22 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/03/2010, 00.00

    ASIA

    El Niño e sfruttamento industriale lasciano senz’acqua il Sud est asiatico



    Oltre 65 milioni di persone nella regione del Mekong patiscono la più grave siccità degli ultimi 30 anni. Bangkok: le dighe cinesi alla fonte del problema. A rischio le coltivazioni di riso e zucchero. In crisi anche le produzioni di olio di palma in Indonesia e Malaysia. Indigeni filippini costretti a cibarsi di erbe velenose.

    Bangkok (AsiaNews) – Nel Sud-est asiatico milioni di persone rischiano di restare senz’acqua per la siccità provocata dall’arrivo del Nino. Nella regione del fiume Mekong, dove vivono oltre 65 milioni di persone, il livello dell’acqua è il più basso degli ultimi 30 anni e sul confine tra Thailandia e Laos è impossibile navigare e irrigare i campi. In Indonesia e Malaysia l’intera industria dell’olio di palma è in pericolo e nella sola provincia di Sabah (Malaysia) la produzione è già calata di un quinto rispetto a gennaio. Situazione ancora più grave nelle Filippine, dove nelle regioni più colpite la popolazione è costretta a cucinare erbe velenose per sopravvivere.

    In Thailandia, il primo esportatore di riso al mondo, la siccità ha colpito 36 province su 76. Queste sono tutte situate nei pressi del fiume Mekong, dove si concentra la maggior parte delle coltivazioni di riso e zucchero. La siccità ha fatto diminuire le riserve idriche del 15% e sono già 4 milioni le persone costrette a razionare l’acqua.

    Abhisit Vejjajiva, primo ministro thai, afferma:  “La mancanza di acqua è un problema che il governo sta affrontando, insieme ad altre organizzazioni internazionali, con interventi mirati soprattutto per i contadini della regione del Mekong, dove il livello d’acqua cala di anno in anno”.  Il fiume Mekong nasce in Tibet e per il premier thai il basso livello del fiume è dovuto non solo alla siccità di questi mesi, ma soprattutto alle dighe costruite dal governo cinese in prossimità della fonte. “Credo che la Cina giochi un ruolo molto importante per lo sviluppo della regione – ha affermato Vejjajiva in un recente incontro con Hoo Chengyaew, vice-ministro cinese degli esteri – e non sono molto felice di vedere la popolazione dei 5 Paesi situati alla foce del Mekong in serie difficoltà per la scarsità di acqua”.

    Indonesia e Malaysia, sono invece i principali produttori al mondo di olio di palma e il settore dà lavoro a gran parte della popolazione rurale. “Se il tempo resterà secco fino a fine mese – afferma Thomas Mielke, direttore della malaysiana Oil World Ltd - la produzione di olio avrà un calo da 200mila a 400mila tonnellate”. Secondo Mielke ad aumentare gli effetti del Nino è stata l’espansione senza controllo delle coltivazioni legate alla produzione di olio. Nel solo 2009 la Malaysia ha esportato 17,8 milioni di tonnellate di prodotto.  

    Nonostante l’allargamento del fenomeno interessi ormai tutto il Sud-est asiatico, la situazione più grave si registra nelle Filippine, dove la siccità ha già causato oltre 25 milioni di euro di danni e la poca acqua presente nelle centrali idroelettriche ha gettato il Paese in una grave crisi energetica e alimentare. Nella provincia di Cotabato la siccità ha colpito campi e bestiame e da due mesi la popolazione indigena dei Lumad mangia erbe selvatiche velenose per poter sopravvivere. “Questo è il tipo di cibo che i nostri antenati mangiavano in tempo di difficoltà – afferma Dulfo Kabengo, pastore protestante e membro della comunità Lumad – il governo non ci aiuta e noi siamo costretti a mangiare queste erbe (Kayos) per vivere”. Il pastore dice che nella sua comunità sono già morte dozzine di persone per avvelenamento. Per evitare la catastrofe umanitaria nelle aree rurali il governo ha comunicato oggi il ricorso ai fondi destinati alle calamità naturali, utilizzati di solito per prevenire i danni delle alluvioni. 

     

    Ha collaborato Santosh Digal  
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/04/2010 THAILANDIA – CINA – VIETNAM
    Le nazioni del Mekong a confronto, 15 anni dopo
    Si è concluso il secondo Summit internazionale del bacino del Mekong, che ha riunito Thailandia, Laos, Vietnam e Cambogia in un piano comune per lo sviluppo del fiume. Myanmar e Cina convocati come osservatori, mentre Pechino rigetta le accuse: “Le nostre dighe non danneggiano il bacino”.

    23/02/2010 FILIPPINE
    Con El Niño tornano siccità e black-out, sciamani e preghiere
    Da gennaio perse oltre 2,5 milioni di tonnellate di riso e grano nelle regioni settentrionali. Colpito dalla siccità anche il resto del Paese con tagli all’energia elettrica e acqua razionata anche nella capitale. C’è chi si rivolge agli sciamani. Il vescovo di Urdeneta invita la popolazione ad avere fiducia nella provvidenza e a fare il possibile per combattere gli effetti del fenomeno climatico.

    29/01/2010 FILIPPINE
    Torna El Niño e arriva la siccità nelle Filippine
    Le scarsità di piogge riduce le riserve idriche. Il prezzo dello zucchero è aumentato del 20% in poche settimane . Previsti nei prossimi 6 mesi danni alle piantagioni per 150 milioni di euro. Il governo invita la popolazione a razionare l’acqua in case, uffici ed esercizi commerciali.

    11/03/2010 FILIPPINE
    La Via Crucis per i filippini colpiti dalla siccità
    I danni all’agricoltura ammontano a 25 milioni di euro. A rischio anche l’erogazione di energia. Suor Genie Henerosa: Le nostre intense preghiere saranno ricompensate se continuiamo a riporre la nostra speranza nel Signore.

    23/02/2010 TAGIKISTAN
    I cambiamenti climatici possono devastare l’economia e la società tagika
    E’ la preoccupante previsione di un rapporto di Oxfam International. Estati sempre più torride e secche, inverni gelidi, raccolti scarsi. Già ora intere comunità agricole riescono a malapena a sfamarsi. A rischio anche gli altri Paesi dell’Asia Centrale.



    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®