28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/12/2006
CINA
Il Fiume Giallo, culla della civiltà cinese, è “morto” per oltre il 60%
Decine di migliaia di fabbriche chimiche scaricano rifiuti tossici e nocivi. Il Paese soffre per uno sviluppo economico che ha “sacrificato l’ambiente”.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Non è potabile il 60% delle acque del Fiume Giallo, il secondo maggior fiume cinese. In Cina cresce l’inquinamento delle acque interne, causa di uno squilibrato sviluppo industriale e urbano che non si riesce a correggere.

Il rapporto 2006 della Commissione per le risorse idriche del Fiume Giallo mostra che su 5.464 km di lunghezza, solo il 40% delle acque sono classificabili a livello 3, in una scala di qualità di 5.

Ma Jun, capo dell’Istituto per gli affari pubblici e ambientali, spiega che al livello 3 “l’acqua può ancora essere bevuta, ma dopo specifici trattamenti”.

Oltre il 36% del fiume è stato classificato al livello 5, il peggiore. Il fiume attraversa nove province settentrionali e fornisce acqua a 155 milioni di persone e al 15% dei terreni agricoli del Paese. Nel solo 2005 ha ricevuto 4,35 miliardi di tonnellate di scarichi idrici inquinanti, con un aumento di 88 milioni di tonnellate rispetto al 2004. Il 73% degli scarichi provengono da fabbriche che gettano i residui chimici nel fiume senza depurarli, con un aumento di 298 milioni di tonnellate in un anno.

Il fiume, definito "la culla della civiltà cinese", vede anche diminuire la sua portata idrica. Nel 2005 ha portato al mare di Bohai solo 20,4 miliardi di metri cubi di acqua, circa lo stesso che nel 2004, nonostante gli sia stato portato l’afflusso di altri corsi idrici e sia aumentato il prezzo dell’acqua.

Il 12 dicembre le autorità provinciali hanno detto che una cartiera a Lanzhou (Gansu) ha scaricato 2.500 tonnellate al giorno di acqua inquinata nel Wanchuan Creek, tributario del Fiume Giallo.  Per giorni oltre 40 km. del fiume sono stati di color mattone e hanno esalato gas maleodoranti e irritanti.

Gli esperti osservano che oltre 21mila impianti chimici sono situati sulle rive dei fiumi e del mare e circa 11mila lungo i soli Fiume Giallo e Yangtze. All’inizio del 2006 Zhou Shengxian, direttore dell'Amministrazione statale per la protezione ambientale, ha avvertito che oltre 100 di questi impianti costituiscono “un serio rischio” per le risorse d’acqua potabile. Per Zhou, le cause di questa situazione “si devono cercare nella cieca corsa allo sviluppo economico fatta dai quadri locali in tutto la nazione”. “Nei primi dieci anni di vita della Repubblica popolare cinese – sottolinea – abbiamo privilegiato la crescita economica sacrificando l'ambiente”.

La situazione è stata peggiorata dal rapido sviluppo urbano, spesso avvenuto senza attenzione per lo smaltimento dei rifiuti. Si calcola che oltre 400 delle 661 città hanno scarsità d’acqua potabile e 100 hanno “seri problemi”. Secondo dati del ministero delle Risorse idriche, nel 2005 sono stati scaricati oltre 70 miliardi di tonnellate di liquami inquinanti, di cui 45 miliardi in fiumi e laghi senza alcun trattamento depurante. Già nel 2005 erano considerati inquinati oltre il 70% di fiumi e laghi.

Sempre nel 2005 Wang Shucheng, ministro per le Risorse idriche, ha avvertito che nelle campagne oltre 300 milioni di persone non hanno acqua potabile e centinaia di migliaia accusano gravi malattie per avere bevuto acqua che contiene fluoro, arsenico, solfato di sodio.

La situazione è peggiorata da incidenti, come un anno fa l’esplosione in un impianto chimico a Jilin che ha causato il versamento nel fiume Songhua di oltre 100 tonnellate di sostanze tossiche, togliendo per giorni l’acqua potabile a milioni di persone distanti anche centinaia di km. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2007 CINA
Contadini dello Shandong: coltivare e bere da un fiume nero come l’inchiostro
14/03/2007 CINA
Da un mese senza acqua potabile 80 mila contadini di Yixing
10/01/2006 CINA
In prigione chi protesta contro l'inquinamento: crea "disordine" sociale
08/06/2005 CINA
Cina, "difficile" per il governo eliminare l’inquinamento
06/09/2006 CINA
Cina, oltre 312 milioni di agricoltori non hanno acqua potabile

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate