14/01/2015, 00.00
HONG KONG - CINA
Invia ad un amico

Hong Kong, ombrelli gialli di Occupy in Parlamento contro il Capo dell'Esecutivo

Un gruppo composto da circa 20 deputati democratici ha aperto nell'aula del Consiglio Legislativo gli ombrelli, simbolo dei sit-in del movimento, e ha chiesto di nuovo a Leung di andarsene. Fuori dall'edificio sono continuate le contestazioni. Il leader pro-Pechino, nel suo primo discorso politico dopo le manifestazioni, non molla: "Hong Kong ha un alto livello di autonomia, non ha autonomia assoluta. E la sua legittimità viene dalla Cina".

Hong Kong (AsiaNews) - Il Capo dell'Esecutivo di Hong Kong è stato contestato duramente questa mattina, in occasione del primo discorso politico davanti al Consiglio Legislativo dopo le proteste democratiche di Occupy Central. Appena Leung Chun-ying è entrato nell'aula del piccolo Parlamento del Territorio, un gruppo composto da circa 20 deputati democratici ha aperto gli ombrelli gialli (simbolo della protesta democratica dei mesi scorsi) e ha chiesto a gran voce le sue dimissioni. Prima dell'inizio del discorso, il gruppo ha poi abbandonato l'aula.

Quello di stamattina è stato il terzo intervento programmatico di Leung dalla sua elezione. Il politico è nel mirino dei democratici perché non ha presentato alla Cina in maniera realistica le richieste della popolazione per un vero suffragio universale. Inoltre, egli è contestato per il modo in cui ha gestito gli oltre due mesi di manifestazioni pubbliche scatenate dalla proposta di riforma politica - stilata nell'agosto 2014 - che non concede a Hong Kong una vera democrazia.

Nonostante i cori e le urla dei democratici, Leung ha mantenuto il sorriso mentre si avvicinava al podio. Ignorando gli inviti del presidente del Consiglio Tsang Yok-sing, i deputati hanno continuato a urlare "Vergogna!" al capo del governo. All'esterno, circa un centinaio di politici democratici della galassia dell'opposizione locale ha continuato a manifestare durante tutta la seduta. La situazione è rimasta pacifica, nonostante la presenza sulla scena di decine di poliziotti.

Alan Leong, uno dei capofila del movimento democratico, ha spiegato dopo l'uscita dall'aula che il Capo dell'Esecutivo "ha fallito in tutto. Non merita il rispetto della popolazione e non ha il diritto di parlare come leader del nostro governo. Doveva scusarsi almeno per l'uso di gas lacrimogeni contro i dimostranti pacifici di Occupy. L'uscita dal Consiglio è un modo per mostrare il nostro scontento nei confronti dell'amministrazione".

Le proteste non hanno scalfito Leung, che nel suo discorso ha messo in dubbio la "capacità di comprensione" dei democratici, "incapaci" a suo dire di penetrare le intricate profondità della politica della semi-autonoma città cinese. Il leader ha poi sottolineato che "il potere di Hong Kong si origina da quello delle autorità centrali di Pechino. L'autonomia del Territorio ha un alto livello, ma si ferma lì. Non abbiamo autonomia assoluta". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Hong Kong, il governo chiude le porte al suffragio universale
22/04/2015
Per i leader di Occupy Central pene fino a 16 mesi di prigione
24/04/2019 08:48
Pastore protestante condannato per Occupy Central: ‘il pulpito di maggior onore per il mio ministero’
10/04/2019 13:59
Condannati i leader del Movimento degli ombrelli
09/04/2019 08:34
Joshua Wong condannato a tre mesi di carcere
17/01/2018 10:38