31 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/07/2012
CINA - VATICANO
Di nuovo attivo il blog di mons. Ma Daqin, vescovo ausiliare di Shanghai
di Jian Mei
Nel suo primo messaggio mons. Ma Daqin pubblica un'immagine e cinque poesie di un sacerdote gesuita. Il testo esprime lo stato di dolore, solitudine e tristezza del prelato, dal 7 luglio costretto a un riposo forzato nel seminario di Sheshan. Immediate le risposte dei cattolici cinesi e stranieri che hanno inviato al vescovo parole di conforto e preghiere.

Shanghai (AsiaNews) - Mons. Thaddeus Ma Daqin, vescovo ausiliare di Shanghai, riattiva il suo blog (http://blog.sina.com.cn/s/blog_5392f6070102e1yp.html). Il sito era bloccato dal giorno della sua ordinazione avvenuta il 7 luglio scorso. Da nove giorni il prelato è bloccato nel seminario di Sheshan ed è sotto indagine per aver violato "in modo grave" il regolamento sulle ordinazioni episcopali in Cina. Durante le cerimonia egli ha rifiutato l'imposizione delle mani da parte di un vescovo illecito e ha annunciato le sue dimissioni dall'Associazione Patriottica (AP).

Oggi, mons. Ma ha pubblicato sul suo blog un'immagine (V. foto) e 5 poesie. L'ultimo messaggio risaliva al 6 luglio, il giorno precedente alla sua ordinazione.

Alle 17,30 (ora locale) decine di cattolici hanno risposto al messaggio del vescovo, con preghiere e auguri, parole di calore, di incoraggiamento e di consolazione. Alcuni scrivono: "la preghiamo a prendersi cura della propria salute"; "E' tornato?", "Come sta ? "; " Se sta bene, deve essere allora una giornata di sole ".

Le poesie scelte pubblicate online da Mons. Ma, sono state composte dal gesuita Padre Wu Yushan, alias Wu Li (1632-1718), uno dei primi sacerdoti provenienti dalla Cina che ha predicato ed è morto a Shanghai. I testi sono stati scelti dalla poesia di Padre Wu su Macau e danno al lettore un senso di dolore e di tristezza. Gli ultimi versi recitano: "Qui c'è solo un giorno, ma mille giorni sono passati in questo mondo".

Un sacerdote cinese afferma ad AsiaNews che questa ultima frase significa che il vescovo Ma soffre per l'isolamento ed è triste.

L'articolo include anche una foto firmata "Thaddy Ma".

Intanto, cattolici cinesi e stranieri continuano a pregare per la libertà di mons. Ma Daqin.

Questa sera, i cattolici di Hong Kong terranno un veglia di preghiera davanti al palazzo del governo cinese. A seguire vi sarà una messa nella chiesa di S. Margherita officiata dal card. Joseph Zen, dedicata alla testimonianza di fede del prelato di Shanghai e alla sofferente Chiesa cinese.

Ieri, in tutte le messe domenicali della diocesi di Hong Kong, su indicazione del card. John Tong, vi sono state preghiere per la Chiesa in Cina, in particolare per i coraggiosi vescovi cattolici, e per la libertà religiosa nel Paese.         

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li
10/07/2012 VATICANO - CINA
Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
di Bernardo Cervellera
09/07/2012 CINA - VATICANO
Deve "riposare" in seminario il coraggioso vescovo ausiliare di Shanghai
di Jian Mei
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate