23 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 13/11/2012, 00.00

    TIBET-CINA

    Donna tibetana si dà fuoco, mentre il Partito rimbrotta il Dalai Lama



    Nyingkar Tashi si è autoimmolata durante una cerimonia funebre. È la 70ma vittima che si dà fuoco dal 2011. Dalla vigilia del Congresso comunista vi sono state sette immolazioni. Pechino umilia il Dalai Lama accusandolo di "glorificare" le auto-immolazioni.

    Dharamsala (AsiaNews) - Nyingkar Tashi, una donna tibetana sui 25 anni, si è data fuoco nel pomeriggio di ieri nella città di Dowa (contea di Rebkong, Tibet orientale). La donna si è autoimmolata durante una cerimonia di preghiera per Tamdin Tso, una giovane madre anch'essa autoimmolatasi nella stessa zona il 7 novembre scorso. Prima di morire fra le fiamme, Nyingkar Tashi ha gridato per la libertà del Tibet e per il Dalai Lama.

    Negli ultimi sei giorni, dalla vigilia del Congresso del Partito comunista cinese a Pechino, sette tibetani si sono dati fuoco per contestare l'oppressione cinese del Tibet e domandare il ritorno nel Paese del Dalai Lama. Dal 2011, da quando molti giovani hanno scelto questo modo fatale di criticare il regime, si sono uccisi almeno 70 tibetani.

    Ieri, quasi in contemporanea con l'ennesima autoimmolazione, il portavoce del Ministero cinese degli esteri ha criticato il Dalai Lama di voler "glorificare" le immolazioni. In realtà, il capo del buddismo tibetano, in visita a Tokyo, aveva criticato Pechino per non aver capito le ragioni profonde che portano questi giovani, monaci e laici, al suicidio, e cioè la disperazione sul loro futuro e sul futuro della cultura e religione tibetana.

    "La Cina - ha detto il Dalai Lama - non verifica con serietà quanto avviene e cerca di far finire gli incidenti solo criticando la mia persona".

    Da anni Pechino accusa il capo spirituale dei tibetani di attizzare odio e separatismo, bollandolo come un "lupo travestito da agnello" e "un demone in vesti di angelo".

    Il Dalai Lama, che si è dimesso da ogni carica politica, domanda per il Tibet un'autonomia culturale e religiosa, ma non politica, ma ha trovato sempre una ferma opposizione del governo di Pechino. Dall'inizio delle autoimmolazioni egli ha esortato i giovani che compiono questo gesto disperato a non farlo perché perdendo la vita, essi perdono l'occasionedi contribuire in modo positivo alla rinascita del Tibet.

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/04/2013 TIBET-CINA
    Due monaci tibetani e una donna si danno fuoco: 119 autoimmolazioni
    I due giovani monaci appartenevano al monastero di Ngaba (Sichuan). Poche notizie sulla donna 23enne. Pechino accresce i controlli sui monasteri, taglia le comunicazioni con l'esterno e imprigiona i promotori delle proteste disperate.

    13/02/2012 TIBET - CINA
    Ngaba, muore con il fuoco una monaca buddista di 18 anni
    Tenzin Choedron proveniva dal monastero di Mamae Dechen Choekhorling: è la 23esima vittima di questa forma di protesta contro il dominio comunista. Il governo, invece di cercare il dialogo, continua a preferire il pugno di ferro contro la popolazione.

    13/03/2012 TIBET – CINA
    Tibet, ancora proteste: monaco 18enne si dà fuoco per ricordare la fuga del Dalai Lama
    Gepey apparteneva al monastero di Kirti, nella provincia del Sichuan. Egli si è auto-immolato in concomitanza con il 59mo anniversario della fuga del Dalai Lama dalla regione himalayana. Le autorità cinesi hanno sequestrato il cadavere e fermato la madre per interrogatori. La scorsa settimana altri sei monaci arrestati per “attività anti-cinesi”.

    12/03/2012 CINA - TIBET
    Monasteri tibetani sotto il controllo del regime: i monaci preferiscono abbandonarli
    Un "gruppo di lavoro" inviato da Pechino paralizza la vita nei templi buddisti, che vengono requisiti con la forza. In risposta, i monaci abbandonano i luoghi di culto e se ne vanno. La popolazione teme la situazione, che non permette più neanche una degna sepoltura per i defunti, ma Pechino la ignora.

    09/01/2012 CINA – TIBET
    Qinghai, una folla porta in processione i resti di un monaco auto-immolato
    Centinaia di tibetani hanno costretto la polizia a rilasciare i resti di Nyage Sonamdrugyu, un “buddha vivente” che ha scelto il suicidio con il fuoco dopo che il governo gli ha negato il visto per l’India, e li ha portati per le strade di Dari. Nonostante l’opposizione del Dalai Lama, sale a 15 il numero dei suicidi.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®