18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/07/2017, 10.28

    AUSTRALIA-VATICANO

    Il card. Pell professa la sua innocenza all’udienza del processo per pedofilia



    Oggi è iniziato il processo con un’udienza amministrativa. Pur non essendo richiesta la sua presenza, il cardinale si è presentato in tribunale.

    Melbourne (AsiaNews/Agenzie) - Il card. George Pell ribadisce la sua totale innocenza da tutte le accuse di abusi sessuali intentati contro di lui. Lo ha fatto attraverso il suo avvocato a un’udienza “amministrativa” che dà inizio oggi al processo. L’avvocato Robert Richter ha detto alla corte che “il card. Pell si professerà innocente dalle accuse e manterrà questo fino alla fine”.

    Il porporato, prefetto del Segretariato per l’economia, e stretto collaboratore di papa Francesco nella riforma della Curia e della banca vaticana, è da anni al centro di una campagna mediatica che lo accusa di aver coperto abusi da parte di alcuni sacerdoti australiani e di essersi macchiato di approcci sessuali negli anni ’70, quando era sacerdote. Tali accuse sono emerse solo alcuni anni fa.

    L’incontro è durato meno di 10 minuti. Pur non essendo necessaria la sua presenza, il cardinale ha voluto parteciparvi. Il porporato era tornato in Australia, ricevendo un “congedo” da parte di papa Francesco lo scorso mese. In una conferenza stampa da lui tenuta il 29 giugno, egli aveva detto che attendeva con decisione il processo giudiziario che gli darà “l’opportunità di pulire il mio nome e tornare al mio lavoro a Roma”.

    Durante la conferenza stampa egli aveva affermato: “Sono innocente rispetto a queste accuse, esse sono false. La stessa idea di abuso sessuale è per me ripugnante”.

    Il cardinale è arrivato al tribunale insieme al suo avvocato e scortato da un gruppo di poliziotti e da uno stuolo di fotografi e cameramen. Vi erano anche gruppi di protesta che chiedono “la verità” e gruppi di sostenitori del porporato. Il card. Pell non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

    Molti leader cattolici australiani hanno difeso in pubblico il cardinale, descrivendolo come “una personalità assolutamente onesta”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/06/2017 11:09:00 VATICANO-AUSTRALIA
    Il card. George Pell accusato di abusi: “Sono innocente”. La fiducia e la stima del papa

    Il prefetto della Segreteria per l’economia prende un periodo di congedo per “pulire” il suo nome dalle accuse di pedofilia, che egli rigetta in modo totale. Il card. Pell è la più alta personalità vaticana a subire questo tipo di accuse. La Santa Sede esprime “rispetto” verso la giustizia australiana, ma afferma tutta la sua stima verso il porporato, che ha molto lavorato proprio contro la pedofilia. Apprezzamento del pontefice per l’impegno nelle riforme di carattere economico. Qualcuno pensa che queste accuse sono una “vendetta trasversale” di gruppi mafiosi impossibilitati ora a utilizzare la banca vaticana in operazioni di riciclaggio di denaro sporco.



    24/02/2014 VATICANO
    Papa: una nuova struttura di coordinamento per gli affari economici e amministrativi vaticani
    La Segreteria per l'economia avrà autorità su tutte le attività economiche e amministrative all'interno della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano. A guidarla è stato nominato il cardinale George Pell, attuale arcivescovo di Sydney.

    07/02/2014 VATICANO-ONU
    P. Lombardi: Documento Onu sui minori anomalo, ideologico, oltre le sue competenze
    Il documento sembra dare molto spazio alle idee di gruppi e ong contrari alla Chiesa cattolica. Il Vaticano non ha mai smesso di dialogare con il Comitato Onu, che però sembra non recepire. Inaccettabile l'interferenza nelle posizioni dottrinali della Chiesa su famiglia, sessualità, contraccezione, aborto. Rispetto per le Nazioni Unite: non è una guerra fra l'Onu e il Vaticano.

    15/07/2010 VATICANO
    Più severe e “trasparenti” le norme della Chiesa contro gli abusi sessuali dei preti
    Rese note oggi le modifiche alle “Norme sui delitti più gravi”. Si prevedono, tra l’altro, procedure più rapide, estensione a 20 anni della prescrizione, la qualifica di delitto per l’acquisizione, la detenzione o la divulgazione “in qualunque modo e con qualunque strumento” di materiale pedopornografico da parte di un sacerdote. Modifiche anche per i delitti contro la fede e i sacramenti.

    21/09/2017 15:14:00 VATICANO
    Papa: non darò mai la grazia ai colpevoli di abusi sessuali

    Francesco ha ricevuto la Pontificio commissione per la protezione dei minori. “La Chiesa ha affrontato questi crimini in ritardo”, ma “tolleranza zero”. "Ascoltare con interesse le voci delle vittime e dei sopravvissuti. Perché abbiamo molto da imparare da loro e dalle loro storie personali di coraggio e perseveranza”.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®