Skin ADV
11 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/09/2012, 00.00

    CINA

    Il colosso cinese non ha i soldi per dare i banchi ai bambini delle scuole elementari

    Chen Weijun

    Una storia apparsa sul Changjiang Times getta la luce sulla vera situazione della seconda economia al mondo per volume di affari: nonostante incassi ogni anno quasi 1300 miliardi di dollari, costringe i bambini a portarsi da casa banchi e sedie per avere un’istruzione.

    Pechino (AsiaNews) - Nonostante il regime cinese abbia incassato 1.298 miliardi di dollari nel 2012 (secondo i dati del Fondo monetario internazionale) e sia la seconda economia al mondo per volume d'affari, non ha i soldi per garantire agli studenti elementari dell'Hubei un banco e una sedia per l'inizio dell'anno scolastico. Le fotografie di una bambina di 5 anni costretta a portarsi la scrivania da casa hanno fatto il giro del Paese e solo la generosità di alcuni privati ha permesso alla sua scuola di comprare le attrezzature necessarie.

    La storia è apparsa sul Changjiang Times: le autorità locali, per l'inizio dell'anno scolastico, hanno imposto a circa 3mila bambini di "provvedere da soli" per sedersi. Dopo la pubblicazione dell'articolo, in cui un insegnante racconta di "essere abituato" alla mancanza di attrezzature, alcuni privati hanno sostenuto la spesa (pari a 20 euro per bambino) ma hanno chiesto al governo di reagire.

    La risposta delle autorità centrali non si è fatta aspettare: le autorità del ministero dell'Educazione hanno chiesto a quelle di Macheng di "tirare fuori i soldi dalle proprie tasche" per risolvere il problema. Cosa che i funzionari comunisti hanno fatto, arrivando a comprare 100 sedie e 100 banchi per la scuola elementare.

    Il sistema dell'istruzione in Cina è statale. Il ministero dell'Educazione è, sin dai tempi di Mao Zedong, responsabile dell'alfabetizzazione popolare che è obbligatoria (sulla carta) per 9 anni: i primi 3 anni, la scuola primaria, inizia a 6 anni e finisce a 9; i secondi 6 anni, secondari, dai 12 ai 18 anni. Tuttavia questo obbligo è molto disatteso nelle province rurali, dove i genitori preferiscono mandare i figli a lavorare nei campi o nelle città.

    Secondo il sistema anagrafico cinese, inoltre, senza il certificato di residenza sia l'istruzione che la sanità non sono garantiti se la persona in oggetto si trova al di fuori della contea di nascita. Dato che circa 300 milioni di cinesi si spostano dal luogo dove sono nati per cercare fortuna altrove, sia loro che i loro figli perdono il diritto ad andare a scuola o a ricevere cure in ospedale.

    Oggi, il governo stanzia per l'istruzione circa 100 miliardi l'anno. Per l'esercito Pechino dichiara una spesa annua pari a 106 miliardi l'anno, ma secondo fonti di intelligence americana questa cifra non si avvicina neanche a 1/5 dell'investimento reale. Per il settore energetico, il governo investe circa 200 miliardi l'anno.

    Nel budget dell'educazione, soltanto il 15 % viene destinato alla scuola dell'obbligo. Divorata dalla necessità di mantenersi sempre più competitiva dal punto di vista economico, e dotata di numeri enormi dal punto di vista della popolazione, la Cina ha deciso nel 2003 di cambiare la destinazione d'uso dei fondi pubblici a favore dell'istruzione universitaria.

    Al momento il Paese finanzia 1.552 istituzioni universitarie (fra college e università vere e proprie) dove lavorano 725mila professori e studiano 11 milioni di ragazzi. L'ingresso nelle 100 migliori università nazionali è regolato però da stretti test di ammissione, e solo chi ha goduto di ottima istruzione primaria o secondaria riesce a entrarvi. Ecco perché, dalla fine degli anni Ottanta del secolo scorso, Pechino ha permesso l'apertura delle prime scuole private.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2008 CINA
    A Shanghai il nuovo anno politico inizia con grandi speranze di cambiamenti
    Dopo la cacciata nel settembre 2006 del leader del Partito comunista, Chen Liangyu, i nuovi dirigenti si confrontano con la rapida inflazione e le proteste di piazza per il treno a levitazione magnetica. Prima dei nuovi ambiziosi progetti, occorre affrontare i problemi dei milioni di migranti.

    17/12/2004 CINA
    Condannati per aver venduto latte avariato per bambini


    26/11/2004 CINA
    Un uomo armato di coltello uccide 8 studenti in una scuola dell'Henan


    09/02/2010 CINA
    Scuole “per migranti” demolite, bambini costretti a lasciare Pechino
    Pechino e altre grandi città vogliono demolire interi quartieri, per ricostruirli moderni. Ma così demoliscono anche le economiche scuole per i figli dei migranti, esclusi dall’istruzione pubblica gratuita. Molti bambini rischiano di non poter tornare coi genitori nelle grandi città.

    11/02/2010 VIETNAM
    Un Anno lunare nella povertà per molte famiglie vietnamite
    La crisi finanziaria globale ha molto colpito il Paese, facendo chiudere soprattutto le piccole e medie imprese, motore dell’economia locale. Decine di migliaia di nuovi disoccupati e precari. Tra le vittime i bambini, che lasciano la scuola per raggranellare qualche soldo con lavoretti occasionali.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Il Patriarca Kirill e la Chiesa russa che papa Francesco incontrerà

    Ieromonaco Ioann

    Il capo della Chiesa russo-ortodossa, che incontrerà il pontefice a Cuba il 12 febbraio prossimo, sta trasformando le sue comunità offrendo vescovi sempre più giovani e una curia funzionale. L’ispirazione del modello cattolico e l'eredità di Nikodim. Il rischio della burocratizzazione e del ripiegamento su se stessi.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®