23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/09/2012
CINA – GIAPPONE
Diaoyu/Senkaku, l’esercito cinese esibisce tutta la sua potenza
Sul quotidiano dell’Esercito di liberazione del popolo appare un lungo articolo che descrive le esercitazioni militari “a tutto campo” compiute in questi giorni dal Comando militare di Nanjing, che ha la responsabilità di difendere la zona in cui si trova l’arcipelago conteso da Pechino e Tokyo. Il nuovo ambasciatore nipponico in Cina collassa prima di partire e viene ricoverato.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Dopo l'acquisto dei terreni sulle isole Diaoyu/Senkaku da parte del governo giapponese, la Cina ha avvertito il Sol Levante di essere "pronta a tutto" per salvaguardare la propria integrità nazionale. L'arcipelago conteso è da anni causa di tensioni diplomatiche fra i due Paesi, ma negli ultimi mesi la situazione si è aggravata: l'Esercito di liberazione popolare cinese ha pubblicato un ampio articolo sul proprio quotidiano in cui descrive le operazioni militari compiute nella zona con la cooperazione di esercito, marina e aviazione.

Le esercitazioni sono avvenute nel Mar Giallo e nel deserto del Gobi. A guidarle era il Comando militare di Nanjing, che ha la responsabilità del Mar cinese meridionale dove si trovano i territori contesi. Xu Guangyu, ricercatore dell'Associazione per il controllo delle armi e il disarmo di Pechino, spiega: "Si tratta di un avvertimento rivolto a Tokyo. Se manda la Difesa davanti alle isole deve sapere che siamo pronti a difenderle".

Non è chiaro il valore dell'arcipelago. Si pensa che esso abbia anzitutto un valore strategico, trovandosi sulla rotta delle più importanti vie marittime; altri affermano che oltre alle acque ricche di pesca, nel sottofondo marino vi siano sterminati giacimenti di gas. Nel 2008, come gesto di distensione, i due governi hanno firmato un accordo per lo sfruttamento e la ricerca congiunti nell'arcipelago, che tuttavia è rimasto lettera morta.

Nei giorni scorsi Tokyo ha acquistato da alcuni privati la terra delle Diaoyu/Senkaku, che secondo loro appartiene alla prefettura di Okinawa. Pechino ha reagito con durezza: il premier Wen Jiabao ha dichiarato che la Cina "non cederà mai neanche un millimetro della propria terra". Ma i canali diplomatici per ora sembrano inutili: tutti i tentativi di distensione dal punto di vista politico si sono rivelati un buco nell'acqua.

L'ultimo non si è proprio verificato: un giorno prima di partire per Pechino, infatti, il nuovo ambasciatore nipponico in Cina Shinichi Nishimiya ha avuto un collasso nei pressi della sua abitazione di Tokyo ed è stato ricoverato. Il governo ha respinto la possibilità di un incidente "pilotato".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/10/2012 GIAPPONE – CINA
Diaoyu/Senkaku, Tokyo e Pechino tornano al tavolo dei negoziati
24/04/2013 GIAPPONE – CINA
Senkaku/Diaoyu, Shinzo Abe “pronto a usare la forza”
14/09/2012 CINA – GIAPPONE
Pechino invia altre navi da guerra alle Diaoyu/Senkaku
04/10/2012 GIAPPONE – CINA
Diaoyu/Senkaku, ora si rischia una “disastrosa” guerra economica
11/09/2012 CINA – GIAPPONE
Pechino manda i pattugliatori alle Diaoyu/Senkaku

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate