24 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/01/2018, 08.53

    BANGLADESH

    Freddo record a 2,6 °C, la temperatura più bassa in 50 anni. Caritas soccorre le vittime

    Sumon Corraya

    Le rigide temperature hanno provocato la morte di 20 persone. In Bangladesh in genere gli inverni sono miti, perciò la popolazione non è attrezzata con coperte e termosifoni. A Rajshahi soccorse 2500 famiglie.

    Dhaka (AsiaNews) – Almeno 20 persone sono morte e diverse centinaia si sono ammalate a causa della peggiore ondata di freddo degli ultimi 50 anni. È quanto avviene in questi giorni in Bangladesh, Paese dal clima tropicale caratterizzato di solito da inverni miti. Due giorni fa a Panchagarh si è registrata la temperatura più bassa di tutto il Paese, con la soglia record di 2,6 °C. Il freddo e i malanni stanno rendendo ancora più misera la vita delle persone bisognose. Per questo la Caritas ha attivato la macchina del soccorso ed ha già iniziato a distribuire aiuti alle vittime.

    In questo periodo nel Paese le temperature scendono di rado al di sotto dei 10 gradi, ma quest’anno si è abbattuto un gelo “polare” che ha fatto calare in modo drastico la colonnina di mercurio. Ieri a Rajshahi la temperatura era di 6 °C.

    La popolazione, in gran parte dedita all’agricoltura, non è abituata a simili inverni rigidi e non possiede attrezzature adeguate per proteggersi e ripararsi dal freddo. Mancano vestiti di lana e coperte, nelle case non esistono i caloriferi anche perché la maggior parte delle abitazioni sono fatte di fango. Il freddo ha favorito l’insorgere di malattie legate alle basse temperature, come polmoniti, diarrea, mal di gola.

    Sebastian Hembron, di Naogaon, riferisce che “a causa del freddo, non siamo potuti uscire per andare a lavorare. E se non lavoriamo, non portiamo a casa il cibo”. Stesso destino per milioni di lavoratori giornalieri la cui sopravvivenza – sua e delle famiglie – dipende dall’incasso quotidiano.

    Per fronteggiare la situazione, la Caritas ha portando aiuti. Denis C. Baskey, direttore regionale dell’ufficio di Rajshahi, riferisce: “Abbiamo raccolto denaro dal nostro staff e dai fondi di cui disponiamo. Con questi soldi, aiutiamo circa 800 persone, tra cui anziani, orfani, malati, poveri con disabilità e donne indigenti e vedove”. L’obiettivo, continua, “è arrivare fino a 2500 famiglie, perciò stiamo cercando fondi dai donatori”.

    Una donna anziana di Naogaon commenta: “Ringrazio la Caritas perchè ho ricevuto una coperta. Sarà per me di grande aiuto”. Infine Md. Reaz Ahmed, direttore generale dell’Ufficio per la gestione dei disastri di Dhaka, fa sapere che le autorità hanno iniziato la distribuzione di generi di assistenza in 20 distretti, per “un totale di 98mila coperte e 80mila scatole” in tutto il territorio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/10/2015 PAKISTAN
    Terremoto in Pakistan: Caritas in prima linea negli aiuti, ma l’inverno è alle porte
    Il bilancio delle vittime in Pakistan è salito a 272 morti. Oltre 2mila feriti e migliaia di terremotati che vivono all’aperto. Caritas Pakistan ha organizzato due gruppi che stanno visitando i distretti di Malakand, Swat, Dir, Peshawar e Islamabad. Donne colpite dalle macerie in casa, ragazzi mentre erano nella moschea. I soccorritori chiedono aiuto per raggiungere le aree remote, prima che le temperature invernali ghiaccino le strade.

    04/08/2016 14:32:00 INDIA
    Caritas India, aiuto e soccorso agli alluvionati in Bihar e Assam

    Più di 150 morti e oltre 2 milioni di sfollati. Le piogge monsoniche cadranno ancora a lungo. La Caritas ha attivato subito le operazioni di emergenza, ma strade e ponti sono inondati e non si riesce a raggiungere i villaggi più remoti.



    14/07/2016 11:18:00 INDIA
    India, la Caritas in prima linea nel soccorso alle popolazioni colpite dalle alluvioni

    Piogge incessanti si sono abbattute negli Stati centrali di Uttarakhand, Madhya Pradesh e Assam. Negli ultimi giorni sono morte 24 persone e altre 170mila hanno dovuto lasciare le proprie case. Gli operatori del braccio sociale della Chiesa hanno allestito ospedali da campo e stanno distribuendo tende e kit di sopravvivenza a migliaia di famiglie.

     



    16/06/2016 14:48:00 INDIA
    Direttore Caritas India: L’aiuto dei cattolici è “per voi e per tutti”

    P. Frederick D’Souza racconta gli interventi dell’associazione cattolica nei disastri ambientali e umani di tutto il mondo. Egli ha capito davvero il senso della frase ‘versato per voi e per tutti’ un giorno in cui i cristiani dell’Iraq venivano massacrati per la loro fede, mentre la Caritas consegnava le chiavi delle case donate ad alcuni musulmani colpiti da un’alluvione.



    25/08/2017 12:35:00 BANGLADESH
    Dhaka, la Caritas distribuisce aiuti a migliaia di alluvionati (Foto)

    Circa 8 milioni di abitanti hanno abbandonato le proprie abitazioni in 32 distretti. Tutta l’Asia del sud è flagellata dalle inondazioni. A Dinajpur, due pasti al giorno per 204 famiglie; domani partiranno gli aiuti per 1550 famiglie di Rajshahi. Il vescovo Gervas Rozario porta conforto alle vittime.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®