10/10/2006, 00.00
COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
Invia ad un amico

I fumi dell'atomica nordcoreana nascondono i gravi problemi interni del regime

Secondo un politico sudcoreano, l'annuncio di Pyongyang ha 4 spiegazioni: il distacco dell'esercito dalla politica di Kim Jong-il, la popolazione sempre meno motivata, la visita del primo ministro giapponese a Seoul e la nomina di Ban Ki-moon a segretario generale dell'Onu.

Seoul (AsiaNews) – L'esperimento nucleare che ieri la Corea del Nord ha "condotto con successo" nasce da "problemi sempre più seri per il regime" che con questo gesto vuole raggiungere "4 obiettivi fondamentali, sia in campo domestico che in quello internazionale".

E' questo il commento di un rappresentante del governo sudcoreano – anonimo per motivi di sicurezza – che spiega i motivi alla base della decisione di Pyongyang riguardo al test sulla bomba atomica.

Il politico spiega che "l'8 ottobre del 1997, Kim Jong-il è divenuto segretario generale del Partito dei lavoratori nordcoreani, mentre il 10 ottobre il Paese festeggia la fondazione del Partito stesso. Queste 2 date sono importantissime, ma la popolazione nordcoreana tende sempre di più a non festeggiarle. Il test, avvenuto a cavallo delle 2 date, cerca di ravvivare l'entusiasmo della gente".

Il secondo motivo interno al Paese "è il progressivo distacco delle forze armate dalla politica internazionale di Kim. I generali iniziano a mormorare in segreto contro il regime ed il dittatore questo lo sa. Tuttavia, non ha ancora designato il suo erede: con la bomba cerca di convincere i capi del suo esercito che il Paese è una potenza internazionale e che il suo leader non deve essere abbandonato".

Il terzo motivo è internazionale: "La Corea del Nord ha calamitato l'attenzione internazionale proprio quando il nuovo primo ministro giapponese, Shinzo Abe, posava il piede sul suolo coreano. Questa visita è molto importante: segna il disgelo fra Seoul e Tokyo e, in potenza, manifesta la volontà di una più stretta collaborazione ai danni del regime stalinista, che verrebbe messo in un angolo. Abe atterra sulla penisola e dopo 30 minuti Kim annuncia l'atomica".

L'ultimo motivo "è la nomina del sudcoreano Ban Ki-moon a segretario generale delle Nazioni Unite. L'ex ministro degli Esteri di Seoul ha sempre avuto il pugno di ferro nei confronti di Pyongyang, che teme la sua politica dura. Al comando dell'Onu, Ban può risultare molto più convincente a livello internazionale e per questo Kim vuole mostrare i muscoli".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pyongyang minaccia l'Onu: sanzioni dure significano guerra
11/10/2006
Ban Ki-moon "presti particolare attenzione" ai diritti umani in Corea del Nord
23/10/2006
I razzi di Pyongyang progrediscono in gittata e potenza. Onu: “minaccia globale”
29/09/2017 15:46
Le sanzioni Onu “sono le più dure mai imposte a Pyongyang”
06/03/2013
Pechino tenta di fermare Kim Jong-il, ma salvando il regime
12/09/2006