11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/05/2017, 10.41

    IRAN

    Elezioni in Iran: Hassan Rouhani vince il secondo mandato



    Ha ottenuto il 57% dei voti. Grande partecipazione degli iraniani: ha votato il 70% degli elettori. Sconfitto il conservatore Ebrahim Raisi.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – I risultati delle elezioni che hanno visto la partecipazione in massa del popolo iraniano proclamano vincitore il presidente in carica, Hassan Rouhani. Lo dichiara alla Tv di Stato il Ministro iraniano per gli interni, Abdolreza Rahmanifazli: "Di circa 41.2 milioni di voti, Rohuani ne ha ottenuti 23.5... e ha vinto le elezioni". Sconfitto il conservatore Ebrahim Raisi che ha ottenuto 15.8 milioni di voti.
    Ieri l’affluenza è stata tanto alta, addirittura al 70%, da costringere i seggi a rimanere aperti fino alla mezzanotte, cinque ore più del previsto. Secondo i funzionari elettorali l’estensione è il frutto di “richieste” e di “entusiastica partecipazione delle persone”. Dei 56 milioni di elettori totali, ieri si sarebbero presentati alle urne in almeno 40 milioni, affrontando lunghe file.
    Il risultato è anche un voto contro Raisi: uno dei quattro giudici che negli anni Ottanta aveva condannato migliaia di prigionieri politici a morte, visto dai riformatori come il simbolo più spaventoso della sicurezza di Stato. Per Nasser, giornalista di 52 anni, la prospettiva di una vittoria di Raisi ha "spaventato molte persone" portandole a votare.
    Ali Vaez, analista iraniano per l’International Crisis Group, afferma: “Il voto a Rouhani, in particolare nelle campagne, dimostra che il popolo iraniano non crede più nel populismo economico e nel cambiamento radicale”, ma ha capito che la soluzione ai problemi del Paese sta nella “gestione competente dell’economia e nella moderazione nelle relazioni internazionali”.
    Il ricercatore per gli Affari internazionali dell’Università di Teheran, Foad Izadi, sostiene che Rouhani ora potrebbe avere più spazio di manovra per quanto riguarda le libertà, poiché il “Paese sta dimostrando un alto livello di stabilità – ciò dà sicurezza al sistema, che significa più spazio per il cambiamento”.
    Tuttavia, Rouhani dovrà ancora confrontarsi con i limiti del primo mandato che gli avevano impedito di assicurare il rilascio del leader riformisti sotto arresti domiciliari: il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, che nelle elezioni sosteneva Raisi, ha il potere di veto su tutte le politiche e il controllo ultimo delle forze di sicurezza. 
    Il problema principale resta l’economia: nonostante la riduzione dell’inflazione da quando Rouhani è salito al potere, i prezzi continuano a salire del 9% ogni anno, e la disoccupazione è al 12,5% (30% fra i giovani). “Siamo ancora scontenti della situazione – ha detto ieri Alireza Nikpour, un fotografo di 40 anni in fila per votare – ma in quattro anni di Rouhani c’è stato un relativo miglioramento e sto votando per mantenerlo”.
    Questa vittoria arriva in un momento di tensioni dei rapporti con gli Stati Uniti, nel medesimo giorno della visita del presidente Usa Donald Trump in Arabia Saudita, rivale nella regione dell’Iran.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/05/2017 12:40:00 IRAN
    Rouhani: economia, Riyadh e Washington, le sfide interne e globali del confermato presidente

    Migliaia di persone in piazza hanno celebrato la vittoria del candidato moderato, confermato per un secondo mandato. Il programma di riforme condizionato ai successi in campo economico e alla lotta alla corruzione. Il voto delle municipali nei grandi centri premia i candidati riformisti e moderati.

     



    03/06/2017 09:18:00 IRAN
    Teheran, i dati premiano le riforme di Rouhani: l’economia iraniana segna un +8,3%

    I dati dell’Ufficio centrale di statistica confermano la crescita del Paese dalla rimozione (parziale) delle sanzioni. Il Pil passa da 16,6 miliardi di dollari a 18,04. Decisivo l’aumento delle esportazioni nei prodotti petroliferi. Indici positivi anche per il settore agricolo, industria e manifattura. Attesa per i dati della Banca centrale.



    13/05/2017 11:28:00 IRAN
    Presidenziali in Iran: Rouhani contro tutti nell’ultimo dibattito tv prima del voto

    Scambi di accuse e battute al vetriolo nel confronto fra i candidati. Il leader uscente ha criticato Raisi perché “sfrutta la religione” per il consenso. Del sindaco di Teheran ha ricordato le violenze contro gli studenti. Secca la replica dei rivali: Rouhani colpevole della crisi economica e del fallimentare accordo sul nucleare. 

     



    21/04/2017 08:55:00 IRAN
    Presidenziali in Iran: sarà sfida a due fra Rouhani e Raisi. Escluso Ahmadinejad

    Il Consiglio dei Guardiani della Costituzione ha approvato sei nomi su un totale di 1600 aspiranti presidenti. Respinta la candidatura di 130 donne; anche per il 2017 sarà una partita fra soli uomini. Economia e accordo nucleare i temi caldi della campagna elettorale. Bloccata la corsa al terzo mandato per l’ex presidente ultraconservatore, considerato figura “che divide” da Khamenei. 



    13/04/2017 09:57:00 IRAN
    Iran: l’economia, più dell’islam, ago della bilancia nelle elezioni presidenziali

    Al voto il 19 maggio. Dal 1979 il leader uscente ha sempre ottenuto un secondo mandato. A sfidare Rouhani un fedelissimo del grande ayatollah, Ebrahim Raisi, e Hamid Baghaei, ex numero due di Ahmadinejad, che annuncia la propria candidatura fra lo stupore generale. Gli sfidanti accusano Rouhani di aver affossato l’economia; il presidente risponde con dati che indicano “progressi”.

     





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®