30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/07/2008
CINA - SUDAN
Foto satellitari e testimoni dicono che Pechino vende armi al Sudan, nonostante l'embargo
Un’indagine della Bbc fornisce, per la prima volta, prove di jet e armi pesanti cinesi utilizzati contro i civili, venduti nonostante l’embargo. Pechino non risponde, mentre l’Onu chiede di esaminare le prove.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina vende armi al Sudan e ne addestra i piloti per guidare i jet cinesi Fantan A5, violando  l’embargo delle Nazioni Unite. L’accusa viene dall’autorevole British Broadcasting Corporation, al termine di una propria indagine.

Il governo del Sudan è da tempo accusato di utilizzare aerei per colpire i civili, ma non si è mai riusciti a provare il tipo di jet usati. Ora foto satellitari mostrano jet cinesi Fantan uscire dall’aeroporto di Nyala a febbraio e a giugno, nel Darfur meridionale, e la Bbc dice che sono i soli jet della base. Porta testimonianze di raid aerei contro obiettivi civili, con molte vittime.

L’agenzia dice anche che nella zona sono stati filmati 2 autocarri con armi antiaeree, ritenuti far parte del gruppo di 212 veicoli militari che nel 2005 l’Onu ha “sospettato” che la Cina avesse inviato a Karthoum, senza trovarne prova. Testimoni hanno riferito che questi mezzi sono stati usati a dicembre nell’attacco alla città di Sirba, nel Darfur occidentale, per colpire le case: lanciano missili che esplodono all’impatto scagliando intorno micidiali schegge di metallo.

Nessun commento dal governo cinese, mentre l’Onu si è “riservato” di esaminare le prove della Bbc. L’embargo vuole impedire il genocidio nel Darfur, dove si stimano già oltre 300mila morti e 2 milioni di sfollati. Pechino è già stata più volte accusata di violare l’embargo e si è difesa prima negando qualsiasi vendita di armi, e poi dicendo che, comunque, le sue armi non sono utilizzate nel Darfur.

Esperti osservano che il boicottaggio mondiale contro il Sudan per il Darfur ha consentito alla Cina di diventarne il partner commerciale privilegiato, acquistando soprattutto petrolio e materie prime.  Da tempo l’opinione pubblica internazionale accusa la Cina di favorire un governo genocida e nei mesi scorsi era stato persino proposto di boicottare le Olimpiadi se non ci fosse stato un serio intervento di Pechino su Khartoum a favore della pace. Pechino risponde che favorisce lo sviluppo economico del Paese, a vantaggio della popolazione.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/03/2009 CINA - SUDAN
La Cina chiede all’Onu di sospendere il mandato di arresto contro Omar al-Bashir
02/08/2007 CINA - NAZIONI UNITE
Pechino plaude la decisione Onu di inviare 26mila soldati in Darfur
28/05/2007 CINA - SUDAN
“Un ruolo più costruttivo” per Pechino contro il massacro del Darfur
14/03/2008 CINA - SUDAN
Dalla Cina il 90% delle armi del Darfur
01/02/2007 CINA - AFRICA
Grande attesa per la visita di Hu in Sudan, ma poche illusioni

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate