20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/12/2004, 00.00

    STATI UNITI

    Filosofo ateo riconosce l'esistenza di Dio



    Anthony Flew, uno dei maggiori promotori dell'ateismo, ha ammesso le prove scientifiche "dell'esistenza di Dio" e sottolinea che solo "un'intelligenza superiore" ha creato la vita.

    New York (AsiaNews/Cwn) – L'accademico britannico Anthony Flew, uno dei più illustri diffusori dell'ideologia atea, ha ammesso che "prove scientifiche mostrano l'esistenza di Dio".

    Lo studioso, prolifico scrittore e conferenziere, negli scritti e nella lunga carriera accademica ha sempre appoggiato l'ateismo; in un video dello scorso maggio, presentato ad una conferenza a New York, ha ritrattato l'ideologia di una vita ammettendo "la prova scientifica dell'esistenza di Dio". Egli ha sottolineato che le ultime ricerche biologiche "dimostrano, per l'estrema complessità del creato e dei modi in cui si è formata la vita, il coinvolgimento di un'intelligenza superiore".

    All'inizio dell'anno, in un articolo pubblicato sulla rivista Philosophy Now, lo studioso ha preso le distanze dalla posizione atea, perché "è difficile anche solo pensare ad una teoria naturalistica e casuale dell'evoluzione, a partire dal primo essere vivente".

    Roy Varghese, un cattolico texano, ha guidato Anthony Flew nel suo cammino di "conversione" dall'originaria posizione ateista, illustrandogli le ricerche scientifiche che "dimostrano l'operato di un essere superiore capace di creare la vita". Varghese, autore de "Le meraviglie del mondo", è l'organizzatore della conferenza di maggio, in cui l'accademico britannico prima ha illustrato l'originaria posizione atea, quindi ha spiegato le motivazioni che lo hanno spinto ad abbandonarla.

    In un saggio del 1984 intitolato "La presunzione dell'ateismo", egli si è distinto come uno dei più autorevoli promotori della dottrina atea; oggi le sue idee sono cambiate, anche se precisa di "non aver abbracciato la fede cristiana. "Il mio Dio – afferma lo studioso – è diverso da quello dei cristiani e ancora di più da quello dei musulmani". Egli si rifà alla posizione deista di Thomas Jefferson, spiegando che sostiene la posizione dei ricercatori che teorizzano la presenza di un "architetto intelligente" che ha lavorato alla creazione dell'universo e della vita.

    Egli ammette che qualche suo "discepolo" possa rimanere "scioccato" dal cambiamento di posizione, ma ribadisce che la sua vita "ha sempre seguito il motto del Socrate platoniano: segui l'evidenza, ovunque essa ti conduca".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/11/2004 MONGOLIA
    Convertito della Mongolia: "La mia arte al servizio di Dio"
    Enkhutuvshin, pittore e scultore, racconta il suo cammino di conversione al cristianesimo; egli è uno dei 226 cattolici battezzati della Mongolia.

    03/07/2012 PAKISTAN – STATI UNITI
    Karachi, inaugurata una biblioteca dedicata a un missionario domenicano
    La nuova struttura intitolata a p. Chrys McVey, religioso di origine statunitense che ha trascorso 40 anni in Pakistan. Sacerdote e docente, egli ha promosso il dialogo a livello “teologico” con l’islam nel Paese. I libri conservano la “storia dell’umanità” e sono il veicolo per la “condivisione” del sapere.

    10/08/2012 COREA DEL SUD
    Un video per spiegare al Paese la missione della Chiesa in Corea
    La Conferenza episcopale ha auto-prodotto e messo online un bel video (in inglese e coreano) con cui intende spiegare ai non credenti e ai catecumeni la storia e la missione della Chiesa locale, l’unica in Asia a essere cresciuta senza l’aiuto di missionari stranieri.

    12/09/2005 INDIA
    Giovane indù convertito predica la parola di Dio


    03/04/2013 MYANMAR – ASIA
    Benedict Rogers: in Asia, terra di missione, sono divenuto cattolico
    Attivista londinese, membro della Chiesa Anglicana, la Domenica delle Palme è stato ricevuto nella Chiesa cattolica da mons. Charles Bo, vescovo di Yangon. Presenti buddisti, protestanti, atei e agnostici. Un pensiero agli amici cattolici scomparsi, fra cui Shahbaz Bhatti. E una menzione alle encicliche di Benedetto XVI, fra cui la Caritas in Veritate.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®