21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 09/12/2011, 00.00

    CINA

    I Premi Nobel a sostegno di Liu Xiaobo, in prigione per 11 anni



    Il dissidente è l’unico vincitore del Nobel in carcere. Il suo rilascio “immediato e senza cndizioni” è chiesto da Shirin Ebadi, Jody Williams, Mairead Maguire, Betty Williams, Desmond Tutu e Vaclav Havel. L’occidente lo ha dimenticato.
    Pechino (AsiaNews) – Cinque Premi Nobel hanno lanciato oggi una nuova campagna per esigere il rilascio di Liu Xiaobo, il vincitore del premio per la Pace dello scorso anno, che sta scontando una condanna di 11 anni.

    La campagna avviene alla vigilia dell’assegnazione del Premio per quest’anno, che avverrà l’11 dicembre. Il Comitato internazionale per il sostegno a Liu Xiaobo fa notare che Liu è l’unico Nobel in prigione e accusa la comunità internazionale di aver dimenticato la sua sorte.

    Liu Xiaobo è stato condannato a 11 anni di prigione il giorno di Natale del 2009, accusato di “sovversione contro lo Stato” per aver pubblicato su internet alcuni articoli sulla democrazia e aver stilato il manifesto di Carta 08, che suggerisce alla Cina di varare riforme politiche democratiche per garantire uno sviluppo equilibrato e completo della nazione. Mentre il mondo lo acclamava come vincitore del Premio Nobel, Pechino lo accusava di essere “un criminale”.

    “Purtroppo, fuori della Cina la sua sentenza a 11 anni è stata presto e facilmente dimenticata” dice il gruppo, che ha chiesto “il rilascio immediato e incondizionato” di Liu.

    Lo scorso anno, in occasione del conferimento del Premio Nobel a Liu Xiaobo, Pechino ha arrestato decine di dissidenti, timorosa che qualcuno di loro potesse andare a Oslo a ritirare il premio. Anche la moglie di Lui, Liu Xia, è agli arresti domiciliari. La cerimonia del Premio si è svolta davanti a una sedia vuota (v. foto).

    La campagna per Liu Xiaobo è sostenuta da Shirin Ebadi, Jody Williams, Mairead Maguire, Betty Williams e Desmond Tutu. Anche l’ex presidente ceco, Vaclav Havel ha spesso domandato a Pechino la sua liberazione.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2010 CINA
    Il processo a Liu Xiaobo, ovvero la morte della giustizia
    La leader delle “Madri di Tiananmen”, una fra i primi firmatari di Carta 08, attacca il governo cinese: “Con la sentenza contro il dissidente, è iniziato il crollo morale del regime comunista. E si tratta di un processo irreversibile”. Fino a che Liu rimarrà in galera “nessuno avrà un giorno di pace”.

    16/12/2009 CINA
    Pechino risponde a Usa e Ue: Liu Xiaobo rimane in galera
    Il governo cinese respinge al mittente le richieste di Stati Uniti ed Unione europea, che volevano la scarcerazione dell’autore di “Carta 08”. Il processo inizia la settimana prossima: se condannato, il dissidente rischia 15 anni di galera.

    02/01/2009 CINA
    Liu Xiaobo, di Carta 08, sorvegliato in luogo sconosciuto, contro le stesse leggi cinesi
    Liu rischia di rimanere sequestrato per un anno e mezzo, senza alcuna accusa e senza processo. Crescono le adesioni (almeno 5 mila) alla Carta 08 per trasformare la Cina in un Paese che difende i diritti umani.

    26/12/2009 CINA
    La condanna a 11 anni per Liu Xiaobo una “presa in giro della giustizia”
    Liu Xia, la moglie dell’attivista, ha detto che suo marito si appellerà. Critiche alla sentenza dall’Onu e dall’Unione europea. Secondo alcuni dissidenti, Hu Jintao si sente ormai forte e disprezza le pressioni dall’esterno. Ma all’interno la dissidenza si farà più forte.

    23/12/2009 CINA
    Liu Xiaobo sarà condannato il giorno di Natale
    Il processo celebrato oggi è durato solo 2 ore e mezza. Rappresentanti di governi stranieri sono stati esclusi dalla corte. Liu rischia fino a 15 anni per “sovversione contro il potere statale”. Bao Tong: Io la penso come lui. Dovrei essere processato anch’io. Una"farsa" la costituzione cinese.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®