27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/11/2015, 00.00

    BANGLADESH

    Dinajpur, attentato a un missionario del Pime, colpito da arma da fuoco

    Sumon Corraya

    Dinajpur (AsiaNews) - Il missionario del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), p. Piero Parolari, è stato ferito in modo grave stamane da un'arma da fuoco. Non si conoscono gli assalitori, ma si sospetta di alcuni radicali islamici.

    P. Piero Parolari, 64 anni, è viceparroco di Suihari e dottore presso l'ospedale St. Vincent. Questa mattina stava andando in moto dalla parrocchia all'ospedale quando è stato colpito al collo da un proiettile. Trasportato all'ospedale è stato operato e le sue condizioni sono gravi. Dopo le prime cure i dottori hanno deciso di trasportarlo in elicottero a Dhaka.

    La polizia locale ha detto di non essere sicura sull'identità degli assalitori, ma la gente è certa che si tratti di radicali musulmani. Nei giorni scorsi diversi pastori protestanti a Dhaka hanno ricevuto minacce di morte da parte di estrremisti islamici.

    Il vescovo di Dinajpur, mons. Sebastian Tudu, ha dichiarato alla polizia che "è inaccettabile che la nostra gente diventi una vittima così facile. E' necessaria una maggiore sicurezza".

    "L'attacco a un sacerdote - ha detto un fedele di Dinajpur - è un attacco a tutti noi".

    P. Piero Parolari ha passato più di 20 anni in Bangladesh, dal 1985 in poi. Dal 2001 al 2007 è stato direttore spirituale nel semionario del Pime a Roma. laureato in medicina prima di diventare missionario, aveva messo a disposizione la sua esperienza di medico per curare poveri e soprattutto tubercolotici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/12/2015 BANGLADESH
    Dinajpur, confessa uno degli assalitori di p. Piero Parolari
    Sariful Islam è membro del gruppo fondamentalista islamico Jamaat-ul-Mujiahideen, bandito dal governo locale. Oltre all’agguato al missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere, ha confessato anche l’attacco a un tempio indù. Le autorità incontrano i leader cristiani e garantiscono massima sicurezza per le celebrazioni natalizie.

    19/11/2015 BANGLADESH
    Pime: Più che l’Isis, il movente è politico nell’attentato al missionario in Bangladesh
    P. Piero Parolari è in fase di recupero nell’ospedale militare di Dhaka. Gli estremisti dello Stato islamico rivendicano il tentato omicidio su Twitter. L’ambasciatore italiano in Bangladesh “non crede agli attentati dell’Isis” ma sottolinea la tensione politica nel Paese. AsiaNews pubblica il comunicato della Segreteria Generale del Pime.

    26/11/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, sempre più buone le condizioni di p. Piero. Presto il rientro in Italia
    P. Piero Parolari è stato aggredito da tre malviventi, ancora ignoti. Le sue condizioni di salute migliorano, parla senza fatica e cammina. I medici stanno interrompendo anche la somministrazione di farmaci. Nei prossimi giorni verrà trasferito all’Ospedale Bambino Gesù di Roma, dove trascorrerà un periodo di recupero. A Dinajpur una catena umana delle associazioni cristiane.

    23/11/2015 BANGLADESH
    Bangladesh: p. Piero sta bene ma rimane alta la tensione politica
    Le condizioni di salute del missionario cattolico migliorano di ora in ora. Ma è molto debole, a causa delle ferite e degli antibiotici. Clima politico sempre più incandescente, con l’impiccagione di due oppositori. Il gruppo islamico Jamaat-e-Islami indice uno sciopero generale. I sacerdoti di Dinajpur vivono ancora sotto scorta. Fonte cattolica: “Serve il dialogo tra le comunità”.

    21/11/2015 BANGLADESH
    Bangladesh: cristiani, musulmani e indù chiedono giustizia per p. Parolari
    Circa 200 persone manifestano a Dhaka, chiedendo al governo di trovare i responsabili dell’attacco al missionario del Pime. Avvocato indù: “Oggi mi vergogno di essere bangladeshi. Non riusciamo a difendere chi sacrifica la propria vita per fare del bene”. Una decina di pastori protestanti hanno ricevuto minacce di morte via sms: “Vi restano cinque giorni di vita”.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®