupazione” per la situazione. Attivista indiano: rispetto del diritto internazionale.
    New Delhi (AsiaNews) – Un gruppo formato da 43 Organizzazioni non governative di tutta l’Asia ha inviato una lettera al Ministero thai degli esteri, invitando il governo a “non usare la violenza” per mettere fine alla crisi politica che da due mesi ha colpito il Paese. Le Ong manifestano “preoccupazione” per la situazione di tensione, condannano con forza gli scontri a Bangkok delle ultime settimane e invitano entrambi i fronti a “trovare una soluzione pacifica”.
     
    Questa mattina i leader delle “camicie rosse” – i manifestanti anti-governativi dello United Front for Democracy against Dictatorship (UDD) – hanno annunciato proteste a oltranza. Gli oppositori, vicini all’ex premier in esilio Thaksin Shinawatra, spiegano che solo “la comparizione del vice-premier Suthep Thaugsuban davanti alla Divisione per la prevenzione del crimine” metterà fine all’occupazione del distretto finanziario della capitale. Oggi Suthep ha fornito la propria versione dei fatti al Dipartimento speciale di indagine (DSI). I manifestanti, invece, chiedono che il vice-premier venga indagato in via ufficiale dalla polizia.
     
    Intanto il governo bolla come “non chiare” le condizioni dettate dai manifestanti, in risposta all’ultimatum lanciato dal premier thai Abhisit Vejjajiva. Panitan Wattanayagorn, portavoce dell’esecutivo, sottolinea che “abbiamo fatto del nostro meglio” per risolvere la situazione e aggiunge che “non possiamo rispondere a un qualcosa che non riusciamo a capire”.
     
    La tensione politica in Thailandia interessa diversi Paesi dell’area e preoccupa molte Ong asiatiche, firmatarie della lettera inviata al Ministero thai degli esteri. Gli attivisti chiedono il rispetto degli standard internazionali di legalità e la creazione di un Comitato di indagine sulle violenze del 10 aprile a Bangkok (25 morti e oltre 900 feriti). Essi denunciano anche il blocco di 10 emittenti tv e siti web, che costituisce un “passo indietro” nel cammino democratico del Paese, sebbene la dichiarazione di “emergenza” comporta “la restrizione di alcuni diritti”.
     
    Fra le 43 ong asiatiche che hanno sottoscritto il documento vi è anche il Peoples Vigilance Committee For Human Rights (PVCHR), con base in India e diretto da Lenin Raghuvanshi. Il 30 aprile scorso l’attivista indiano, insieme ai responsabili di altre 4 ong, ha incontrato un gruppo di leader del gruppo di pressione  UDD, rinnovando l’appello a “negoziati pacifici” con il governo.
     
    “La protesta delle ‘camicie rosse’ – racconta Lenin Raghuvanshi – è molto ben organizzata. Abbiamo cercato di intavolare negoziati non violenti con il partito dei rossi e il governo. Le ‘camicie rosse’ insistono sul fatto che il governo è illegale”. L’attivista aggiunge di aver riferito ai leader della protesta “l’attenzione con cui la comunità internazionale segue gli sviluppi” e che “nessuno giustificherà o perdonerà l’uso della violenza”. I responsabili delle Ong hanno lanciato anche un appello al governo thai perché “rispetti gli standard internazionali”.
     
    Lenin Raghuvanshi racconta infine un aneddoto “divertente” che è accaduto nel corso della visita: “la notte abbiamo visto un gruppo di militari che cantava e intratteneva le ‘camicie rosse’. I dimostranti sono fermi nella protesta, per questo – conclude – è importante che le organizzazioni internazionali mostrino solidarietà nei loro confronti”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/05/2010 THAILANDIA
    Thaksin: le accuse di terrorismo del governo thai sono di natura politica
    L’ex premier in esilio respinge le imputazioni ed esclude l’intervento dell’Interpol per arrestarlo. Per il governo egli avrebbe manovrato i manifestanti e finanziato la frangia estremista “nera”, responsabile delle violenze. Analista politico: da Thaksin e Abhisit un passo indietro per il bene della Thailandia.

    26/05/2010 THAILANDIA
    Bangkok, migliaia in preghiera per la pace nel Paese
    All’alba cristiani, buddisti, musulmani e indù si sono riuniti in 10 punti della capitale per rinnovare l’appello alla riconciliazione. Analisti spiegano che le divisioni restano profonde e sono necessarie riforme socio-politiche per riportare la coesione nazionale. La resa delle “camicie rosse” non significa la pace.

    21/05/2010 THAILANDIA
    Abhisit rilancia la “road map” per la pace. Fallito il modello di democrazia thai
    Il premier conferma il ritorno all’ordine e alla legalità nella capitale. Egli assicura l’impegno dell’esecutivo per rilanciare il Paese e promette trasparenza. In due mesi di protesta delle “camicie rosse” sono morte 83 persone, oltre 1900 i feriti. La crisi politica segna la fine della Thailandia come modello per le nazioni del Sud-est asiatico.

    20/05/2010 THAILANDIA
    Bangkok: tre notti di coprifuoco, timori di nuove violenze
    Le autorità hanno sgomberato l’area occupata dalle “camicie rosse”. Alcuni leader della rivolta si sono consegnati alla polizia e lanciano appelli alla pace. Incendiati 35 edifici nella capitale, fra cui la Borsa thai. Negli scontri di ieri sono morte 14 persone; 82 le vittime dall’inizio della protesta.

    19/05/2010 THAILANDIA
    Bangkok: resa delle “camicie rosse”. Morto un reporter italiano
    Offensiva finale contro i manifestanti anti-governativi. Il bilancio degli scontri di oggi è di cinque morti e dozzine di feriti. Catturati alcuni leader della rivolta. Thaksin: il risentimento potrebbe trasformare la rivolta in “guerriglia” permanente.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®