31 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/10/2010
RUSSIA
Il Patriarcato di Mosca ringrazia i cattolici per il sostegno agli ortodossi all'estero
Il metropolita Hilarion, responsabile dei rapporti esterni, apprezza il sostegno offerto dalle altre comunità cristiane: importante la disponibilità a offrire chiese e assistenza agli ortodossi all’estero. Ma se gli uniati non rinunciano all’espansione, il dialogo ecumenico non sarà proficuo.

Mosca (AsiaNews) – Il capo del Dipartimento del Patriarcato di Mosca per le relazioni esterne della Chiesa, il metropolita di Volokolamsk Hilarion ringrazia i cattolici e i cristiani delle altre denominazioni per il sostegno offerto dagli ortodossi all’estero.

In un’intervista pubblicata il 6 ottobre sul sito web della Chiesa ortodossa russa, il metropolita spiega come molte delle nuove comunità ortodosse fuori dalla Federazione russa usino chiese ed edifici “forniti” loro da altre comunità cristiane. Prima di tutto cattolici. “Quando i cattolici danno agli ortodossi una possibilità di pregare nelle loro chiese e per di più in modo gratuito, cosa può significare?” si chiede Hilarion.

Egli sottolinea poi il numero di cattolici e protestanti passati all’ortodossia e che si sono uniti alle comunità estere, soprattutto in seguito all’aumento di matrimoni misti

Il rappresentante ortodosso spiega poi come sia “difficile ottenere il permesso delle autorità per costruire una chiesa in Europa occidentale” e come sia importante l’assistenza fornita alle nuove diocesi “dagli episcopati cattolici e persino dalle comunità protestanti”. Allo stesso modo, continua, sono le organizzazioni protestanti e cattoliche su richiesta delle diocesi ortodosse russe ad aiutare “i nostri immigrati illegali ad ottenere documenti regolari e un lavoro”.

Anche con il nuovo Patriarca Kirill, succeduto due anni fa a Alessio II, i rapporti degli ortodossi russi con Chiesa cattolica e protestante rimangono tesi. Sebbene segni di distensione siano sempre più frequenti. Hilarion stesso, nell’intervista, non evita l’argomento e dichiara: “Solo il rifiuto deciso dei cattolici greci a non espandersi (in Ucraina), potrà aiutare a sistemare le questioni che complicano i rapporti tra cattolici e ortodossi oggi”. (NA)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/09/2010 RUSSIA
La Chiesa ortodossa russa chiede all’Irlanda lo stesso status giuridico dei cattolici
di Nina Achmatova
06/09/2010 RUSSIA
Conferenza episcopale russa: Possiamo crescere solo nella collaborazione con gli ortodossi
28/12/2011 RUSSIA
Vescovo di Mosca: senza fede la Russia è insignificante per il mondo
di Marta Allevato
06/05/2011 RUSSIA
Il secolarismo impone una nuova alleanza tra cattolici e ortodossi. Come ai tempi dell'Urss
di Marta Allevato
26/11/2010 RUSSIA
Restituzione dei beni alle organizzazioni religiose, c’è la legge

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate