25 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/09/2014, 00.00

    HONG KONG - CINA

    Occupy Central: Una nuova era di disobbedienza civile per la democrazia di Hong Kong



    Il movimento democratico "deluso" per le posizioni intransigenti di Pechino, che nega il suffragio universale per l'ex colonia britannica. La proposta cinese elimina la Commissione elettorale ma ne crea un'altra, uguale per dimensione e composizione, incaricata di nominare "due o tre" candidati per il ruolo di capo dell'esecutivo. Inoltre "chi non ama come prima cosa la Cina non potrà mai guidare Hong Kong. Concediamo autonomia elevata, non totale". La protesta della popolazione: "Siamo pronti per la democrazia, non viviamo in Corea del Nord".

    Hong Kong (AsiaNews) - La posizione cinese riguardo il suffragio universale e la democrazia di Hong Kong "chiude ogni speranza di dialogo. Ora si apre una nuova era di disobbedienza civile, iniziando con un sit-in nel Distretto finanziario". Lo ha dichiarato poco fa Benny Yiu-ting, uno dei 3 leader di Occupy Central, commentando il discorso con cui questa mattina un alto funzionario cinese ha spiegato la posizione di Pechino riguardo le modalità di voto delle prossime elezioni legislative nel Territorio.

    Nonostante accordi politici formali, una Costituzione ancora in vigore, un referendum con quasi 800mila aderenti, centinaia di proteste civili pacifiche, la Cina continentale ha negato all'ex colonia britannica di votare in maniera democratica per la propria guida politica. Il governo di Pechino ha spiegato che la Commissione elettorale sparirà, ma verrà rimpiazzata da un altro gruppo (delle stesse dimensioni e composto più o meno dalle stesse persone) che avrà il compito di approvare "due o tre" candidature al ruolo di capo dell'esecutivo. Gli attivisti democratici rispondono annunciando nuove proteste.

    Hong Kong, ex colonia britannica, è tornata sotto il governo della Cina continentale nel 1997 a seguito di un accordo (firmato nel 1984) fra Pechino e Londra. In quell'occasione, la Cina diede il suo assenso a governare il territorio sotto il principio "una nazione, due sistemi", secondo il quale la città avrebbe goduto per altri 50 anni di "un alto livello di autonomia, fatta eccezione per le questioni estere e di difesa". All'atto pratico, Pechino accordava a Hong Kong un proprio sistema legale e la protezione di diritti di base come la libertà religiosa, di assemblea e di parola.

    Fino a oggi il capo dell'ex colonia, che guida l'esecutivo, è stato eletto da una Commissione elettorale composta da 1.200 membri: tutti membri delle élite industriali e politiche del Territorio, e quindi molto vicini alle posizioni di Pechino, divisi in quattro macro-settori: business, professionisti, politici, società civile. Per eleggere i membri della Commissione esistono due tipi di voto: quello popolare e quello delle corporazioni.

    Questo modus operandi era stato deciso per "dare il tempo alla popolazione" di abituarsi alle nuove libertà e votare solo nel 2017 in maniera pienamente democratica: sotto il dominio inglese, infatti, non vi era una reale rappresentanza popolare. Ma la Basic Law, la piccola Costituzione eredità dei britannici e approvata dalla Cina continentale, recita chiaramente che "lo scopo finale" è quello di eleggere il capo dell'esecutivo "tramite suffragio universale".

    Lo stesso governo cinese ha promesso in più occasioni libere elezioni per l'appuntamento del 2017. Ma nell'agosto del 2014 la massima autorità legislativa cinese - il Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del Popolo - ha deciso che i votanti di Hong Kong avranno la possibilità di scegliere solo da una lista di due o tre candidati prescelti da una Commissione incaricata di nominare "le persone adatte al ruolo".

    La formazione di questa Commissione è da stabilirsi, ma di certo essa "deve essere in accordo" con quella elettorale già esistente e di fatto nelle mani di Pechino. Ogni candidato intenzionato a correre per il ruolo di capo dell'esecutivo dovrà ottenere almeno il  50% dei voti della Commissione per essere inserito in lista. Secondo gli attivisti democratici, la Cina userà la Commissione per scremare i candidati non graditi.

    Secondo il testo approvato dall'Assemblea nazionale del popolo "il capo dell'esecutivo di Hong Kong deve essere una persona che ama la nazione e Hong Kong. Questo è un requisito base per la politica 'una nazione, due sistemi', è previsto dalla Basic Law ed è necessario per mantenere la prosperità e la stabilità a lungo termine di Hong Kong. Inoltre, è necessario per rafforzare la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina intera". In pratica, chi ha una posizione critica nei confronti di Pechino "non può ricoprire questo ruolo".

    Lau Kim-ling, Segretario esecutivo del Movimento degli studenti cristiani, commenta: "Questa proposta è del tutto inaccettabile. Noi non permetteremo mai che divenga realtà, perché così facendo daremmo credibilità a una farsa. Hong Kong è più che pronta ad avere una piena democrazia. Noi non viviamo in Corea del Nord". Secondo Lam Po-sin, giovane commerciante, "la decisione cinese non soddisfa i nostri desideri. Credo che il movimento Occupy Central sia uno dei pochi mezzi che la popolazione di Hong Kong ha per esprimere il proprio pensiero. È cruciale che il territorio, un centro internazionale, incontri i livelli standard di democrazia internazionale".

    A guidare la protesta popolare contro la posizione cinese è proprio il movimento pro-democrazia "Occupy Central", guidato da una terna di attivisti di lungo corso: il reverendo battista Chu Yiu-ming, il docente universitario Benny Tai Yiu-ting e il dottor Chan Kin-man. Il gruppo ha organizzato un referendum non ufficiale sulle riforme politiche che si è svolto dal 20 al 29 giugno 2014: i votanti dovevano scegliere fra tre proposte riguardo le elezioni 2017, tutte incentrate sulla scelta popolare per i candidati. Il card. Joseph Zen, vescovo emerito, ha concluso lo scorso 20 giugno una marcia di 84 km in decine di distretti di Hong Kong per spingere i cittadini a partecipare. Anche il card. John Tong, il vescovo attuale della diocesi, sostiene il diritto della popolazione ad esprimersi sulla democrazia.

    Con un'affluenza record, un totale di 792.808 cittadini ha espresso il proprio voto: si tratta di un votante su cinque, un risultato che secondo gli organizzatori dimostra l'enorme sostegno popolare "non tanto a Occupy Central, quanto alla democrazia per Hong Kong". Poco dopo il voto, quasi 500mila persone hanno manifestato nell'annuale Marcia per la democrazia del 1 luglio.

    La Cina ha risposto condannando le proteste e definendo il referendum "una farsa". Li Fei, vice Segretario generale del Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del Popolo, ha spiegato che "avere candidati nominati in maniera libera non farà altro che creare una società caotica" e ha ricordato che il capo dell'esecutivo "deve come primo requisito amare la patria". Inoltre, nel suo "Libro bianco" del giugno 2014, la Cina ha sostenuto che "qualcuno ha un concetto confuso e pieno di buchi del modello 'una nazione, due sistemi'. Hong Kong ha un alto grado di autonomia, ma non autonomia piena. È Pechino l'ultimo livello di giurisdizione".

    Il movimento democratico ha atteso fino all'ultimo, sperando nell'apertura di un canale di dibattito. Ma le decisioni prese ieri dalla Cina continentali e ribadite questa mattina proprio da Li Fei, secondo Benny Tai, "chiudono la porta a tutto. Ora nasce una nuova era di disobbedienza civile, iniziando da un sit-in di massa nel Distretto finanziario della città. Siamo delusi da quanto accaduto". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/07/2013 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, la Chiesa “è unita nel chiedere il suffragio universale. Inutile cercare di dividerla”
    Il documento presentato ieri dalla diocesi del Territorio offre un atteggiamento molto chiaro: senza consultazioni formali per una vera democrazia, ci sarà disobbedienza civile. Diverse fonti spiegano ad AsiaNews: “La nostra è una posizione bilanciata e corretta, Pechino vuole usare la vecchia tattica delle divisioni interne ma sbaglia. Siamo tutti uniti nel cercare verità e giustizia”.

    27/10/2014 HONG KONG-CINA
    Hong Kong dopo la rivoluzione
    Il movimento democratico Occupy Central ha spaventato Pechino molto più della breve Rivoluzione dei Gelsomini. Il governo teme una "infiltrazione democratica" dal Territorio e userà ogni carta a disposizione, compresa quella economica, per fermarla. Ma così facendo rischia di distruggere la realtà più dinamica e innovativa del Paese. Un'analisi del grande esperto di Cina, per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.

    12/09/2014 HONG KONG - CINA
    Occupy Central: Pronto "un ricco banchetto" per la democrazia di Hong Kong
    Le "portate" sono azioni di disobbedienza civile, pacifiche e di valore dimostrativo, su base quasi settimanale. Si inizia con uno striscione nero di 500 metri, per esprimere il dolore della cittadinanza dopo le decisioni di Pechino sul suffragio universale. Accademico cinese: "La Cina può restringere ancora la libertà del Territorio". La Chiesa cattolica sostiene lo sciopero degli studenti.

    22/04/2015 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, il governo chiude le porte al suffragio universale
    L’esecutivo del Territorio presenta al Consiglio Legislativo la proposta di riforma elettorale, identica a quella dell’Assemblea nazionale del Popolo di Pechino. Il voto sarà a maggio: servono almeno quattro deputati democratici per farla passare. Per ora il fronte dell’opposizione si dichiara unito: “Metteremo il veto”. Se il decreto non viene approvato, tutto rimane com’è.

    10/09/2014 HONG KONG - CINA
    Card. Zen: Con Occupy Central forse abbiamo provocato le ire dell'Imperatore
    Il movimento democratico non è una minaccia per la sopravvivenza del Territorio. I "tre schiaffi in faccia" di Pechino alla popolazione locale. "Quando sono gli imperialisti ad attaccare, fanno solo danni; ma quando sono dei cinesi come noi che vogliono renderci schiavi, allora viene ferito il nostro cuore. E chi non si rassegna alla schiavitù non ha altra strada se non quella di resistere". Le considerazioni del vescovo emerito di Hong Kong.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®