26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/11/2016, 08.00

    RUSSIA - VATICANO

    Il Patriarca Kirill rinnova l’impegno di lavorare insieme al Vaticano per la pace in Siria

    Marta Allevato

    L’incontro con il card. Koch al monastero Danilovsky a Mosca. Ricostruire le chiese e riportare alla normalità la vita religiosa della Siria. Unire le due coalizioni anti terrorismo che combattono in Medio oriente. Il papa ha donato alcune reliquie di san Francesco di Assisi. Un ricevimento alla presenza di Putin chiude i festeggiamenti per il compleanno del Patriarca ortodosso.

    Mosca (AsiaNews) - Con tre giorni di incontri ad alto livello e celebrazioni di diverso tipo si sono chiusi ieri, 22 novembre i festeggiamenti per il 70° anniversario del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill. L’ultimo evento è stato un ricevimento alla presenza del presidente russo Vladimir Putin e di quello bielorusso Aleksandr Lukashenko. Ma un evento fra i più significativi è stato l’incontro fra il patriarca e il il card. Kurt Koch, presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani, giunto a Mosca fra gli ospiti illustri. Il primate ortodosso lo ha incontrato nella sua residenza al monastero Danilovsky. Nel bilaterale, alla presenza anche del neo nunzio apostolico mons. Celestino Migliore, Kirill ha rinnovato l’auspicio per un'ulteriore collaborazione con la Santa Sede per riportare la pace in Siria. "Continueremo a lavorare con la Chiesa cattolica di Roma, con i suoi rappresentanti, per fare tutto il possibile per porre fine alle sofferenze delle persone e riportare la gente a una vita tranquilla", ha detto. “Spero che la guerra finisca e che presto venga sollevata la questione della ricostruzione della Siria”, ha aggiunto, sottolineando che per i cristiani “è importante anche che vengano ricostruite le chiese e che la gente possa tornare alla sua normale vita religiosa”. Il Patriarca non ha mancato di denunciare l’inefficienza della lotta al terrorismo, se condotta in modo diviso: “Esistono due coalizioni contro il terrorismo, ma solo un'azione coordinata volta a raggiungere obiettivi concreti, può veramente sconfiggere il terrorismo”. 

    Per il suo compleanno, il primate ortodosso ha ricevuto dal Papa alcune reliquie di san Francesco d'Assisi con un messaggio di auguri. “Ringraziando ancora una volta per una parte delle reliquie di san Serafino di Sarov - ha scritto il Pontefice, secondo quanto riporta il Patriarcato di Mosca -  sono lieto di offrire una parte delle reliquie di san Francesco d'Assisi, mio protettore celeste”. “Questi due meravigliosi santi - ha aggiunto il pontefice - intercedono per noi presso Dio perché lavoriamo  in modo più affiatato per ottenere la pace e una unità completa. Per questo prega Gesù”.

    Non poteva mancare il dono di Putin: un mosaico di ambra che rappresenta il monastero della Santissima Trinità di san Sergio. “Nel corso degli ultimi sette anni (del suo patriarcato), non abbiamo creato la sinfonia perfetta, ma abbiamo costruito una struttura di supporto che aiuta a poco a poco, mattone dopo mattone, a costruire l’edificio di una collaborazione sinfonica della Chiesa, del popolo dei fedeli e dello Stato”, ha dichiarato Kirill rivolgendo ai vertici dello Stato russo presenti al ricevimento e ricordando l’ideale bizantino del rapporto tra Stato e Chiesa, la cosiddetta ‘sinfonia’. Anche Putin aveva ammesso pochi giorni prima di non essere sempre d’accordo con il Patriarca ma di apprezzarne il contributo al dialogo tra etnie e religioni in Russia. 

    “Che il Signore benedica tutte le nostre patrie, tutta la Rus’ storica, di cui io sono Patriarca, tutti i popoli slavi fratelli, che oggi vivono in Stati indipendenti, ma che si nutrono di una fonte storica comune, santificata nelle acuisse del Dniepr”, ha concluso il suo intervento Kirill, con implicito riferimento all’Ucraina, culla dell’antica Rus’ e del cristianesimo ortodosso russo, e i cui rappresentanti non erano presenti ieri a Mosca. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2016 10:57:00 RUSSIA-VATICANO
    Il Patriarca Kirill festeggia i suoi 70 anni, domani incontra il card. Koch

    Mostre, doni e programmi speciali in tv, il primate ortodosso russo ha celebrato ieri il suo compleanno. Il presidente Putin gli invia un telegramma e rivela: “Probabilmente sono stato battezzato dal padre del Patriarca”.



    12/02/2016 10:27:00 RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, le “alleanze contro” e il desiderio di unità (II)

    L’incontro nell’aeroporto dell’Avana e quasi come un “toccata e fuga” dovuto ai timori di reazioni negative degli ortodossi conservatori. Anche se i motivi politici sembrano prevalere (“alleanza contro” terrorismo, laicismo, relativismo morale, islam, liberalismo, protestanti,…), l’evento è un passo nel cammino verso la piena unità fra cattolici e ortodossi. La seconda parte di un articolo da parte di una personalità del Patriarcato di Mosca.



    28/04/2016 12:55:00 RUSSIA - VATICANO
    Chiesa ortodossa: il vescovo Tikhon (Shevkunov) mira alla guida del movimento anti-ecumenico russo

    Ne è convinto l’ex direttore della Rivista del Patriarcato di Mosca, Sergei Chapnin. In un recente intervento pubblico il vescovo e rettore del seminario teologico Sretensky ha denunciato che il dialogo con i cattolici all’interno della comunità ortodossa non viene guardato con simpatia e che la maggior parte dei fedeli non vede “alcun vero futuro nell’idea di ecumenismo nella Chiesa”.



    10/06/2015 RUSSIA - VATICANO
    Putin per la seconda volta dal Papa: Ucraina e Medio Oriente al centro dell’udienza
    Il leader del Cremlino torna in Vaticano dopo due anni; dalla crisi siriana si è passati a quella ucraina, con il Papa che da Mosca continua a essere visto come una sponda importante in dossier su cui si acuiscono le tensioni con l’Occidente. La difesa dei cristiani perseguitati nel mondo come arma di "soft power" della Federazione.

    04/06/2015 RUSSIA - VATICANO
    Putin dal Papa il 10 giugno. Patriarcato Mosca: l’incontro con Kirill ancora in agenda
    La Santa Sede ha ufficializzato quella che sarà la seconda visita del capo del Cremlino a papa Bergoglio. La Chiesa ortodossa intende ribadire che l’incontro tra Kirill e il pontefice non è stato depennato dalle questioni all’ordine del giorno: “Rapporti si sviluppano, ma rimangono importanti questioni non risolte”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®