16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/01/2018, 08.58

    SIRIA

    Idlib, esplosione colpisce quartier generale ribelle: 23 vittime, decine di feriti



    Nel mirino la fazione ribelle Ajnad al-Qawqaz. Le vittime civili sarebbero almeno sette, ma il bilancio è ancora provvisorio. Al momento sono ancora ignote le ragioni dello scoppio. Diverse persone risultano disperse. La provincia è una delle ultime roccaforti anti-governative. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - È di 23 vittime e decine di feriti il bilancio, ancora provvisorio, di una potente esplosione che ha investito la cittadina ribelle di Idlib, nel nord-ovest della Siria. Secondo quanto riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh), ong con base a Londra e una fitta rete di informatori sul terreno, la deflagrazione avrebbe colpito il quartier generale di un gruppo anti-governativo di secondo piano. Almeno sette i morti fra i civili. 

    Non si conoscono finora le ragioni che hanno portato all’esplosione, che ha interessato il distretto di Thalatheen. Secondo alcune testimonianze, si sarebbe trattato di un’autobomba. Altri parlano invece di un attacco portato grazie all’uso di droni. 

    Fonti dell’Osdh riferiscono che le squadre di soccorso sarebbero tuttora impegnate nelle operazioni di recupero dei cadaveri e alla ricerca di eventuali feriti sotto le macerie degli edifici danneggiati e delle case colpite. Diverse persone risultano disperse. 

    La fazione ribelle colpita, conosciuta col nome di Ajnad al-Qawqaz group, include al suo interno centinaia di combattenti e mercenari provenienti da nazioni asiatiche. I suoi uomini combattono assieme ai miliziani del fronte di Fateh al-Sham, movimento un tempo affiliato ad al Qaeda, nel tentativo di respingere l’offensiva lanciata lo scorso anno dall’esercito regolare siriano nella zona. 

    La provincia di Idlib, confinante con la Turchia, è una delle ultime roccaforti ancora in mano agli oppositori e ribelli in lotta contro il presidente siriano Bashar al-Assad. I militari governativi hanno ceduto il controllo dell’area nel 2015, quando l’intera provincia è finita sotto il controllo degli oppositori. 

    Tuttavia, nell’ultimo anno i soldati di Damasco - e i loro alleati russi - hanno ripreso gran parte del territorio; il loro obiettivo è quello di riunire sotto il loro controllo Idlib e la vicina provincia di Hama. Idlib, in particolare, riveste un’importanza strategica perché nell’area passa una via di collegamento fondamentale per il Paese che unisce la capitale Damasco ad Aleppo, seconda città per importanza della Siria. 

    La scorsa settimana il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov ha sottolineato che l’offensiva contro lo Stato islamico (SI), obiettivo primario dell’intervento di Mosca, si può dire conclusa. Ora il focus si è spostato sui gruppi miliziani affiliati ad al-Qaeda. Tuttavia, analisti ed esperti sottolineano che l’operazione nasconde rischi significativi. Nella provincia di Idlib vivono almeno due milioni di siriani, fra i quali vi sono decine di migliaia di sfollati interni che hanno abbandonato - in passato - altre aree interessate dal conflitto. Una offensiva di larga scala da parte del governo siriano potrebbe causare gravissime distruzioni e innescare un ingente fenomeno migratorio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/05/2016 12:36:00 SIRIA
    Vescovo siriano: l’attacco al campo profughi di Idlib è anomalo. Ad Aleppo “violenza cieca”

    Mons. Abou Khazen invita alla cautela sull’attacco al centro per rifugiati al confine turco, in cui sono morte 28 persone. Ad Aleppo la gente “vive nel terrore”, in molti “hanno ripreso a scappare”. La tregua “infranta migliaia di volte”, si profila una “catastrofe umanitaria”. Caritas Siria lancia una campagna di raccolta sangue per i feriti di Aleppo. Stasera a Damasco si prega per la pace. 



    27/04/2017 08:53:00 SIRIA
    Damasco, “enorme” esplosione nei pressi dell’aeroporto. Sospetti su raid israeliano

    Lo scoppio, avvertito anche nella capitale, ha investito un serbatoio di carburante e alcuni magazzini nei pressi dello scalo. Secondo al-Manar a causarla è stato un raid aereo dell’aviazione israeliana. Danneggiate strutture logistiche di Hezbollah in Siria. Non risultano vittime o feriti. 

     



    07/04/2016 08:54:00 SIRIA
    Aleppo, bombardato un quartiere curdo: 18 vittime civili, ferite 70 persone

    Fra i morti vi sono anche una donna incinta e tre bambini. A sferrare l’attacco al quartiere curdo Cheikh Maksoud un gruppo ribelle; nella zona vivono almeno 50mila persone. Negli scontri fra gruppi estremisti a Idlib è morto un miliziano di al Nusra famoso per aver mangiato il cuore di un soldato siriano. Si muove la diplomazia in vista del nuovo round di colloqui indiretti a Ginevra.



    09/12/2015 SIRIA
    I ribelli abbandonano Homs. L’opposizione accelera per risolvere la crisi, restano le divisioni
    Le fazioni ribelli hanno iniziato l’evacuazione della terza città del Paese. Per la prima volta in un anno consegnati aiuti in un quartiere conteso. A Riyadh si riunisce il “fronte islamico” in lotta contro Assad. Esclusi curdi e altri gruppi, che hanno promosso un altro incontro nel nord-est della Siria. Fonti diplomatiche di AsiaNews: passi positivi, ma la situazione resta “critica”.

    31/01/2017 07:55:00 SIRIA
    Miliziani evacuati da Wadi Barada. Finita l’emergenza idrica a Damasco

    Quasi 1200 miliziani hanno lasciato l’area insieme alle loro famiglie. I convogli si sono diretti verso Idlib, principale centro della Siria per numero di jihadisti. L’area rappresenta la fonte principale di approvvigionamento di acqua a Damasco. Riparati i danni che hanno prosciugato a lungo le forniture.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®