17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/11/2011, 00.00

    EGITTO

    Giovane copto: per il nuovo Egitto, né esercito, né estremisti



    Nagui Diamiam racconta la ritrovata unità degli egiziani che manifestano in piazza Tahrir. I Fratelli musulmani forti e organizzati, ma distanti dalle esigenze dei giovani. Una vittoria degli estremisti contro l’esercito darebbe il via a una guerra civile con le forze moderate. L’esodo dei cristiani.
    Il Cairo (AsiaNews) - “La situazione è molto instabile e incerta. Noi giovani, cristiani e musulmani, siamo fiduciosi che la costruzione di un Egitto democratico e laico sia possibile e ci stiamo battendo per questo”. È quanto afferma Nagui Diamiam, 30 anni, copto cattolico che in questi giorni ha partecipato alle manifestazioni di piazza Tahrir contro l’esercito. Per il giovane gli egiziani che stanno guidando le proteste non vogliono essere governati nè dagli estremisti né dall’esercito. “La salita al potere dei gruppi radicali islamici – sottolinea - porterebbe alla guerra civile”.

    Intanto continuano gli scontri fra manifestanti e forze dell’ordine in piazza Tahrir. Fonti di AsiaNews raccontano di diversi feriti e intossicati dai gas lacrimogeni, che ieri hanno ucciso una giovane donna incinta di tre mesi. Oggi il Consiglio superiore dell’esercito ha chiesto scusa per l’eccessivo uso della forza e per la morte di diversi “figli fedeli dell’Egitto”. La situazione di caos rischia di far saltare il voto del 28 novembre. Per i manifestanti la violenza di questi giorni non è compatibile con le libere elezioni”.

    Nagui spiega che “a unire cristiani e musulmani è stato il massacro dei copti dello scorso 9 ottobre, costato 28 morti. Da allora molti islamici moderati hanno stretto solidarietà con i cristiani e accusano l’esercito di voler dividere il Paese”. Questa solidarietà si trova in diversi livelli della società, soprattutto nella maggiori città, il Cairo ed Alessandria. Il giovane racconta che “in questi sei mesi si sono costituiti diversi partiti democratici misti, che hanno al loro interno membri della comunità copta e islamica. Le divisioni continuano ad esserci, ma ora tutti, cristiani e musulmani, stanno combattendo fianco a fianco contro l’esercito e per un nuovo Egitto e da giorni in piazza occupano piazza Tahrir.

    Purtroppo questa unità non è del tutto presente negli alti livelli della politica, dove si tende ad agire per appartenenza religiosa. “Al momento – afferma – chi guida la politica sono i Fratelli musulmani e i salafiti, che da decenni attendono queste elezioni per salire al potere. Essi sono molto organizzati e a differenza di noi giovani hanno grandi disponibilità economiche. In questi mesi i Fratelli musulmani hanno più volte annunciato che in caso di voto avrebbero la maggioranza dei seggi. Tali affermazioni si basano sull’elezione interna del sindacato dei medici, vinta dal loro partito e utilizzata come proiezione elettorale”.

    Sull’eventuale posticipo del voto chiesto a gran voce dalla piazza, Nagui Diamiam spiega che “molti di noi sono divisi sul da farsi e pensano che rimandare le elezioni porterebbe ancora più potere ai militari. Altri invece sono convinti che con questo clima di tensione sia impossibile votare. I rischi di manipolazione e nuove violenze sono troppo alti. È giusto che la gente partecipi alle elezioni senza paura”.

    Il giovane racconta che “molti cristiani stanno fuggendo dal Paese, timorosi di una vittoria dei partiti islamici. I sacerdoti, cattolici e ortodossi e i membri più attivi delle comunità fanno di tutto per fermare questo esodo. In questo momento la comunità deve essere unita. Il nostro dovere è stare qui ora e facilitare le libere elezioni”.

    “Noi cristiani – afferma - vogliamo fare del nostro meglio per queste elezioni e lo faremo insieme ai musulmani moderati. Ci sono molti partiti guidati da islamici che sono contro lo strapotere dei Fratelli musulmani e sono pronti a sostenere i movimenti democratici”. (S.C.)
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/09/2011 EGITTO
    Egitto, partiti laici in piazza per dare una sterzata alla rivoluzione dei gelsomini
    Alla protesta hanno aderito migliaia di giovani, ma non i partiti islamici. Fra le richieste la fine della legge marziale e l’espulsione degli ex delle regime dalle istituzioni. Egitto ormai diviso fra laici democratici e partiti islamici. Cresce la paura fra i cristiani.

    29/07/2011 EGITTO
    Decine di migliaia in piazza Tahrir chiedono un'identità araba e islamica per il Paese
    Organizzate da gruppi e partiti musulmani, le proteste pacifiche hanno coinvolto anche movimenti laici e copti. Manifestazioni in contemporanea anche ad Alessandria e Suez. Cresce il potere dei Fratelli musulmani che potrebbero sfruttare il Ramadan a scopo elettorale.

    21/11/2011 EGITTO
    Egitto, sale il bilancio degli scontri in piazza Tahrir: 30 morti e mille feriti
    Dopo una breve sosta sono riprese questa mattina le proteste in piazza Tahrir. Oltre 4mila i partecipanti. Alcuni di loro hanno scagliato bottiglie molotov scatenando la reazione violenta dei militari. L’esercito accusato di aver sparato sulla folla con proiettili veri. Prime vittime anche ad Alessandria d’Egitto. Per protesta si dimette il ministro della Cultura.

    26/10/2011 EGITTO
    Dopo la primavera araba, l’Egitto va verso un rigido inverno?
    Manifestazioni quotidiane, incertezza economica, caos politico. Il massacro dei copti e la fine di Gheddafi. E poi l’aumento del potere dei fondamentalisti islamici, che si avviano verso il 50 % dei seggi del prossimo Parlamento. Sono tutti fattori di instabilità e di preoccupazione per un Paese sulla strada della democrazia. Al voto di novembre partecipano anche gli egiziani all'estero.

    12/10/2011 EGITTO
    L’Egitto sotto shock per il brutale attacco contro i copti. Chieste le dimissioni del governo
    Il ministro delle Finanze ha già presentato le sue dimissioni, invitando il resto dell’esercito a prendersi le sue responsabilità. Tv di Stato accusata di aver incitato il popolo all’attacco contro i cristiani diffondendo false informazioni. Testimoni oculari degli scontri del 9 ottobre raccontano di corpi martoriati dai blindati dell’esercito. Intellettuali e leader religiosi preoccupati per il clima di repressione che minaccia il futuro del Paese.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®