19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/07/2016, 08.56

    VIETNAM

    Hanoi ammette: il disastro ecologico colpa del Formosa Plastic Group, che pagherà i danni



    Dopo tre mesi di indagini il governo ha confermato la responsabilità del gruppo dell’acciaio per la morte di tonnellate di pesce e l’inquinamento del mare. L’azienda pagherà 500 milioni di dollari di multa. Attivisti e dissidenti: “La somma non è nulla se paragonata ai danni. Milioni di persone colpite hanno bisogno di assistenza nel lungo periodo. Anche Hanoi è colpevole”.

     

    Hanoi (AsiaNews) – Il disastro ecologico che ha causato la morte di 70 tonnellate di pesce e messo in ginocchio la popolazione delle province centrali del Vietnam è da attribuire all’inquinamento del Formosa Plastic Group, industria dell’acciaio taiwanese. È il risultato di tre mesi di indagini governative, che hanno confermato ciò che la popolazione conosce da aprile: un tubo appartenente alla compagnia riversava ogni giorno 12mila metri cubi di liquido tossico nelle acque del mare.

    All’inizio delle indagini il Formosa Plastic Group aveva negato ogni responsabilità, affermando di aver speso 45 milioni di dollari per ammodernare i sistemi di riciclo dell’acqua negli impianti. In una conferenza stampa tenuta ieri, il capo dell’ufficio governativo Mai Tien Dung ha detto che il gruppo dell’acciaio pagherà 500 milioni di dollari per rimediare ai danni provocati all’ambiente e agli abitanti.

    Circa cinque milioni di persone residenti nelle province di Nghệ An, Hà Tĩnh, Quảng Bình, Huế City e Quảng Trị vivono in povertà a causa della scomparsa del pesce, fonte primaria di reddito. Numerose persone, anche se non sono disponibili dati certi, sono rimaste intossicate dopo aver mangiato cibo inquinato.

    Da mesi la Chiesa e la società civile criticano il governo di Hanoi, colpevole di aver ritardato le indagini, non aver tutelato la salute dei cittadini e aver represso con la violenza le manifestazioni pacifiche. Una visita compiuta dalla Caritas nelle zone più colpite ha rivelato la situazione di degrado in cui versano le famiglie dei pescatori.

    Il mea culpa del Formosa Plastic Group non è ritenuto sufficiente dall’opinione pubblica. Alcuni critici fanno notare che il governo non cita i termini del contratto che ha firmato con gruppo dell’acciaio: quest’ultimo ha ricevuto da Hanoi 2mila ettari di costa e 1200 ettari di spazio marino per costruire le proprie strutture. Per i prossimi 70 anni la compagnia pagherà 4 centesimi di dollaro per metro quadrato.

    Le Huy Ba, ex direttore all’Istituto industriale di Ho Chi Minh City, afferma che “tutto considerato, 500 milioni [di multa] non sono abbastanza. Loro devono compensare per milioni di persone che vivono lungo la costa e offrire loro aiuto nel lungo periodo, non solo per due o tre mesi. Inoltre devono pagare per i danni ambientali”.

    Anche il famoso blogger cattolico Nguyen Huu Vinh ha attaccato il governo accusando la complicità di Hanoi: “Hanno represso i manifestanti e arrestato gli attivisti. Anche se ora il governo ha annunciato la causa della morte del pesce, penso che sia solo un’azione fatta dietro la pressione pubblica. Non ho molta speranza per questa ammissione di colpa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/02/2017 11:18:00 VIETNAM
    Cattolici aggrediti dalla polizia: protestavano contro il più grande disastro ambientale della storia del Paese

    La protesta dei fedeli della parrocchia di Song Ngoc per sensibilizzare l’opinione pubblica. Ferito il parroco. I manifestanti hanno sfidato percosse e lesioni ad opera delle forze di polizia. Dieci mesi fa da uno stabilimento della Formosa sono stati riversati in mare 12mila metri cubi di liquido tossico. Le regioni centrali del Paese sono in ginocchio, il risarcimento di 500 milioni di dollari non è mai stato distribuito alla popolazione.



    22/06/2016 12:49:00 VIETNAM
    Caritas Vietnam, riso e doni per la popolazione colpita dal disastro marino

    Il 6 giugno scorso una delegazione guidata da mons. Joseph Nguyễn Văn Yến ha distribuito riso e doni agli abitanti della diocesi di Vinh. L’inquinamento delle acque che prosegue da due mesi ha tolto il lavoro ai pescatori, che ora vivono in povertà e fame. Sono 5 milioni le persone colpite. Il 12 giugno i residenti di Vinh sono scesi in piazza per chiedere giustizia al governo.

     



    17/08/2016 08:46:00 VIETNAM
    Ky Anh, manifestano contro il disastro ambientale: 4mila cattolici picchiati dalla polizia

    I dimostranti vogliono giustizia dopo che l’inquinamento causato dal Formosa Plastic Group ha costretto alla fame centinaia di famiglie di pescatori. La manifestazione era diretta agli uffici comunali ma è stata bloccata dalle barricate degli agenti. Diverse persone sono rimaste ferite per i colpi di manganello.

     



    01/06/2017 13:58:00 VIETNAM
    Formosa, esplosione nella fabbrica riaperta. Fedeli minacciati e aggrediti

    La fabbrica è responsabile di un gigantesco disastro ambientale che ha distrutto fauna marina e messo in ginocchio centinaia di migliaia di pescatori. L'incidente causato da una congestione nel sistema di filtraggio della polvere di un forno per la calce. Lo scoppio è avvenuto meno di due giorni dopo la riapertura dell’impianto. I cattolici delle province centrali del Vietnam nel mirino delle autorità vietnamite.  Picchiati i fedeli della parrocchia di Phú Yên e della chiesa di Van Thai, 25 i feriti. Insulti e lanci di oggetti ad una veglia di preghiera nella chiesa di Van Thai. Un’esercitazione militare usata come intimidazione.



    05/04/2017 16:22:00 VIETNAM
    Formosa Group, la Chiesa sostiene le vittime del disastro ambientale

    Dichiarazioni e iniziative per sostenere la popolazione a distanza di un anno dalla catastrofe. P. Anton Đặng Hữu Nam: “Molte vittime non sono state compensate per i danni fisici e mentali”. Mons. Hoàng Đức Oanh: “la compagnia continua a scaricare rifiuti tossici nel mare”. Mons. Paul Nguyễn Thái Hợp: “Il nostro impegno per la nazione e le generazioni future”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®