25/01/2011, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Freddo eccezionale in Nepal, 50 morti

di Kalpit Parajuli
L’ondata di gelo ha colpito la parte meridionale del Paese, soprattutto la regione agricola del Terai, dove si è registrata la maggior parte delle vittime. Chiuse scuole, industrie e aeroporti. A rischio anche l’efficienza degli ospedali a causa dei continui black out.

Kathmandu (AsiaNews) – Ammonta a oltre 50 vittime il bilancio dell’ondata di freddo straordinario che da settimane sta colpendo le regioni meridionali del Nepal. I danni maggiori si sono verificati nel Terai.

La regione ha registrato il maggior numero di vittime e da giorni è colpita da continui black out elettrici, che hanno messo in ginocchio ospedali, industrie e aeroporti. Per evitare altre vittime, sono state chiuse centinaia di scuole. Al momento restano aperti solo gli istituti cattolici, che garantiscono, per chi desidera lezioni regolari nonostante il maltempo.

Secondo i medici locali le persone ad alto rischio sono i profughi della guerra civile maoista, che vivono da anni in tende o baracche.

La regione del Terai è famosa per le sue pianure coltivate ed è considerata “il cestino del pane del  Nepal”.  La popolazione, composta soprattutto da contadini molto poveri, è abituata a un clima mite e non è attrezzata per difendersi dal freddo. Per soccorrere la popolazione la polizia ha distribuito legna da ardere agli angoli delle strade.     

Intanto, gli agricoltori temono per i raccolti andati in fumo a causa dell’umidità e delle basse temperature. Secondo i funzionari del Dipartimento meteo del Paese l’ondata di freddo continuerà ancora per diversi giorni.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Nepal, il gelo e la povertà uccidono 17 persone
28/12/2012
Mezzo milione di sfollati, il Bihar sommerso dalle acque e dall’incapacità del governo
01/09/2008
Kathmandu, chiuse 66 università straniere: hanno truffato gli studenti
11/10/2012
Per la prima volta Kathmandu riconosce le madrasse
06/06/2007