29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/07/2009, 00.00

    TAGIKISTAN

    Il conflitto con i talebani può estendersi al Tagikistan



    Aumentano le notizie secondo cui i talebani si stanno rifugiando in Tagikistan, per sfuggire all’offensiva in Pakistan e in Afghanistan. Fonti ufficiali smentiscono, ma aumentano gli scontri a fuoco presso la frontiera con l’Afghanistan.

    Dushanbe (AsiaNews/Agenzie) – Da maggio l’esercito tagiko è impegnato a pattugliare la regione vicina al confine afgano e ha avuto ripetuti scontri a fuoco con gruppi armati. Analisti esprimono il timore che gli estremisti talebani stiano lasciando Pakistan e Afghanistan per invadere il piccolo Stato ex sovietico.

    Rustam Nazarov, direttore dell’Agenzia per il controllo degli stupefacenti, dice che le attuali operazioni nella Valle Rasht fanno parte dell’annuale offensiva contro il traffico di oppio e di eroina, di cui l’Afghanistan è il maggior produttore mondiale. Ma i residenti commentano che queste operazioni sono svolte con segreto e mezzi maggiori che gli altri anni.

    Esperti osservano che le operazioni sono iniziate dopo che l’esercito pakistano ha lanciato un’offensiva contro i talebani nella Valle dello Swat e dopo che il presidente Usa Barack Obama ha mandato migliaia di nuovi soldati in Afghanistan contro gli estremisti islamici.

    I residenti locali, ai piedi dei Monti del Pamir, confermano che si tratta di scontri con veri gruppi armati.

    Anche fonti militari Usa sono convinte che al Qaeda, di fronte alle massicce offensive in Pakistan e Afghanistan, voglia spostare le forze in Paesi vicini.

    Il Tagikistan è il più piccolo e povero Stato ex sovietico dell’Asia centrale. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica ha attraversato un periodo di guerre civili, nel quale sono sorti gruppi estremisti come il Movimento Islamista dell’Uzbekistan. La guerra si è conclusa con un accordo di pace nel 1997 e i gruppi estremisti sono stati cacciati in Afghanistan. Il confine con Kabul è montuoso, poco abitato, difficile da controllare: per cui è facile attraversarlo.

    La zona è sempre stata rifugio di leader di gruppi armati ribelli islamici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/09/2010 TAGIKISTAN
    Rischi di conflitto civile in Tagikistan. Le preocupazioni di Usa, Russia e Cina
    Il diffuso malcontento, specie in zone remote, favorisce alleanze tra gruppi locali e islamici radicali. Nella Rasht Valley i ribelli attaccano le colonne militari. Le potenze mondiali cercano di attrarre Dushanbe nella rispettiva influenza, ma il rischio è che esploda una nuova guerra civile.

    01/08/2008 PAKISTAN
    Violenti scontri tra esercito e ribelli islamici nella Swat Valley
    Violata la fragile pace istituita a maggio. In pochi giorni decine di morti e vittime civili. L’esercito spara con artiglieria ed elicotteri, mentre le milizie islamiche incendiano installazioni statali e scuole femminili. A maggio un armistizio molto criticato, che forse ha permesso ai talebani di rafforzarsi.

    17/03/2005 AFGHANISTAN
    Le cifre dell’oppio in Afghanistan (Scheda)


    22/10/2014 AFGHANISTAN
    Anno record in Afghanistan per la coltivazione del papavero da oppio
    La produzione interessa ora 209mila ettari, vale circa tre miliardi di dollari e rappresenta il 90 per cento del prodotto mondiale. L'ispettore speciale degli Stati Uniti per la ricostruzione in Afghanistan si interroga sull'efficacia dell'azione che gli Stati Uniti portano avanti contro tale coltivazione, costata 7,6 miliardi di dollari.

    09/03/2009 AFGHANISTAN
    Un dialogo con i talebani mette a rischio i diritti delle donne
    La condizione delle donne sarà il banco di prova di qualsiasi dialogo con i talebani. AsiaNews ha raccolto commenti nel Paese riguardo l’idea del presidente Usa di cercare un dialogo con i talebani moderati. Il diffuso timore di “tornare indietro”. L’importanza dell’Iran.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®