01/12/2018, 10.38
TIBET – CINA
Invia ad un amico

Il Tibet piange Palden Gyatso, difensore della libertà

Il monaco ha passato 33 anni nelle prigioni cinesi. Non ha mai voluto rinnegare la fedeltà al Dalai Lama. Ha trascorso l’esilio a denunciare le torture compiute dal dominio cinese.

Dharamsala (AsiaNews) – Il popolo del Tibet piange il lama Palden Gyatso, scomparso ieri all’età di 85 anni in un ospedale di Dharamsala (India). Il monaco era sopravvissuto a 33 anni di torture nelle carceri cinesi per non aver mai voluto rinnegare il Dalai Lama. Egli si è spento, racconta Losang Yeshe, portavoce del monastero di Kirti Jepa, circondato dall’affetto degli altri monaci.

Palden Gyatso era ricoverato al Delek Hospital. Egli soffriva da tempo per un tumore al fegato e nell’ultimo periodo aveva chiesto di non essere più sottoposto a interventi chirurgici, perché, nonostante decenni di torture, la sua vita era stata “lunga e piena di benedizioni”.

Il monaco era nato nel 1933 a Panam, nel Tibet centrale. Nel 1943, a 10 anni, entra al monastero di Gadong come novizio e, su invito del XIV Dalai Lama, si sposta a Drepung, per completare gli studi di Dharma e ricevere la piena ordinazione quale monaco Gelugpa. Nel 1959, quando la maggior parte del Tibet venne occupata dalla Cina, viene arrestato per aver protestato contro l’occupazione del suo Paese e incarcerato nelle prigioni cinesi. Condannato a sette anni, ci rimarrà per 33. In detenzione, sia nelle carceri tradizionali che nei campi di lavoro, viene costretto a lavorare e subisce innumerevoli torture che gli hanno procurato gravi lesioni permanenti.

Scarcerato nel 1992, si unisce alla diaspora tibetana a Dharamsala. Da quel momento si dedica a denunciare la condizione di vita dei suoi connazionali sotto il dominio cinese e le violenze che avvengono nelle carceri comuniste ai danni della popolazione tibetana. Nel 1995, parlando di fronte alla sotto-commissione sui diritti umani della Camera negli Stati Uniti, accusa: “Noi prigionieri eravamo legati al giogo come gli animali e [costretti] ad arare i campi della prigione. Se eravamo esausti, venivamo presi a calci e frustate sulla schiena”. Nel 1997 ha pubblicato un libro sulla sua storia (“The Autobiography of a Tibetan Monk”), da cui nel 2008 la regista giapponese Makoto Sasa ha tratto il documentario “Il fuoco sotto la neve”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tibet in apprensione per Palden Gyatso, araldo della libertà
16/11/2018 11:50
È morto in prigione Tenzin Delek Rinpoche, “eroe tibetano” e difensore della sua gente
13/07/2015
Tenzin Gyatso: Potrei essere l’ultimo Dalai Lama, ma non finirebbe il buddismo tibetano
24/09/2015
Monaco tibetano rischia di morire in prigione. Aveva festeggiato il compleanno del Dalai Lama
28/12/2017 10:57
Tibet, rilasciato dopo 15 anni un monaco buddista. Ora rischia la morte
24/03/2015