20/01/2021, 10.58
IRAQ
Invia ad un amico

Cristiani irakeni: il 'digiuno di Giona' contro la pandemia

Dal 25 gennaio la chiesa caldea promuove una tre giorni di digiuno e preghiera. Dal card. Sako l’invito a trasformare “la dolorosa esperienza” del coronavirus, come la peste in passato, in “opportunità di grazia e di bene”. Una preghiera anche per “il successo della visita di papa Francesco”.

Baghdad (AsiaNews) - Come “al tempo di Ezechiele” si è pregato e digiunato per la fine dell’epidemia di peste, “anche noi trasformiamo questa dolora esperienza” della pandemia di Covid-19 in “opportunità di grazia e di bene”, attraverso la “solidarietà spirituale e sociale”. È quanto scrive il primate caldeo card Louis Raphael Sako in una riflessione pubblicata oggi presentando la tre giorni di digiuno e preghiera conosciuta come “La resurrezione di Ninive” che inizia il 25 gennaio prossimo. “Venite, pentiamoci dei peccati, preghiamo per la salvezza dalla pandemia di Corona - scrive il porporato - contempliamo il significato della nostra esistenza e assumiamoci le nostre responsabilità” andando in soccorso dei malati e di quanti hanno perso il lavoro, “tendendo loro la mano”. 

La “mortale epidemia di Corona” che si è diffusa in tutto il mondo, sottolinea il primate caldeo, “colpendo milioni di persone” è “simile alla peste ai tempi di Ezechiele”. Le vittime globali sono oltre due milioni e 96 milioni gli infetti, una “catastrofe” con “conseguenze negative” sotto molti profili: “Per la salute delle persone, le attività sociali, culturali (istruzione e studio), economiche e religiose (le attività di chiese e moschee sono state sospese)”. 

Da qui la decisione “lunedì prossimo 25 gennaio e per un periodo di tre giorni” di osservare un periodo di digiuno e preghiera conosciuto come “La risurrezione di Ninive” e legato al racconto biblico del profeta Giona, in una sorta di anticipazione della Quaresima. I vertici della Chiesa caldea invitano dunque i fedeli ad astenersi dal cibo fino a mezzogiorno o, chi può, alla sera. E di partecipare in questo tempo a momenti di preghiera quotidiana o di fare orazioni speciali, disponendosi alla penitenza e partecipando - in presenza o tramite i social - alla messa. 

La pratica del digiuno, pur nell’evocazione del racconto di Giona e Ninive, si richiama in realtà allo scoppio della terribile epidemia di peste in Mesopotamia ai tempi di Ezechiele (570-581 a.C.) “quando morirono migliaia di persone” ricorda il card Sako. In questo contesto, Ezechiele “si è ispirato alla storia di Giona per esortare le persone a pregare e pentirsi”. 

Infine, il primate caldeo invita a pregare “anche per il ritorno della pace, della sicurezza e della stabilità nel nostro Paese e nella regione dopo tutte le guerre e i conflitti che l’hanno esaurita”. Preghiamo anche, conclude il porporato, “per il successo della visita di papa Francesco: ascoltiamo le sue parole come il popolo di Ninive udì le parole di Giona, in modo da poter avere una vita migliore”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Patriarca Sako: la Pasqua di resurrezione più forte del buio coronavirus
06/04/2020 09:50
P. Samir: Come Gesù nel deserto, in quarantena per guarire dal male (II)
01/04/2020 09:21
P. Samir: dall’Italia all’Iraq, il coronavirus nuova guerra globale (I)
31/03/2020 13:56
Vescovo di Baghdad, Pasqua e coronavirus: nelle chiese vuote contro il nemico invisibile
30/03/2020 12:36
Ausiliare di Baghdad: coronavirus peggio di una guerra. Coprifuoco e messe sui social
16/03/2020 12:11