20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/11/2017, 14.36

    TAJIKISTAN

    Dushanbe: contro il rischio estremista, via gli imam indottrinati all’estero



    Alcune personalità religiose avrebbero cercato di diffondere un islam più rigido. Direttore del Consiglio islamico degli Ulema: pronto a dimettermi per la stabilità del Paese. Lo spettro del radicalismo islamico.

    Dushanbe (AsiaNews/Rfe) – Le autorità tagike rimuoveranno gli imam che hanno studiato l’islam all’estero. Deciso dal comitato religioso nazionale, il provvedimento mira a combattere l’estremismo religioso.

    Il comitato ha stabilito che entro la metà di novembre i governi locali dovranno rimpiazzare con figure più “adatte” gli studiosi islamici che si sono formati fuori dal Paese e dai canali ufficiali. La decisione è motivata dal coinvolgimento di personalità musulmane nella diffusione di insegnamenti religiosi “vietati”, portatori di un islam sunnita più rigido. Lo scorso 2 novembre, il portavoce Afshin Muqim ha assicurato che la misura non colpirà quanti hanno studiato all’estero “in modo legale”, ovvero con l’approvazione delle autorità tagike.

    Il direttore del Consiglio islamico degli Ulema del Tajikistan, Saidmukarram Abdulqodirzoda (nella foto), è una delle centinaia di personalità religiose ad aver studiato fuori dal Paese con l’approvazione ufficiale. Formato ad Islamabad, in Pakistan, egli annuncia di essere pronto a dimettersi “per il bene della stabilità del Paese”.

    “Non voglio che si ripetano i terribili eventi degli anni Novanta”, ha commentato Abdulqodirzoda, riferendosi alla violenta guerra civile che fra il 1992 e il 1997 ha visto scontrarsi il governo laico con l’opposizione guidata dagli islamisti.

    In Tajikistan, il comitato religioso nazionale seleziona gli imam, vigila su chiese e moschee e applica le leggi concernenti la religione.

    La misura rientra nel giro di vite che le autorità di Dushanbe stanno attuando sulle religioni e sulle influenze esterne per combattere il pericolo estremista. In Tajikistan il 90% dei 8,3 milioni di cittadini è musulmano, per lo più della scuola moderata hanafita. Nel Paese, il controllo sulla vita religiosa si è intensificato dopo la notizia dell’adesione di molti cittadini a gruppi islamisti in Siria e Iraq: il velo è vietato nelle scuole, i minori non possono entrare nelle moschee e diversi studenti di scuole islamiche estere sono stati costretti a tornare a casa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/02/2018 11:08:00 TAJIKISTAN
    Dushanbe, 2mila moschee convertite in sale da tè e centri culturali

    Non erano state autorizzate dal governo. Le autorità scrivono i sermoni degli imam, che devono rinnovare i documenti con regolarità. Combattere le influenze esterne e il fondamentalismo. Esperto: il controllo rischia di favorire il fondamentalismo.



    22/06/2017 12:33:00 TAJIKISTAN
    Dushanbe: pellegrinaggio alla Mecca vietato ai giovani tagiki

    La motivazione ufficiale è favorire la partenza dei più anziani, ma in realtà la ragione è prevenire la radicalizzazione della gioventù. Il Paese a maggioranza islamica stringe i controlli sulla vita religiosa dei suoi cittadini.



    27/07/2011 INDONESIA
    Indonesia, leader cristiani e musulmani diffondono il seme della tolleranza fra i giovani
    L’incontro è stato realizzato dal seminario gesuita di San Pietro a Matoyudan (Central Java) e rivolto ai seminaristi. Esponenti di movimenti islamici e cattolici sottolineano il dilagare del settarismo religioso nel Paese. Conoscenza reciproca e rispetto della diversità unica strada per fermare l’odio interreligioso.

    18/06/2014 INDIA
    Non violenza e fondamentalismo nell'India contemporanea
    L'intervento completo del card. George Alencherry al convegno organizzato da Oasis a Sarajevo sul tema "Tentazione violenza. Religioni tra guerra e riconciliazione". Solo il secolarismo, inteso "all'indiana", potrà salvare il Paese dall'affermazione dell'estremismo di stampo religioso.

    19/08/2017 09:21:00 TAJIKISTAN
    Dushanbe, la polizia ferma 8mila donne perché non portano bene il velo

    Lanciata una campagna per portare in modo "corretto" gli abiti islamici. Secondo fonti governative, il velo è uno strumento per identificare le donne appartenenti a gruppi terroristi.  





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®