03/09/2020, 13.12
INDIA
Invia ad un amico

Difficile ed essenziale l’aiuto ai migranti tribali sorpresi dal lockdown

di Nirmala Carvalho

L’esperienza di Goretti Xalxo coordinatrice di Pahunch. Il lockdown ha trasformato dall'oggi al domani i poveri e i lavoratori subalterni in rifugiati. Non solo sostegno materiale, ma anche indicazioni sanitarie e aiuto per tornare a casa.

Mumbai (AsiaNews) – Hanno detto che il lockdown - con appena quattro ore di preavviso alla vigilia del 24 marzo - era la chiave per salvare vite umane, ma la mancanza di pianificazione ha un effetto opposto sui più poveri tra i poveri e sui più vulnerabili. Poiché era la fine del mese, i loro stipendi erano dovuti, ma i loro posti di lavoro sono stati soppressi immediatamente dopo l’improvviso annuncio. La maggior parte dei datori di lavoro e degli appaltatori che dovevano pagarli spegneva il telefono o non rispondeva alle chiamate o semplicemente spariva.

La Sig.ra Goretti Xalxo coordinatrice di Pahunch racconta ad AsiaNews la sua esperienza di lavoro con i migranti tribali durante la pandemia di COVID-19.

La fragilità delle persone: l'annuncio del lockdown ha trasformato dall'oggi al domani i poveri e i lavoratori subalterni in rifugiati. Io e il mio team abbiamo lavorato soprattutto con i migranti tribali di Chhotanagpur che vivono a Janakipada Vasai, Naigaon e Virar.

Sono emigrati dai loro villaggi in Chhattishgarh, Jharkhand e Odisha. Lavorano nelle città come collaboratrici domestiche, autisti e giardinieri, o come salariati  giornalieri. La maggior parte di loro ha affittato piccole stanze a basso costo negli slum. Alcuni hanno anche stanze condivise in modo da ridurre il costo dell'affitto. Hanno cucinato insieme, così sono stati in grado di ridurre il costo del cibo.

Ci sono circa 465 famiglie tribali Chhotanagpur per un totale di circa 800-900 persone che vivono a Vasai e dintorni. In questo momento di disperazione e situazione di crisi, anche l'arcivescovo della diocesi di Vasai, Felix Machado, ha chiesto di prendere iniziative per aiutare i migranti tribali di Chhotanagpur, in modo che nessuno arrivi alla fame.

Intervento Pahunch: Sono orgogliosa di dire che noi del team PAHUNCH siamo stati tra i primi a raggiungere e interagire con i migranti tribali di Chotanagpur, India centrale, che vivono a Vasai e dintorni. Il team è composto da Mary Goretti Xalxo, Pallavi Xalxo, Praveen Kachhap, p. Andrew Dantis CSsr, p. Ivan D’souza CSsr, Valentine Soreng e Sushma Kido. Ci siamo attrezzati per interagire con loro per impedire loro di “tornare a casa a piedi” e per non cadere preda del caos rassicurandoli che “siamo con loro”.

Abbiamo pianificato un intervento a due vie 1) Soccorso e 2) Consapevolezza sull'igiene e distanziamento sociale e risoluzione delle crisi attraverso la consulenza telefonica. In primo luogo, abbiamo chiesto se avevano cibo sufficiente, se hanno ricevuto uno stipendio o se i loro datori di lavoro daranno loro lo stipendio pieno. La maggior parte di loro ha avuto razioni per uno o due giorni, molti hanno detto che stavano tagliando i pasti e mangiando un pasto al giorno per conservare il cibo.

Distribuzione dei soccorsi: questi migranti erano appena tornati dalle loro case dopo le vacanze di Natale, non avevano soldi in tasca. Avevano portato con sé alcuni cereali per mangiare finché non avessero guadagnato. Con questo improvviso annuncio di lockdown, i lavoratori migranti sono stati spinti al limite della fame, a livelli allarmanti di vulnerabilità ed estrema umiliazione. In assenza di lavoro, dipendevano dalle distribuzioni di cibo da parte dei governi o di enti di beneficenza.

Prevedendo l'entità degli effetti dell'annuncio del lockdown, ho espresso le mie paure e preoccupazioni con alcuni miei amici e benefattori per assistere questi migranti tribali di Chhotanagpur. Dopo aver ascoltato la situazione delle persone, i donatori si sono mossi e hanno donato alla squadra kit di soccorso. I kit sono stati sufficienti per un mese.

Abbiamo distribuito il nostro primo soccorso il 29 marzo a Jankipada, Vasai East. È stata un'esperienza toccante perché alcuni di loro non avevano cibo per il giorno successivo. Abbiamo continuato a cercare persone bloccate in luoghi diversi e abbiamo cercato di contattare tutti, in modo che nessuno resti affamato. Abbiamo continuato il nostro lavoro di soccorso supportato da generosi donatori come Dharma Bharti Mission, Caritas Inddia, Habitat for Humanity, PCGT, Redentoristi e donatori individuali con kit di soccorso. Così, siamo stati in grado di sostenere più di 2500 famiglie a Jankipada, Shantipada, Gauraipada, Fatherwadi, Bhoidapada, Sativali, Rajawali, Naigaon East, Virar, Nallasopara e alcuni luoghi isolati intorno a queste aree. Non ci siamo occupati solo dei migranti tribali, ma anche di vittime della tratta,  orfani, anziani, rifugiati del Bangladesh.

Distanziamento sociale, igiene e indossare mascherine. L'allontanamento sociale era impossibile per questi migranti considerando che la maggior parte di loro viveva in gruppi di 6-7 persone in stanze piccole o anche molto piccole. Le loro porte sono l'una di fronte all'altra a meno di 60 centimetri di distanza. Si siedono e chiacchierano tutto il giorno dopo le faccende domestiche. Le persone non vivono mai da sole. Pertanto neppure capiscono la rigida regolamentazione sull'allontanamento sociale, né cosa significa mantenere le distanze di sicurezza.

Migranti che tornano a casa: Man mano che il blocco continuava, l'ansia sulle persone ha iniziato ad aumentare. Ora hanno deciso di tornare ai loro villaggi in ogni modo possibile. Ci siamo spaventati per questo, perché sono a migliaia di chilometri dai loro villaggi. La nostra consulenza è diventata più frequente e approfondita, incoraggiandoli a non andare a piedi. Diventavano irrequieti col passare dei giorni. Infine, gli Alumni’s of the National Law College Bangalore hanno annunciato il trasporto aereo gratuito dei migranti, in particolare dal Jharkhand. Abbiamo colto l'opportunità e abbiamo inviato 20 migranti tribali nel primo gruppo. Poi la nostra collaborazione è continuata con NLU. Ne mandammo 200 in treno, poi di nuovo 180 trasportati in aereo a Odisha e di nuovo in aereo a Jharkhand. Abbiamo anche inviato alcuni migranti con autobus e camion nei primi giorni prima di collaborare con NLU. Tuttavia, ci siamo assicurati che non avessero difficoltà durante il viaggio su strada. Mia figlia Pallavi ha avuto l'idea di creare una rete di contatti fra gli Stati. Ha identificato organizzazioni con idee simili a Nagpur, Raipur nel Chhattisgarh e Sundargarh nell'Odisha. Ha chiesto a questi partner di fornire cibo e acqua alle persone che viaggiano attraverso le autostrade e alla fine ha avviato Highway Relief. Questa è stata un'idea unica prima che le autorità stradali nazionali iniziassero la loro assistenza con cibo e acqua. In questo modo abbiamo impedito alla nostra gente di disidratarsi e ammalarsi. Le persone sono state in contatto con noi durante il viaggio fino a quando non hanno raggiunto le loro case. In caso di difficoltà hanno condiviso con noi e li abbiamo assistiti con il nostro Networking a modo loro.

Esperienza spirituale: per la mia squadra le risorse di soccorso non si sono mai esaurite. Abbiamo iniziato con 30 kit. Guardando il nostro servizio, le persone si sono fatte avanti per aiutare in ogni modo possibile. Abbiamo continuato a raggiungere luoghi diversi e abbiamo continuato a ricevere kit di soccorso.
Dio era con noi in tutta questa missione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo di Lucknow: Migranti nascosti in una betoniera. Il lockdown è una catastrofe anche per le donne (Video)
04/05/2020 11:05
Mumbai, Primo Maggio con disoccupazione al 24%. I preti donano il salario di un mese
01/05/2020 10:16
Il sostegno della Chiesa ai nuovi poveri, creati dal lockdown
27/04/2020 11:43
Covid-19: con 90mila infezioni in un giorno, l’India è il secondo Paese più colpito al mondo
07/09/2020 11:00
Sr Prema: Madre Teresa ci dà coraggio in questo tempo difficile
05/09/2020 08:28