21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/04/2010, 00.00

    RUSSIA-IRAN-CINA

    Entro agosto sarà in funzione il reattore nucleare di Bushehr in Iran



    La costruzione da parte dei russi è “in perfetto orario”. Gli Usa dicono che la scelta è “prematura”. Intanto si discute su nuove sanzioni contro Teheran.
    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Il capo dell’industria nucleare russa ha dichiarato ieri che l’impianto di Busheher in Iran, costruito dai russi, sarà in funzione entro il prossimo agosto. Serghei Kiriyenko, capo della Rosatom, ha detto che i lavori procedono “in perfetto orario”. Egli ha anche precisato che “Bushehr non minaccia per nulla la questione della non proliferazione. Nessuno ha timori legati a Bushehr”. Egli ha anche spiegato che ogni tipo di sanzione che può essere presa dalla comunità internazionale “non ha nulla a che fare con Bushehr”.
     
    Il progetto di Bushehr è stato varato 15 anni fa e sarà il primo impianto nucleare in Iran. La notizia prende di sorpresa Hillary Clinton, segretario di Stato Usa, che ha criticato la decisione russa definendola una scelta “prematura”.
     
    Proprio in questi giorni si discute molto di alzare il livello delle sanzioni contro l’Iran, sospettato di costruire armi nucleari spacciati per impianti a sostegno dell’energia. Russia e Cina hanno però riserve e dubbi sull’efficacia di nuove sanzioni che dovrebbero colpire l’industria petrolifera iraniana.
     
    All’Onu, rappresentanti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina e Russia hanno ripreso le discussioni sulle sanzioni.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/02/2007 RUSSIA - CINA
    Armi e petrolio: cresce l'asse Mosca-Pechino, tenendo fuori gli Usa
    Il 2007 sarà ’Anno della Cina in Russia. Pechino compra da Mosca il 90% delle sue forniture militari e insiste per creare un oleodotto diretto tra i due Paesi. Già in atto la collaborazione per spartirsi l’influenza nell’Asia centrale.

    10/01/2017 09:21:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran, il Parlamento approva l’aumento delle spese militari: fino al 5% del bilancio statale

    Il piano quinquennale prevede il potenziamento di missili balistici, droni armati e cyber-guerra. I parlamentari hanno approvato con 173 voti favorevoli e 10 contrari. Intellettuali, artisti e attivisti di origine iraniana in Usa scrivono al neo presidente Trump: salvaguardare l’accordo sul nucleare per evitare nuovi conflitti nella regione.

     



    19/04/2006 IRAN
    Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

    Nulla di fatto ieri nella riunione dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu sulla questione nucleare iraniana. Ma Ahmadinejad si dice pronto anche a una difesa militare.



    16/10/2009 CINA - IRAN
    Wen Jiabao: “Maggiori legami fra Cina e Iran”
    Il primo ministro cinese, ai margini dello Sco, propone un rafforzamento della bilancia commerciale ed energetica fra i due Paesi, che al momento vale 27 miliardi di dollari. E mette un freno a nuove sanzioni internazionali contro il regime degli ayatollah.

    19/05/2010 IRAN – CINA – RUSSIA
    Pechino e Mosca appoggiano gli Usa per nuove sanzioni contro l’Iran. Scettica l’Onda verde
    Cina e Russia apprezzano anche l’accordo fra Brasile, Turchia e Iran sull’uranio arricchito. Questa quarta serie di sanzioni mira al potere economico dei pasdaran. Il movimento di opposizione chiede più sostegno alla comunità internazionale. “La minaccia nucleare si disinnesca col cambiamento del regime”.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®