21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/07/2012
HONG KONG - CINA
Il card. Zen e i cattolici di Hong Kong pregano per mons. Daqin e le sofferenze della Chiesa in Cina
di Eugenia Zhang
Prima della messa nella chiesa di St. Margaret, un gruppo di 200 persone ha recitato il rosario davanti all'ufficio di rappresentanza della Cina chiedendo la liberazione di vescovi e preti imprigionati. Il card. Zen accusa il governo di immischiarsi nelle attività religiose in modo ingiustificato. Critiche a personalità ecclesiastiche che preferiscono benefici e premi, rimanendo "schiavi".

Hong Kong (AsiaNews) - Più di 800 cattolici hanno riempito la chiesa di St Margaret (Happy Valley) ieri sera per domandare la liberazione di mons. Taddeo Ma Daqin, l'eroico vescovo ausiliare di Shanghai, di fatto agli arresti domiciliari, dopo la sua decisione di abbandonare l'Associazione patriottica, resa pubblica il giorno della sua ordinazione episcopale, lo scorso 7 luglio.

La messa è stata presieduta dal card. Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, con la partecipazione del vicario generale mons. Dominic Chan e di molti sacerdoti.

Nella sua omelia, il cardinale ha accusato i rappresentanti del governo comunista e ateo di interferire nelle attività della Chiesa in modo ingiustificato.

Egli ha anche criticato alcune personalità della Chiesa in Cina di aver scelto per benefici e premi, diventando schiavi del male.

Il porporato ha guidato l'assemblea a pregare per una presta liberazione di mons. Ma Daqin e per la sua ripresa del ministero episcopale. L'assemblea ha pregato anche per la libertà di altri vescovi e sacerdoti imprigionati.

Prima della messa, circa 200 cattolici si sono radunati a pregare il rosario davanti al China Liaison Office, la di fatto ambasciata della Cina ad Hong Kong, chiedendo la liberazione per mons. Daqin e gli altri carcerati, fra i quali mons. Cosma Shi Enxiang di Yixian e p. Lu Genjun, vicario generale di Baoding.

La Commissione Giustizia e pace, fra gli organizzatori dell'evento, ha pregato anche per i due sacerdoti di Harbin che a tutt'oggi sono forzati a stare lontano dalle loro chiese perché si sono rifiutati di partecipare all'ordinazione episcopale illecita di Harbin.

I fedeli hanno pregato perché cresca la solidarietà e la comunione nella Chiesa, e perché il governo cinese rispetti la libertà religiosa in Cina, lasciando la Chiesa cattolica libera di operare per il bene del Paese.

Essi hanno anche pregato perché Il Vaticano e Pechino possano avere un dialogo genuino basato sull'apertura e la sincerità.

 

(Foto: John Chung)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li
10/07/2012 VATICANO - CINA
Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
di Bernardo Cervellera
11/07/2012 HONG KONG - CINA
Il card. Zen e i cattolici di Hong Kong marciano contro le violazioni della libertà religiosa in Cina
di Eugenia Zhang
29/12/2008 HONG KONG - VATICANO - CINA
Card. Zen: andrò in pensione nel 2009 e lavorerò per la Chiesa in Cina

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate