28 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/04/2012
VIETNAM
Hanoi: autorità e polizia assaltano un orfanotrofio cattolico, sacerdote in coma
di Trung Tin
Il raid è avvenuto poco dopo la mezzanotte del 14 aprile. Devastata la struttura, bambini malmenati, ferito in modo grave p. Nguyễn Văn Bình, intervenuto a difesa dei piccoli ospiti. Egli è stato ricoverato privo di sensi, poi accolto in una sede della curia. I fedeli denunciano l’ennesima violazione alla libertà religiosa.

Hanoi (AsiaNews) - Un gruppo di teppisti, con la collaborazione delle forze dell'ordine, ha assaltato un orfanotrofio cristiano di Hanoi, danneggiando l'edificio e malmenando anche i bambini ospiti del centro. I teppisti hanno ferito in modo grave un sacerdote, intervenuto a difesa delle piccole vittime innocenti; egli è stato ricoverato in un ospedale della capitale, privo di conoscenza per i colpi alla testa riportati durante il raid. La comunità cattolica locale denuncia l'ennesimo episodio di persecuzione operato con la connivenza delle autorità comuniste e si appella all'arcidiocesi e ai vertici della gerarchia ecclesiastica, perché denunci con forza la violazione dei diritti umani e della libertà religiosa nel Paese.  

Testimoni raccontano ad AsiaNews che la mattina del 14 aprile scorso la polizia del comune di  Thủy Xuân Tiên e le autorità locali del distretto di Chương Mỹ, ad Hanoi, hanno inviato un gruppo di teppisti all'assalto di un orfanotrofio cattolico della capitale, l'Agape Family. La struttura è sostenuta dal lavoro di volontari cattolici e dal contributo attivo di p. Nguyễn Văn Bình, vicario della parrocchia di Yên Kiện, nell'arcidiocesi di Hanoi. Gli assalitori hanno potuto agire indisturbati, grazie alla copertura delle forze dell'ordine.

Secondo i racconti, poco dopo la mezzanotte i teppisti hanno tagliato l'energia elettrica del centro, poi hanno iniziato i lancio di pietre e oggetti per terrorizzare i bambini. Un vicino, in condizioni di anonimato, sottolinea che "hanno colpito anche l'altare della Madonna. Un bambino è stato trascinato via" e quando ha cercato di ribellarsi "lo hanno preso ripetutamente a schiaffi in faccia". In un secondo momento "sono intervenuti almeno 200 poliziotti" a sostegno degli assalitori nella devastazione dell'Agape Family.

Dopo aver saputo dell'attacco, p. Nguyễn Văn Bình è subito corso all'orfanotrofio ma è stato colpito più volte dai poliziotti con i manganelli. Egli ha subito gravi ferite alla testa (nella foto) ed è caduto in coma. In un primo momento è stato trasportato all'ospedale di Chương Mỹ, poi trasferito all'ospedale di Việt Đức, una struttura tedesco-vietnamita, in pericolo di vita. Nell'assalto sono stati feriti anche altri fedeli. Nel primo pomeriggio del 14 aprile il sacerdote è tornato alla curia arcivescovile di Hanoi, per essere curato in forma "strettamente privata".

Un parrocchiano spiega ad AsiaNews che p. Nguyễn era molto attivo nella cura dei bambini più disagiati. "Il governo - aggiunge - deve rispettarlo e incoraggiarlo nelle attività di caritativa. Al contrario, le autorità comuniste locali glielo hanno impedito e hanno distrutto l'orfanotrofio". Un altro fedele si appella ai vertici dell'arcidiocesi di Hanoi e al comitato di Giustizia e Pace della Chiesa vietnamita perché denuncino l'ennesimo episodio di violazione ai diritti dei cristiani nel Paese.

(Ha collaborato J.B. An Dang)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/04/2012 VIETNAM
L'arcivescovo di Hanoi chiede un'inchiesta sull'aggressione a padre Van Binh
25/09/2014 VIETNAM
Nella parrocchia di Ba Giồng un Centro pellegrinaggi dedicato ai martiri vietnamiti
di Trung Tin
04/07/2012 VIETNAM
L’attacco ai cattolici di Vinh, “pulizia religiosa” imposta da Hanoi
di J. B. An Dang
03/07/2012 VIETNAM
Vinh: cattolici nel mirino di teppisti e autorità. Decine di feriti fra i fedeli durante la messa
di Nguyen Hun
22/06/2013 VIETNAM – VATICANO
Anno della Fede: Saigon celebra i 25 anni della canonizzazione dei martiri vietnamiti
di Thanh Thuy

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate