27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/11/2015, 00.00

    BANGLADESH

    Dinajpur, attentato a un missionario del Pime, colpito da arma da fuoco

    Sumon Corraya

    Dinajpur (AsiaNews) - Il missionario del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), p. Piero Parolari, è stato ferito in modo grave stamane da un'arma da fuoco. Non si conoscono gli assalitori, ma si sospetta di alcuni radicali islamici.

    P. Piero Parolari, 64 anni, è viceparroco di Suihari e dottore presso l'ospedale St. Vincent. Questa mattina stava andando in moto dalla parrocchia all'ospedale quando è stato colpito al collo da un proiettile. Trasportato all'ospedale è stato operato e le sue condizioni sono gravi. Dopo le prime cure i dottori hanno deciso di trasportarlo in elicottero a Dhaka.

    La polizia locale ha detto di non essere sicura sull'identità degli assalitori, ma la gente è certa che si tratti di radicali musulmani. Nei giorni scorsi diversi pastori protestanti a Dhaka hanno ricevuto minacce di morte da parte di estrremisti islamici.

    Il vescovo di Dinajpur, mons. Sebastian Tudu, ha dichiarato alla polizia che "è inaccettabile che la nostra gente diventi una vittima così facile. E' necessaria una maggiore sicurezza".

    "L'attacco a un sacerdote - ha detto un fedele di Dinajpur - è un attacco a tutti noi".

    P. Piero Parolari ha passato più di 20 anni in Bangladesh, dal 1985 in poi. Dal 2001 al 2007 è stato direttore spirituale nel semionario del Pime a Roma. laureato in medicina prima di diventare missionario, aveva messo a disposizione la sua esperienza di medico per curare poveri e soprattutto tubercolotici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/12/2015 BANGLADESH
    Dinajpur, confessa uno degli assalitori di p. Piero Parolari
    Sariful Islam è membro del gruppo fondamentalista islamico Jamaat-ul-Mujiahideen, bandito dal governo locale. Oltre all’agguato al missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere, ha confessato anche l’attacco a un tempio indù. Le autorità incontrano i leader cristiani e garantiscono massima sicurezza per le celebrazioni natalizie.

    19/11/2015 BANGLADESH
    Pime: Più che l’Isis, il movente è politico nell’attentato al missionario in Bangladesh
    P. Piero Parolari è in fase di recupero nell’ospedale militare di Dhaka. Gli estremisti dello Stato islamico rivendicano il tentato omicidio su Twitter. L’ambasciatore italiano in Bangladesh “non crede agli attentati dell’Isis” ma sottolinea la tensione politica nel Paese. AsiaNews pubblica il comunicato della Segreteria Generale del Pime.

    26/11/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, sempre più buone le condizioni di p. Piero. Presto il rientro in Italia
    P. Piero Parolari è stato aggredito da tre malviventi, ancora ignoti. Le sue condizioni di salute migliorano, parla senza fatica e cammina. I medici stanno interrompendo anche la somministrazione di farmaci. Nei prossimi giorni verrà trasferito all’Ospedale Bambino Gesù di Roma, dove trascorrerà un periodo di recupero. A Dinajpur una catena umana delle associazioni cristiane.

    23/11/2015 BANGLADESH
    Bangladesh: p. Piero sta bene ma rimane alta la tensione politica
    Le condizioni di salute del missionario cattolico migliorano di ora in ora. Ma è molto debole, a causa delle ferite e degli antibiotici. Clima politico sempre più incandescente, con l’impiccagione di due oppositori. Il gruppo islamico Jamaat-e-Islami indice uno sciopero generale. I sacerdoti di Dinajpur vivono ancora sotto scorta. Fonte cattolica: “Serve il dialogo tra le comunità”.

    21/11/2015 BANGLADESH
    Bangladesh: cristiani, musulmani e indù chiedono giustizia per p. Parolari
    Circa 200 persone manifestano a Dhaka, chiedendo al governo di trovare i responsabili dell’attacco al missionario del Pime. Avvocato indù: “Oggi mi vergogno di essere bangladeshi. Non riusciamo a difendere chi sacrifica la propria vita per fare del bene”. Una decina di pastori protestanti hanno ricevuto minacce di morte via sms: “Vi restano cinque giorni di vita”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®