31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/07/2009
TAGIKISTAN
Il conflitto con i talebani può estendersi al Tagikistan
Aumentano le notizie secondo cui i talebani si stanno rifugiando in Tagikistan, per sfuggire all’offensiva in Pakistan e in Afghanistan. Fonti ufficiali smentiscono, ma aumentano gli scontri a fuoco presso la frontiera con l’Afghanistan.

Dushanbe (AsiaNews/Agenzie) – Da maggio l’esercito tagiko è impegnato a pattugliare la regione vicina al confine afgano e ha avuto ripetuti scontri a fuoco con gruppi armati. Analisti esprimono il timore che gli estremisti talebani stiano lasciando Pakistan e Afghanistan per invadere il piccolo Stato ex sovietico.

Rustam Nazarov, direttore dell’Agenzia per il controllo degli stupefacenti, dice che le attuali operazioni nella Valle Rasht fanno parte dell’annuale offensiva contro il traffico di oppio e di eroina, di cui l’Afghanistan è il maggior produttore mondiale. Ma i residenti commentano che queste operazioni sono svolte con segreto e mezzi maggiori che gli altri anni.

Esperti osservano che le operazioni sono iniziate dopo che l’esercito pakistano ha lanciato un’offensiva contro i talebani nella Valle dello Swat e dopo che il presidente Usa Barack Obama ha mandato migliaia di nuovi soldati in Afghanistan contro gli estremisti islamici.

I residenti locali, ai piedi dei Monti del Pamir, confermano che si tratta di scontri con veri gruppi armati.

Anche fonti militari Usa sono convinte che al Qaeda, di fronte alle massicce offensive in Pakistan e Afghanistan, voglia spostare le forze in Paesi vicini.

Il Tagikistan è il più piccolo e povero Stato ex sovietico dell’Asia centrale. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica ha attraversato un periodo di guerre civili, nel quale sono sorti gruppi estremisti come il Movimento Islamista dell’Uzbekistan. La guerra si è conclusa con un accordo di pace nel 1997 e i gruppi estremisti sono stati cacciati in Afghanistan. Il confine con Kabul è montuoso, poco abitato, difficile da controllare: per cui è facile attraversarlo.

La zona è sempre stata rifugio di leader di gruppi armati ribelli islamici.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/09/2010 TAGIKISTAN
Rischi di conflitto civile in Tagikistan. Le preocupazioni di Usa, Russia e Cina
01/08/2008 PAKISTAN
Violenti scontri tra esercito e ribelli islamici nella Swat Valley
17/03/2005 AFGHANISTAN
Le cifre dell’oppio in Afghanistan (Scheda)
22/10/2014 AFGHANISTAN
Anno record in Afghanistan per la coltivazione del papavero da oppio
09/03/2009 AFGHANISTAN
Un dialogo con i talebani mette a rischio i diritti delle donne

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate