20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 10/12/2009, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Hong Kong, la Cina soffoca gli avvocati in favore diritti umani

    Annie Lam

    Il volume in lingua inglese edito da China’s Human Rights Lawyers’ Concern Group descrive: il lavoro dei legali, la repressione del governo, la biografia di attivisti di primo piano e gli atti dei processi. La “spada” a difesa della legalità e lo “scudo” per difendersi dalle persecuzioni. Nel gennaio 2010 uscirà la versione in lingua cinese.
    Hong Kong (AsiaNews) – In concomitanza con la Giornata internazionale per i diritti umani, in programma oggi, il China’s Human Rights Lawyers’ Concern Group (Chrlcg), associazione per i diritti umani con base a Hong Kong, ha lanciato un libro in lingua inglese in cui descrive la situazione dei diritti umani in Cina. La versione cinese del documento verrà pubblicata nel gennaio 2010, per celebrare il terzo anniversario di attività del gruppo.
     
    Il libro (nella foto un momento della presentazione) è intitolato “La spada e lo scudo: Gli attivisti per i diritti umani in Cina” ed è il primo volume pubblicato da Chrlcg.
     
    Patrick Poon Kar-wai, segretario esecutivo del gruppo, spiega ad AsiaNews che il titolo simboleggia la spada usata dagli attivisti per difendere i diritti umani in Cina ma, al tempo stesso, il bisogno che essi hanno di uno scudo per proteggersi.
     
    Gli articoli inseriti nel volume includono analisi scritte da difensori di primo piano dei diritti umani ed esperti di legge cinesi, di Hong Kong, Taiwan e Stati Uniti. Fra gli argomenti trattati nella pubblicazione vi sono: le crescenti persecuzioni contro difensori dei diritti umani e attivisti; restrizioni alla difesa nei processi, in particolare quelli che riguardano scrittori e dissidenti politici; il ruolo degli avvocati nei movimenti emergenti “weiquan” (a difesa dei diritti umani); infine un confronto fra la partecipazione ai movimenti in difesa dei diritti umani in Cina e a Taiwan. Il libro contiene anche la traduzione delle arringhe difensive in due casi emblematici di procedimenti a carico di attivisti per i diritti umani. “Ci auguriamo che questo libro – afferma Poon – fornirà ai lettori una migliore conoscenza e comprensione della realtà dei diritti umani in Cina”.
     
    Negli ultimi tre anni, continua il segretario esecutivo, il movimento si è battuto per sostenere il lavoro dei difensori dei diritti umani e fare in modo che non si sentissero soli nella loro battaglia. “Ad oggi – aggiunge – abbiamo ricevuto moltissime richieste da organizzazioni estere e dalle Nazioni Unite in merito a informazioni sulla situazione degli attivisti”.
     
    Dall’inaugurazione, il Concern Group ha seguito 80 casi in Cina; il libro contiene anche la biografia di oltre 30 attivisti cinesi perseguitati dal governo. L’indice è suddiviso in cinque capitoli: il primo riguarda le figure di spicco che si battono per i diritti umani in Cina. Il secondo affronta il tema della difesa e della rappresentanza legale, le dichiarazioni degli accusati in alcuni procedimenti, tra cui l’arringa di Li Fangping, avvocato del noto scrittore e attivista Hu Jia. Il terzo capitolo include le repressioni a carico degli avvocati. Il volume pubblica inoltre un comunicato stampa congiunto di avvocati professionisti di Taiwan e Hong Kong, che sostengono l’attività di China’s Rights Defence Lawyers. Il quarto capitolo racconta il lavoro dei legali e del movimento a difesa dei diritti umani, mentre il quinto e ultimo capitolo mette a confronto le esperienze degli avvocati dello stretto, descrivendo le tutele legali di quanti operano in Cina e di chi lavora a Taiwan.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2017 11:52:00 CINA
    Liu Xia costretta a “vacanze” forzate. Gli attivisti ricordano il marito a sette giorni dalla morte

    Secondo il Centro per i diritti umani e la democrazia in Cina, è trattenuta dalla polizia nella pronvicia dello Yunnan, in isolamento. Ovunque si tengono commemorazioni del premio Nobel a una settimana dalla sua morte, ma Pechino sorveglia da vicino e censura ogni riferimento al dissidente.



    07/02/2015 CINA - HONG KONG
    Guizhou: polizia contro attivisti, in piazza per il rilascio di un poeta vicino a Occupy Central
    Nel mirino i membri del gruppo (fuorilegge) Guizhou Human Rights Forum, che hanno promosso una raccolta fondi per il poeta Wang Zang. Egli è in carcere dall’ottobre scorso, per aver solidarizzato col movimento democratico di Hong Kong. Le forze di sicurezza della provincia hanno operato fermi, perquisizioni e controlli.

    14/11/2013 CINA
    Attivisti e portatori di petizioni internati negli ospedali psichiatrici cinesi
    Le autorità continuano a rinchiudere negli ospedali e imbottire di farmaci quanti lottano per i diritti dei cittadini. Una pratica che viola le stesse leggi cinesi, secondo cui è il medico (e non i funzionari governativi) a disporre i ricoveri. Un’attivista di 71 anni rinchiusa e costretta ad assumere medicine; altri sottoposti a elettroshock.

    06/04/2005 Taiwan – Vaticano - Cina
    Il presidente taiwanese Chen Shuibian ai funerali del Papa


    27/12/2010 HONG KONG – CINA
    Mons. Tong: Pechino liberi Liu Xiaobo, il clero cattolico e chi lotta per i diritti umani
    Nel suo messaggio natalizio, il vescovo di Hong Kong paragona gli attivisti in prigione alla “stella che ha guidato i Magi fino alla Grotta della natività. Il governo cinese deve lasciare liberi coloro che operano per il miglioramento della società”.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®