04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/10/2013, 00.00

    CINA

    Due università cinesi fra le migliori 50 al mondo



    La Beida e la Qinghua salgono, di poco, la graduatoria degli atenei più competitivi. Ma i ricercatori sottolineano la mancanza di spirito internazionale e la poca qualità delle ricerche scientifiche pubblicate dai docenti cinesi.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Due delle più importanti università della Cina hanno migliorato (di poco) la loro posizione nella graduatoria sugli atenei più stimati al mondo. Ma i ricercatori sottolineano che gli istituti del Paese devono comunque divenire più internazionali e migliorare la qualità delle proprie ricerche, se vogliono essere competitivi. La lista del Times Higher Education per il 2013-2014 posiziona la Beijing University (Beida) al 45mo posto (un gradino più in alto rispetto allo scorso anno) e la Qinghua University al 50mo, con due avanzamenti.

    Phil Baty, uno dei redattori della lista, sostiene che una delle aree in cui le università cinesi hanno più problemi è quella della ricerca: l'attenzione è troppo focalizzata sulla produttività invece che sulla qualità dei testi. Gli scienziati cinesi hanno prodotto negli ultimi 10 anni circa 1,14 milioni di testi, piazzandosi al secondo posto in termini di volume globale (nel 2010 erano al quarto posto). Tuttavia, sui giornali internazionali le ricerche cinesi sono citate in media 6,91 volte contro le 10,69 del livello mondiale.

    Secondo Baty gli studi sulle università cinesi dimostrano che sia la Beida che la Qinghua hanno migliorato le collaborazioni con l'estero e sono divenute "più attraenti" per docenti e studenti stranieri, ma che comunque sia loro che gli altri atenei cinesi devono divenire più internazionali. Nelle università del Paese lavorano 11.300 docenti non cinesi, meno dell'1% del totale. A Hong Kong, invece, oltre il 40% degli insegnanti viene dall'estero.

    Per il ricercatore le due università continueranno a salire la graduatoria, anche se la competizione fra le prime 50 sarà serrata: "Ma oltre a tutto questo devono riformare il proprio sistema e mettere in campo un sistema più dinamico per premiare i talenti migliori e mantenere le menti più brillanti all'interno del proprio sistema". Fra le università asiatiche, Tokyo si piazza al primo posto mentre Singapore occupa il secondo.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2006 India
    India: nuovo decreto sull'istruzione, apre tutte le scuole alle minoranze

    "Con questa legge – dice ad AsiaNews p. Joseph, portavoce della Conferenza episcopale indiana – il governo corregge i danni subiti dalle minoranze in campo educativo".



    24/09/2005 CINA
    I cinesi sognano studi negli Stati Uniti e auto giapponesi

    Da indagini emerge un Paese che non decide in modo ideologico o politico. L'America è il modello tecnologico da imitare. La scelta del lavoro non dipende da scenari politici.



    16/05/2016 10:58:00 CINA
    Università, ridotti i posti disponibili in 14 province. Genitori e studenti in piazza

    In Cina l’ammissione all’istruzione superiore è uno scoglio circondato da feroce competizione. Le autorità scolastiche limano le quote provinciali a favore delle aree meno sviluppate del centro e dell’ovest. Le proteste davanti agli edifici governativi si fanno roventi: “Manca meno di un mese agli esami, la decisione è assurda e dolorosa”.



    17/03/2015 CINA
    Cina, il governo alle università: Basta libri e valori stranieri
    Una circolare del dicastero dell'Istruzione impone alle maggiori istituzioni educative del Paese di effettuare un sondaggio su "come vengono usati i libri di testo stranieri, se questi siano veramente utili e come sono stati ottenuti". In corso una campagna contro i "valori occidentali nelle università" e a favore di una "migliore rappresentazione del Partito comunista e dei suoi leader".

    16/11/2006 CINA
    Chiudono 300 scuole per figli di migranti nel Guangdong

    Secondo i funzionari locali, le strutture non rispondono agli standard di sicurezza previsti dalla legge. Un educatore definisce l'ordinanza comunale una barriera tecnica per limitare le scuole private, che Pechino non riesce a concepire.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®