27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/07/2012, 00.00

    HONG KONG - CINA

    Il card. Zen e i cattolici di Hong Kong pregano per mons. Daqin e le sofferenze della Chiesa in Cina

    Eugenia Zhang

    Prima della messa nella chiesa di St. Margaret, un gruppo di 200 persone ha recitato il rosario davanti all'ufficio di rappresentanza della Cina chiedendo la liberazione di vescovi e preti imprigionati. Il card. Zen accusa il governo di immischiarsi nelle attività religiose in modo ingiustificato. Critiche a personalità ecclesiastiche che preferiscono benefici e premi, rimanendo "schiavi".

    Hong Kong (AsiaNews) - Più di 800 cattolici hanno riempito la chiesa di St Margaret (Happy Valley) ieri sera per domandare la liberazione di mons. Taddeo Ma Daqin, l'eroico vescovo ausiliare di Shanghai, di fatto agli arresti domiciliari, dopo la sua decisione di abbandonare l'Associazione patriottica, resa pubblica il giorno della sua ordinazione episcopale, lo scorso 7 luglio.

    La messa è stata presieduta dal card. Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, con la partecipazione del vicario generale mons. Dominic Chan e di molti sacerdoti.

    Nella sua omelia, il cardinale ha accusato i rappresentanti del governo comunista e ateo di interferire nelle attività della Chiesa in modo ingiustificato.

    Egli ha anche criticato alcune personalità della Chiesa in Cina di aver scelto per benefici e premi, diventando schiavi del male.

    Il porporato ha guidato l'assemblea a pregare per una presta liberazione di mons. Ma Daqin e per la sua ripresa del ministero episcopale. L'assemblea ha pregato anche per la libertà di altri vescovi e sacerdoti imprigionati.

    Prima della messa, circa 200 cattolici si sono radunati a pregare il rosario davanti al China Liaison Office, la di fatto ambasciata della Cina ad Hong Kong, chiedendo la liberazione per mons. Daqin e gli altri carcerati, fra i quali mons. Cosma Shi Enxiang di Yixian e p. Lu Genjun, vicario generale di Baoding.

    La Commissione Giustizia e pace, fra gli organizzatori dell'evento, ha pregato anche per i due sacerdoti di Harbin che a tutt'oggi sono forzati a stare lontano dalle loro chiese perché si sono rifiutati di partecipare all'ordinazione episcopale illecita di Harbin.

    I fedeli hanno pregato perché cresca la solidarietà e la comunione nella Chiesa, e perché il governo cinese rispetti la libertà religiosa in Cina, lasciando la Chiesa cattolica libera di operare per il bene del Paese.

    Essi hanno anche pregato perché Il Vaticano e Pechino possano avere un dialogo genuino basato sull'apertura e la sincerità.

     

    (Foto: John Chung)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2012 CINA – VATICANO
    La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
    Il sito ufficiale del Consiglio ha pubblicato oggi una nota, controfirmata dall’Associazione patriottica, accusando il vescovo di aver violato "in modo grave" il regolamento sulle ordinazioni episcopali. Ad Harbin, fonti di AsiaNews denunciano “difficoltà” per due sacerdoti della Chiesa ufficiale che si erano opposti all’ordinazione del 6 luglio scorso.

    11/07/2012 CINA - VATICANO
    Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
    Il comunicato è stato firmato da AP e Consiglio dei vescovi cinesi. In esso non si menziona mai la parola "scomunica" nei confronti di p. Fusheng nominato vescovo di Harbin senza il benestare del Papa. Per l'AP il documento vaticano non favorisce l'unità, la comunione e il sano sviluppo della Chiesa in Cina. Fonti locali denunciano l'utilizzo di toni pretestuosi e fuorvianti per ingannare i cattolici della Chiesa ufficiale.

    10/07/2012 VATICANO - CINA
    Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
    Mons. Ma Daqin, che ha rifiutato l'imposizione delle mani da un vescovo scomunicato e si è dimesso dall'Associazione patriottica rivendica la libertà religiosa che la costituzione cinese garantisce, ma i regolamenti sulle religioni la tradiscono. Il rifiuto dell'Associazione patriottica ha motivi teologici (l'Ap è "incompatibile con la dottrina cattolica"), ma anche pastorali e sociali. Per mesi i pastori sono tenuti lontano dalle loro diocesi, portati a banchettare a spese del governo, mentre i loro fedeli devono combattere con la povertà. I vescovi "opportunisti" come sale scipito. Il valore dei fedeli laici per la riconciliazione con il papa.

    11/07/2012 HONG KONG - CINA
    Il card. Zen e i cattolici di Hong Kong marciano contro le violazioni della libertà religiosa in Cina
    La protesta si è tenuta davanti all'ufficio del governo centrale di Hong Kong. Richiesto il rilascio di mons. Ma Daqin, vescovo ausiliare di Shanghai e di tutti cattolici cinesi. Ordinato lo scorso 7 luglio, il prelato è rinchiuso da giorni nel seminario di Sheshan per le sue dimissioni dall'Associazione Patriottica. Pechino censura tutti i siti internet con notizie inerenti al caso di mons. Ma.

    29/12/2008 HONG KONG - VATICANO - CINA
    Card. Zen: andrò in pensione nel 2009 e lavorerò per la Chiesa in Cina
    Il porporato spera di offrire al papa informazioni sulla Chiesa cinese ed esclude un suo ruolo alla ricerca di rapporti diplomatici fra Pechino e Vaticano. Le celebrazioni sulle ordinazioni episcopali indipendenti dalla Santa Sede sono “un fallimento” e una “violazione alla libertà di coscienza”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®